Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    luglio-agosto 2024


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024


    Newsletter
    luglio-agosto 2024


    Newsletter
    SPECIALE 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di LUGLIO-AGOSTO di NPG sul tema degli IRC, e quello SPECIALE con gli approfondimenti della proposta pastorale.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: luglio-agostospeciale.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV




    Il programma educativo



    Pietro Gianola

    (NPG 1968-08/09-56)

    Il programma di lavoro di un istituto scolastico (cioè di una scuola inserita entro una più ampia, una più impegnata istituzione di educazione totale, com'è in genere la situazione degli internati e dei sempre più numerosi esternati, semiconvitti), può essere formulato, nel suo momento esecutivo, su questo modello di riferimento.

    1. Problemi di COMUNITÀ educativa

    Ormai è impegno generale del nostro sistema educativo, improntare ogni istituto, ogni sezione e classe di esso, sul modello della «comunità». Non ripetiamo cose conosciute. È sufficiente ricordare i problemi che ne derivano:
    a) preparare presso gli educatori, gli insegnanti, i giovani alunni un clima, una mentalità, una volontà e un'idea concreta tali da favorirne la nascita e lo sviluppo;
    b) avvio delle iniziative di attuazione: organizzazione dei programmi, dei metodi di unione e di attività;
    c) svolgimento dei programmi di ogni comunità;
    d) verifiche e aggiornamenti;
    e) regolamenti, orari, disciplina, rapporti, risolti in tale stile, clima, metodo.
    NB. È evidente che questo discorso avrà una formulazione propria differente, e progressiva di anno in anno, lungo lo sviluppo dei diversi anni di frequenza e scuola; tale formulazione dà origine ai dettagli del «piano annuale» di lavoro.

    2. Problemi di ETÀ evolutiva

    Meglio sarebbe dire problemi molteplici di personalità e condotta e rapporto, connessi con le fasi di sviluppo mentale, affettivo, operativo, sociale..., fino alle differenze richieste proprie di ogni irrepetibile individualità, bisognosa di una propria considerazione e di un corrispondente trattamento. Sono problemi vari:
    a) conoscenza e valutazione preventiva individuale anamnestica, bio-psicologica (intelligenza, affettività e adattamento, normalità di sviluppo, interessi, valori, atteggiamenti, condotte, rendimenti), socializzazione, orientamento e sviluppo religioso, morale, vocazionale-professionale...
    h) rilevamento e soluzione dei problemi dello sviluppo fisico, sessuale, mentale, affettivo, sociale, culturale e morale, connessi con lo sviluppo; interventi al «giusto momento»; considerazione dei casi dei sopradotati, dei soggetti in difficoltà scolastica, dei caratteriali e disadattati; trattamenti individuali...

    3. Problemi di SCUOLA (programma dell'anno)

    a) avvio e sviluppo di rapporti umani e cristiani educativi e didattici validi ed efficaci, alla base del lavoro e della disciplina;
    b) analisi dei programmi e piani di lavoro, impegno di collaborazione generosa alunni-insegnanti per assicurare buoni esiti (promozione come segno di obbiettivi conseguiti);
    c) sviluppo del metodo di apprendimento, di studio e di esercizio per ogni materia;
    d) significato e funzione delle prove e delle valutazioni (voti);
    e) coordinamento dei singoli programmi di lavoro, per un miglior profitto; integrazione reciproca delle discipline; conseguimento di obbiettivi formativo-educativi;
    f) animazione e riferimento «cattolico» di ogni disciplina: sviluppo di una coscienza e di una «vita» di fede e grazia;
    g) partecipazione corresponsabile, attiva, delle famiglie; collaborazione scolastica e continuità domestica;
    h) la scuola al centro di una più larga formazione parascolastica ed extrascolastica.

    4. Problemi di EDUCAZIONE COMPLETA

    Anche se le famiglie collaborano, anche se vi contribuiscono movimenti e gruppi giovanili esterni, ma soprattutto perché le prime non hanno tempo, capacità, volontà, e i secondi non esistono o stentano..., i nostri istituti devono preoccuparsi di integrare i programmi di formazione umana e cristiana in vista della completa formazione dei giovani per un pieno sviluppo e per un adeguato e maturo inserimento nella società civile ed ecclesiale. Consegue un lavoro:
    a) personale: guida dello sviluppo dei singoli fattori della vita bio-psicologica; cesellatura ed eventuale riadattamento del carattere; socializzazione della personalità; sviluppo sessuale; maturazione della coscienza e della padronanza morale (come fatto psicologico);
    b) socio-culturale: appartenenza, convivenza, partecipazione responsabile; informazione e comunicazione; giuoco e sport; attività di tempo libero; partecipazione e creatività culturale; solidarietà con i problemi sociali vicini e lontani; inserimento civico e politico; evoluzioni e rivoluzioni; vocazione e professione; aperture europee e internazionali; pluralismi di ogni genere...
    c) religioso-morale: introduzione e sviluppo catechetico, liturgico, sacramentale, ecclesiale, missionario, evolvendo verso la maturità adulta autonoma e definitiva; maturazione dell'opzione morale istruita, cosciente, generosa, in direzione del bene, nelle principali forme della vita fisica, spirituale, sociale, religiosa; guida alla presenza, al dialogo, alla partecipazione cristiana nell'ambito del pluralismo del mondo...

    VERSO IL PIANO DI LAVORO EDUCATIVO ANNUALE

    In conseguenza delle linee programmatiche sopra esposte, devono essere elaborati anno per anno, corso per corso, i concreti piani di lavoro.
    1. Esigono la collaborazione generosa, intelligente, psicologicamente e professionalmente matura, di tutti gli operatori e anche di qualche esperto.
    2. Il primo lavoro consiste nell'operare nel programma generale un taglio orizzontale che evidenzi e precisi la porzione di obbiettivi da conseguire nell'anno nei problemi di comunità, di età, di scuola, di educazione generale.
    3. È molto opportuna una divisione per trimestri. In genere il primo si distingue per le prese di contatto, per gli avvii, per i primi progressi in ogni campo, per concludere con il primo bilancio al suo termine. Tale bilancio è molto prezioso, se trasformato in lavoro di verifica, di esame approfondito, di partenza rinnovata per eventuali ricuperi o per sviluppi oramai bene preparati.
    Segue il secondo trimestre; tempo di lavoro intenso in ogni direzione; la collaborazione metodica secondo precisi piani di lavoro garantisce esiti soddisfacenti per quasi tutti i casi, eccetto i più difficili, che però ancora esigono un intervento «clinico» a fondo, prima di desistere.
    Il bilancio del termine del trimestre si trasforma in guida per il lavoro conclusivo del terzo: raccolta e stabilizzazione degli esiti, preparazione alla «prova di autonomia» delle vacanze e sguardo all'anno successivo.
    4. Rinuncio a ogni esemplificazione più concreta perché richiederebbe troppo altro spazio. Perciò viene fatta altrove.


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    Una spiritualità per i giovani Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email

    Main Menu