Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    MGS 24 triennio

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    luglio-agosto 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    luglio-agosto 2024
    LUGLIO AGOSTO 2024


    Newsletter
    SPECIALE 2024
    SPECIALE SUSSIDIO 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero SPECIALE di NPG con gli approfondimenti della proposta pastorale, e quello di MAGGIO-GIUGNO sui "buchi neri dell'educazione".  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: specialemaggio-giugno.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook

    x 2024 400


    NPG X

    x 2024 400



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


    Un senso al dolore

    Un intervista a Giovanni Allevi

    Roberto Copello

     


    Allevi ha conquistato gli spettatori di Sanremo non perché ha esibito il suo dolore, ma perché gli ha dato un senso. Un'intervista inedita per capire da dove nascono le affermazioni e i pensieri del compositore che, dal palco del Festival di Sanremo, hanno conquistato gli spettatori

    Ripresentandosi in pubblico dopo due anni terribili, di gravi malattie e lutti, Giovanni Allevi ha conquistato gli spettatori di Sanremo non perché ha esibito il suo dolore, ma perché gli ha dato un senso. Perché ha stupito con la sua capacità di ringraziare. Ha stupito quella sua affermazione sul palco del Festival: «Io posseggo un’identità, un valore, una scintilla interiore, indipendentemente da qualunque riscontro esterno, indipendentemente dal mio aspetto, dai risultati che ho ottenuto, dai giudizi e dalla stima che ricevo». Del resto, come aveva scritto nel 2022 sul suo account Instagram, «non posso sapere cosa mi riserva il futuro, ma una cosa è certa: bisogna amarla questa vita, anche quando il buio ci travolge».
    Diversi anni fa, all’inizio della sua carriera, ebbi occasione di parlare a lungo con il pianista marchigiano, timido e spesso incompreso dall’accademia. Fu un dialogo intenso, in gran parte sul senso della vita più che sulla musica. Un dialogo forse troppo serio perché qualcuno lo pubblicasse (forse perché contraddiceva l’idea che minimalismo e nichilismo debbano coincidere?). E così ecco qui brani di un’intervista inedita dove Giovanni Allevi già faceva capire da dove sgorgano la sensibilità, le parole e i giudizi che hanno commosso il pubblico dell’Ariston.

    Pianista e compositore, ma anche un po’ filosofo. O no?
    Beh, ho studiato filosofia a Macerata, una città calma, dove si respirava un’aura di classicismo, di rigore. La mia tesi su Il vuoto nella fisica contemporanea mi fece scoprire che non esiste il vuoto: in quella che riteniamo assenza di materia emergono spontaneamente delle sub particelle che hanno una vita brevissima, in un movimento di apparente creazione, la fluttuazione quantistica del vuoto. Di fatto dunque il vuoto non esiste, mentre c’è un immenso e infinito campo elettromagnetico, una sorta di onnipresente energia in sospensione, che in certi momenti si addensa e diventa materia.

    E questa consapevolezza cambia il modo in cui uno pensa la vita?
    Probabilmente sì. Nelle ultime ricerche della fisica crolla miseramente l’idea che l’uomo e il pensiero scientifico possano conoscere ogni cosa, governare gli eventi. Non esiste più una previsione se non probabilistica. E così la realtà si mostra assolutamente misteriosa e insondabile, così come l’uomo. Una prospettiva metafisica? Sì, ma la metafisica si occupa di altre realtà: qui parliamo proprio della realtà fisica, che comunque contiene e mantiene il carattere dell’imprevedibilità e del mistero.

    Una smentita di tante teorie nichilistiche?
    Assolutamente. Aprendo di nuovo la porta al mistero, nichilismo e pessimismo crollano miseramente. Passione e sogno tornano a parlare dell’uomo. E l’imprevedibilità dell’esistenza depone per un tramare misterioso dell’universo a proprio favore.

    Tutto ciò in quali filosofi lo hai visto rispecchiato?
    Trovo Parmenide il filosofo più attuale, quello che con la sua filosofia s’è avvicinato di più alle conclusioni cui è giunta la fisica contemporanea: la totalità dell’essere e anche un approccio poetico nei confronti della realtà. Però ho amato Kant e Hegel, che spesso ricorrono nel mio pensiero e nella mia musica.

    E se dovessi scegliere fra Platone o Aristotele? Tommaso o Agostino? Kant o Hegel?
    Direi Aristotele, Tommaso e Hegel. Strano perché queste mie scelte sono un po’ in antitesi a come sono io. Per esempio, Agostino è un passionale e Tommaso rappresenta il rigore. Ma nell’ambito teologico preferisco posizioni rigorose. Così come tra Kant ed Hegel sono molto vicino al pensiero hegeliano, anche se ho amato alla follia la Critica della Ragion pura. Kant non s’interroga più sull’entità dell’oggetto che sta osservando ma sulle facoltà del soggetto che vengono messe in gioco nell’atto di percepirlo. Quindi la cosa più importante è il soggetto che percepisce, non l’oggetto percepito. La stessa cosa un po’ avviene nella mia musica. Si sposta l’attenzione dall’oggetto, che è appunto la partitura scritta, al soggetto che la percepisce, con il suo mondo emotivo. Un ribaltamento che vorrei attuare anche con i miei ammiratori: sono io che dovrei chiedere loro l’autografo, perché onorano della loro presenza la mia musica.

    E queste riflessioni ti hanno reso positivo nei riguardi della vita?
    Non solo sono ottimista e positivo, ma credo che stiamo vivendo un’epoca di straordinaria bellezza. Sono un ansioso, ma ciò non significa che sono pessimista: l’ansia del vivere ti porta ad affrontare l’esistenza in tutti i lati, positivi e negativi. E ciò ti fa sentire vivo, emozionato. Ti consente di rovesciare l’ansia in ottimismo, di volgere il negativo in positivo. Sono molto fiducioso. Me ne convincono i ragazzi che mi scrivono migliaia di email di una profondità e di una bellezza disarmanti.

    Ragazzi spesso fragili…
    Sai quanti ragazzi non ne possono più della società dell’immagine e ambiscono a inseguire i loro sogni? Anch’io non sopporto una società competitiva, in cui si ricerca la perfezione a tutti i costi, in cui si sbandiera la forza dell’essere umano e si nasconde la sua fragilità. Invece il tempo è maturo per riaffermare la fragilità come un elemento costitutivo dell’esistenza, che accomuna tutti. Io devo farci i conti tutti i giorni, su un palco davanti a un pianoforte. Nulla rispetto alle mie esperienze precedenti. A 28 anni ero disperato: Milano per me era una città di porte sbattute in faccia. Ma i grandi filosofi studiati all’università mi hanno aiutato ad accettare la mia fragilità. A riconoscere come la quotidianità regala lampi di senso meravigliosi, purché siamo in grado di raccoglierli. Così ho sviluppato un’attitudine ad attendere, a lasciare che l’esistenza manifesti i suoi doni, senza forzare gli eventi. Ogni porta chiusa mi segnalava che quella non era la strada, che ero destinato a qualcosa di più grande. Finché a Milano ho visto 50mila persone in Piazza Duomo venute per me, ad ascoltare un concerto per piano solo! Insomma, la vita è attesa. Ma bisogna imparare ad attendere.

    Tutto ciò tu lo vivi nella musica.
    Io ho la musica in testa. Il suono è già formato nella mia mente, al pianoforte cerco di riprodurlo. Per questo motivo spesso capita che il suono del pianoforte non corrisponde al suono perfetto, ideale e meraviglioso, che è nella mia mente. Però può accadere che il suono reale superi in bellezza e intensità quello che è nella mia mente. Allora sono felice. La musica che ho in testa è una “strega capricciosa”, somiglia a un’idea platonica che viene a trovarmi già conclusa e definita. Il processo compositivo è un processo per deduzione, non parte da un’improvvisazione sulla tastiera ma da questa idea platonica di una musica già perfettamente strutturata, che poi entra nella mia mente e da essa attraverso le mie dita entra nel reale: dall’ideale al reale. La realtà non è un limite, ma è lo scenario dentro cui l’ideale si realizza. Un argomento ben sviscerato da Hegel. Anche lo scrittore sa che il romanzo già c’è e lui deve solo disvelarne la tessitura. Così come Michelangelo diceva che la statua era già lì nel pezzo di marmo e che lui doveva semplicemente togliere quello che è intorno.

    L’armonia delle sfere è un concetto attuale?
    Sì. Secondo me è perfettamente realizzato in musica nelle note dei Concerti brandeburghesi di Bach, che per me sono proprio la realizzazione musicale concreta del cigolio dell’universo.

    E dei contemporanei chi ammiri?
    L’ultimo grande è Philip Glass. Poi tutta l’esperienza minimale, fra cui Michael Nyman e Ludovico Einaudi. Io però cerco di superare la reiterazione del minimalismo, che comunque ha avuto una sua importanza, nella storia della musica: dopo la dodecafonia, che era esaltazione della complessità e dell’intelletto, con un contraccolpo altrettanto estremo il minimalismo ricercava il vuoto e l’estrema semplicità. A me piace recuperare un po’ di complessità e trovare una sintesi tra i due elementi, in una musica, la mia, fuori di ogni etichetta. Il jazz? L’ho scoperto molto tardi ma non mi affascina l’idea di improvvisare. Ansioso come sono, ho fuggo da ciò che è indeterminato. Ogni nota che scrivo è lì per decreto dell’anima ed è il frutto di un ripensamento di giorni se non di mesi e di anni. Voglio essere monolitico nella musica, non lascio nulla all’improvvisato e nulla all’indefinito.

    Credi al Paradiso e alla vita eterna?
    Assolutamente sì. A chi me lo ha chiesto, ho sempre detto di essere credente. Lasciando che le cose accadano si è pronti ad accogliere il dono che l’esistenza può offrire. Dio c’entra in tutto questo? Sì, tant’è che proprio nelle ultime righe del mio libro La musica in testa apro uno squarcio verso la trascendenza. Dico che chiunque affronti un’attività artistica entra in diretto contatto con il mistero delle cose. E scopre che la quotidianità sa regalare squarci di senso e lampi di divino. Io mi fermo al mistero, non voglio fare teorizzazioni teologiche. Però dalla profondità creativa dell’essere umano alla Trascendenza, con la t maiuscola, il passo è brevissimo.

    (FONTE: https://www.vita.it/storie-e-persone/il-pianista-filosofo/)


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu