Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    luglio-agosto 2024


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024


    Newsletter
    luglio-agosto 2024


    Newsletter
    SPECIALE 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di LUGLIO-AGOSTO di NPG sul tema degli IRC, e quello SPECIALE con gli approfondimenti della proposta pastorale.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: luglio-agostospeciale.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV




    Sottrarre la morte alla disumanità



    Antonio Amato

    (NPG 1998-01-47)

    Parlare di morte in ambito medico è impresa ardua.
    Ancora oggi si discute, ad esempio, su quale sia il momento in cui l'esperienza di vita biologica possa considerarsi irreversibilmente e irrimediabilmente conclusa.
    Dal punto di vista medico inoltre l'evento morte costituisce il segno più evidente del fallimento dell'attività terapeutica e porta con sé senso di frustrazione e un recondito desiderio di rimozione dell'evidenza. La morte, di fatto, è percepita come l'elemento di crisi della moderna scienza medica e diviene perciò il contrappeso ai successi terapeutici delle più avanzate biotecnologie che nell'immaginario collettivo spesso vestono i panni del miracolo.
    Ma la presunta umana onnipotenza, decantata da tanta parte del pensiero moderno, trova il suo limite nell'evento terminale che accomuna tutti gli uomini, ristabilendo tra loro una uguaglianza assoluta nell'ineluttabilità del suo mistero.
    «Nostra corporal sorella morte» non è avvertita come qualcosa che appartiene alla stessa dimensione umana, estremo elemento di limite dell'uomo stesso, bensì come un mostro che minaccia la vita quotidiana e produce ansia e fobia.
    Per questo è necessario esorcizzare la morte: si può tentare di relegarla negli angoli più in ombra della nostra quotidianità (emblematica la celebrazione di un funerale alle tre del pomeriggio in una grande città) o, in casi estremi, si può giungere a cancellarla dalla prospettiva umana (è il caso di uno dei più grandi ospedali italiani il cui progettista aveva dimenticato di prevedere la camera ardente).
    Ma il tentativo di esorcizzare la morte può indurre nella tentazione di manipolarla e quindi, da una parte genera l'assurda pretesa di strumentalizzare l'evento morte per fini che non coincidono con l'interesse del moribondo, come nell'accanimento terapeutico; all'altro estremo è ogni giorno più evidente il progetto di sottrarre alla natura il controllo, appropriarsene e indurlo arbitrariamente divenendo di fatto padroni della vita e della morte propria e altrui, come nell'eutanasia attiva.
    Per uscire dal disagio culturale in cui versa il concetto di morte è necessario che questa ritrovi la sua collocazione dentro la vita, recuperi a pieno la dignità che le deriva dalla solennità del mistero che l'avvolge, venga reinserita nella natura stessa dell'essere umano per ritrovare quel rapporto di pace che la pseudo-onnipotenza dell'uomo tecnologico ha volutamente distrutto.
    È una delle sfide decisive e irrinunciabili per l'uomo, all'esordio del terzo millennio, una rivisitazione culturale che richiede coraggio e determinazione e un grande impegno per l'intelligenza e il cuore delle nuove generazioni.


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    Una spiritualità per i giovani Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email

    Main Menu