Pastorale Giovanile

    Campagna
    abbonamenti
    QuartinoNPG2024


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    genn.-febbraio 2024


    Il numero di NPG
    dicembre 2023


    Newsletter
    genn.-febbraio 2024


    Newsletter
    dicembre 2023


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di GENNAIO-FEBBRAIO di NPG sulle strutture pastorali, e quello di DICEMBRE sulla PG degli ultimi 10 anni, sull'educazione alla pace.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: gennaio-febbraio 2024 e  dicembre 2023.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email

    Introduzione al dossier "Preadolescenti, sport e animazione"


     

    (NPG 1989-09-3)

    Dopo quasi un decennio NPG torna a parlare di ragazzi e sport.
    L'iniziativa non è dovuta a dipendenza dalla necessità di assicurare una certa ciclicità nelle tematiche ricorrenti; né, tanto meno, per acquiescenza a una domanda crescente di attenzione al fatto sportivo, indotta dai fenomeni di spettacolarità sportiva di massa (i mondiali '90 in Italia, per esempio).
    Parliamo di «preadolescenti, attività sportiva e animazione» per il semplice motivo che sono i dati della presente situazione, riferita a quella particolarissima fascia di destinatari, che ci sollecitano a prestare attenzione a fatti, a tendenze, ad alcuni fenomeni ambigui di mercato-consumo di offerte di tempo libero «organizzato», e perciò di induzione e di espansione della pratica e della domanda sportiva.
    Negli anni '70 l'attenzione della rivista al nesso sport-giovani era profondamente orientato a far emergere una teoria critica dello sport, in quanto elemento di una teoria critica della società e dell'educazione in quella società.
    Oggi, al termine degli anni '80, l'istanza che orienta la nostra riflessione è soprattutto la progettazione di una prassi educativa attraverso lo sport, a partire dall'eredità preziosa di quegli appunti critici.
    Proprio per questo abbiamo accostato le tre parole del titolo: preadolescenti, sport, animazione.

    PARTENDO DAI DESTINATARI, SOGGETTI EDUCATIVI

    Il punto di partenza è rappresentato dai destinatari della intenzionalità educativo-pastorale. Essi sono al centro dell'azione educativa con tutta la povertà e ricchezza della loro domanda vitale. La passione educativa ci spinge a entrare in sintonia con il mondo dei preadolescenti, a prendere sul serio le loro domande, a guardarle con simpatia e rispetto, per interpretarle e leggerle nella loro verità: in quanto domande collegate cioè a bisogni vitali primari o secondari, ma al contempo profondamente condizionate, orientate, e a volte anche «manipolate» dal contesto culturale attuale, e in particolare dal modello sportivo della cultura di mercato-consumo.
    Liberandoci da posizioni pregiudiziali, ma criticamente consapevoli di tante ambiguità, accettiamo e riconosciamo l'elevatissima domanda di attività e, anche se più ridotto, il sostenuto indice di pratica sportiva tra i preadolescenti. Da esso facciamo emergere alcuni interrogativi: perché, per i preadolescenti di oggi, lo sport è così importante, e da loro ricercato e praticato? perché la voglia e il sogno di fare gruppo si concretizza, per una buona metà dei soggetti, nel «far parte di una squadra»? perché lo sport e non altro? e quale sport?
    Riconosciamo che la risposta a questi interrogativi è complessa e va perciò articolata in differenti livelli analitici.

    L'ARTICOLAZIONE DEL PRESENTE DOSSIER

    Il dossier che presentiamo intende appunto elaborare alcune risposte a questi interrogativi. Un contributo di analisi della domanda dei destinatari e del loro mondo vitale in ebollizione ci può aiutare a capire il significato psico-sociale e il potenziale valore educativo che la pratica sportiva può rappresentare per i preadolescenti.
    A partire dai diversi materiali della ricerca sui preadolescenti (L'età negata rimane ancora l'unico e fondamentale punto di riferimento per la situazione dei preadolescenti italiani), Vincenzo Lucarini descrive, con taglio prevalentemente psicologico, il cambio degli interessi e di attività preferite nel corso dell'età. Egli cerca di analizzare la connessione esistente tra attività-interesse sportivo da una parte e significati soggettivi, bisogni e funzionalità degli interessi dall'altra, in relazione al processo generale di crescita del preadolescente. L'interesse per il gioco, le attività motorie e la pratica di qualche sport rivelano dunque significati nuovi in tutto l'arco dell'età, e si connettono ad alcune istanze fondamentali di crescita che sono veri e propri «compiti evolutivi». In tal modo, lungi dal ridursi a semplice consumismo sportivo, l'atteggiamento dei preadolescenti manifesta qualcosa di soggettivo; è rivelativo di un inizio di autorientamento del preadolescente stesso all'interno della cultura e delle offerte formative.
    Allo stesso tempo emerge, per chi crede nell'educazione come compagnia, la possibilità di ritrovare, negli spazi-tempi-relazioni dello sport-gioco, un potenziale «luogo educativo», privilegiato anzitutto dai soggetti, oltre che particolarmente aderente alle urgenze del cambio preadolescenziale.
    Sentiamo inoltre l'importanza di dover prendere le distanze da un certo modello di sport-consumo e di pratica sportiva. La continuità con la teoria critica dello sport operata dalla rivista è per noi un'esigenza di verità delle cose e di fedeltà ad una autocoscienza che è ora ampiamente condivisa.
    Accostiamo al contributo analitico un secondo contributo riferito a una analisi critica di quello che la società attuale propone ai ragazzi in termini di offerta sportiva. Anche nel mondo dell'offerta e della pratica sportiva sono presenti le contraddizioni che attraversano società e cultura. Per quanto riguardo l'offerta, si contrappongono sport di massa e sport d'élite, sport consumo-spettacolo e sport esperienza di vita. Naturalmente culture sportive diverse si riversano in offerte e modelli formativi differenti, che vanno da quelli, oggi prevalenti, centrati sulla competitività, sull'agonismo, sull'efficienza delle prestazioni e sul primato della spettacolarità, a quelli più «poveri» e dimessi che scommettono sulla funzione socializzante, liberante, e perciò educativa, dello sport-gioco.
    All'interno delle molteplici offerte ci interessa focalizzare l'attenzione sull'associazionismo degli enti di promozione sportiva, un ambito dal quale sembra emergere, con più impegno e con maggior frutto, il contributo piú significativo per un cambio e per un modello alternativo di cultura sportiva.

    UN SECONDO DOSSIER IN PROSPETTIVA PROGETTUALE

    Il presente studio si prolungherà in un secondo dossier che intende offrire alcuni contributi per un progetto di animazione culturale dentro l'esperienza dello sport-gioco.
    Scommettiamo sull'efficacia dell'incontro tra domanda sportiva dei preadolescenti e qualità dell'offerta da parte degli educatori.
    Ogni esperienza umana, ricuperata alle sue condizioni di autenticità, è esperienza culturale capace di aprire l'uomo alla realtà nella sua totalità, di renderlo più responsabile della propria vita, più solidale con gli altri nella produzione di vita nuova, più aperto alla ricchezza di valore contenuta in ogni esperienza culturale.
    Lo sport, ricuperato alla sua più autentica valenza antropologica attraverso la riappropriazione di alcune sue qualità progressivamente marginalizzate dalla cultura sportiva dominante, può divenire uno dei luoghi privilegiati dell'educazione dei preadolescenti. La prospettiva culturale entro cui consideriamo lo sport in quanto esperienza ludica è quella dell'animazione culturale, che considera l'uomo come «homo ludens» che si appropria, attraverso i linguaggi dello sport, di quelle dimensioni di gratuità e di gratificazione intrinseca della vita che tanto sport odierno ha smarrito.
    Delimitata per così dire l'antropologia dello sport-gioco, presenteremo un progetto di obiettivi di animazione dei preadolescenti che lo sport permette di conseguire. Tale progetto di animazione nello sport non è tuttavia un mero quadro teorico, e nemmeno un sogno soltanto. Esso nasce dal basso e si radica in una qualificata pratica educativa dello sport; esso cresce oggi attraverso alcune prassi innovative dal punto di vista educativo che sono quelle proprie degli Enti di Promozione Sportiva. Ne verranno presentate alcune.


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Il filo di Arianna
    della politica


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI


    Santi giovani
    e giovinezza dei Santi


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


    Storie di volontari


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo


     

    Main Menu