Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    luglio-agosto 2024


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024


    Newsletter
    luglio-agosto 2024


    Newsletter
    SPECIALE 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di LUGLIO-AGOSTO di NPG sul tema degli IRC, e quello SPECIALE con gli approfondimenti della proposta pastorale.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: luglio-agostospeciale.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV




    Gesualdo Nosengo: un apostolo della scuola



    Ivo Paltrinieri

    (NPG 1968-08/09-90)

    Mentre qua e là nel mondo gli studenti innalzavano il grido di protesta contro una scuola che a loro sembrava ormai incapace di dire una parola vera ed efficace innanzi alle istanze giovanili, moriva in una clinica a Roma il 13 maggio u.s. il prof. Gesualdo Nosengo, logoro, non dagli anni – ne aveva appena 62 –, ma da tutta una vita dedicata alla scuola.
    L'ultima fatica infatti che fiaccò la sua fibra, fu la preparazione del volume: L'educazione della Fede nell'età evolutiva (UCIIM-AVE, novembre 1967). Egli voleva che uscisse ad ogni costo in quest'anno della Fede, quale appello di tutta una esistenza offerta ai giovani, che egli intensamente ha amato, come il suo maestro e conterraneo Don Bosco.
    Nosengo fu alunno della scuola salesiana e certamente ha conosciuto le parole di Don Bosco: «L'educatore deve essere tutto consacrato ai suoi educandi».
    Nosengo questo l'ha preso alla lettera e fu «un consacrato» anzitutto. di Dio, nella Compagnia di S. Paolo. Amava chiamarsi, giostrando sul suo nome, Aldo di Gesù! E il Maestro Divino fu al centro di tutta la sua vita, come si sforzò di insegnare – nelle più che trenta opere da lui
    scritte, come nelle conferenze, negli articoli, nelle lezioni – che Cristo è e rimane sempre al centro della storia: di ogni individuo, come della Chiesa e del mondo. Forse fu il primo a insegnare ai giovani – me ne ricordo quando ero giovane io e leggevo il volumetto: Formazione cristocentrica – che Gesù va posto al centro della vita, se si vuole ch'essa abbia valore e significato.
    E ancor questo è l'appello nel suo ultimo lavoro, quando propone Gesù, come il centro della nostra educazione alla fede.
    Ma le sue non erano solo parole schiette e sentite, era la testimonianza che parlava in lui, era l'aver reso programma di vita, quanto aveva scritto: «Il maestro di fede deve presentarsi al suo educando come testimone di Gesù Cristo... Deve parlare e testimoniare come uno che porta in se stesso, nella sua vita personale, la prova della esistenza di Gesù figlio di Dio, l'esperienza della Sua influenza, della Sua forza e dell'intervento efficace della Sua Grazia».
    E questo lo sentivamo, quando ci si incontrava con Nosengo. Povero, semplice, dimesso, estremamente umano, come quando l'incontrai a caso alla stazione di Novara, ove era giunto per tenere una conferenza agli insegnanti cattolici. Nessuno c'era ad attenderlo, ma non si scompose. Si lasciò da me condurre all'Istituto, sotto un sole troppo caldo e appena seduto nel mio ufficio mi chiese un bicchier d'acqua. E mi ringraziò sorridendo, lieto di avermi dato l'occasione di mettere in pratica alla lettera il vangelo.
    Come quando lo sentivamo ai convegni dei Circoli della Didattica e senza l'apparenza di voler essere «il maestro», lo diveniva in realtà, col suo calore, con la sua passione, con il suo amore verso la scuola, specialmente la «nuova media», che fu un po' la sua creatura, memore forse della parola di Gesù: Lasciate che i fanciulli vengano a me.
    Morì con una sola tristezza: di non aver visto prolungata nei corsi successivi quella riforma didattica della scuola, iniziatasi nella media dell'obbligo, perché la scuola fosse più viva, più umana, più consona alle aspirazioni dei giovani, che più che mai oggi vogliono non essere imbottiti di nozioni non sempre utili, ma collaborare perché in essi e con essi si costruisca il mondo di domani.
    Il migliore omaggio che possiamo rendere a questo apostolo laico della scuola è di «continuare nello sforzo – sono parole del suo testamento spirituale – di amare cristianamente e razionalmente (mi piace sottolineare!) la scuola italiana».


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    Una spiritualità per i giovani Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email

    Main Menu