Campagna
    abbonamenti
    QuartinoNPG2024


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    marzo-aprile 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    gennaio-febbraio 2024


    Newsletter
    marzo-aprile 2024
    NL 2 2024


    Newsletter
    gennaio-febbraio 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di GENNAIO-FEBBRAIO di NPG sulle strutture pastorali, e quello di DICEMBRE sulla PG degli ultimi 10 anni, sull'educazione alla pace.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: gennaio-febbraio 2024 e  dicembre 2023.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


    Don Bosco in terra d'Islam
     
    Renato Zilio *

     
    "Ah ecco... una casa che accoglie, una scuola che educa, una parrocchia che evangelizza, un cortile che coltiva amicizia!" Sono i 4 pilastri del carisma salesiano. Ve li enumera con fare entusiasta padre Alex, salesiano spagnolo, settantenne con l'energia di un ventenne. Il suo sorriso deciso sembra ricordarvi la massima di don Bosco "La gioia è la più bella creatura uscita dalle mani di Dio. Dopo l’amore". Padre Alex convinto vi aggiunge subito: "Tutti e quattro i pilastri si trovano qui, a Kenitra!"  In effetti, essi sostengono un complesso grande, si direbbe gigantesco, cresciuto man mano negli anni qui, in Marocco. Il tutto si erge imponente al di qua e al di là di una strada, in centro città. La popolazione musulmana che lo frequenta è altrettanto imponente: un migliaio di ragazzi tra scuola di infanzia, elementari, "collège" e professionale. Senza contare i club e gruppi della città che approfittano fino a sera tardi delle strutture di gioco di un immenso salone. "È la nostra musica salesiana!" sorride ancora padre Alex, alle grida dei giovani, che senti scoppiare spesso durante lo sport notturno. In questa città musulmana il nome "Don Bosco" è tutto un programma. Anzi, un vero idolo, venerato da tutti. Il Centro ha, infatti, formato da decenni i giovani di qui, i cui risultati scolastici sono sempre ottimi. Mentre le sue regole d'oro scorrono sotto gli occhi di tutti sui muri tutt'intorno. "Un ragazzo che legge, sarà un adulto che pensa"."La mia casa è il mondo, la mia famiglia l'umanità"... Una immensa biblioteca, poi, fatta di romanzi, narrativa, fumetti... è a disposizione dei ragazzi per il prestito, di cui essi stessi a turno si improvvisano piccoli bibliotecari. Si educano così uomini responsabili, dando già piccole responsabilità. Antica regola, sempre attuale. Qui, inoltre, non si dimentica la bella ricetta del prete torinese: "Metti in pratica tre cose e tutto andrà bene: allegria, studio, pietà." Imparare e impegnarsi nello studio, è vero, appariva strategico per questo grande educatore. Che potrebbe ripetere con Leo Buscaglia:"Ogni volta che impariamo qualcosa di nuovo, noi stessi diventiamo qualcosa di nuovo."
     
    Parlando, d'altronde, con padre Alain, francese, attuale direttore della struttura, lui stesso vi attirerà l'attenzione sul fatto che "imparare delle nozioni non è ancora educare". L’educazione, infatti, non è riducibile soltanto a istruzione. E viene alla mente quanto don Bosco non terminava mai di raccomandare: "L’educazione è cosa di cuore". Sì, parte dal cuore dell'educatore e va al cuore della vita del giovane. 
    Con ottimismo, cioè, è riconoscere nel giovane un’energia capace di guidarlo verso l’autonomia, risvegliando in lui la voglia di camminare, di costruirsi, di prendere coscienza delle sue qualità positive, offrendo al tempo stesso concrete possibilità per questo.
     
    In questo modo, al Don Bosco il giovane viene formato per entrare a far parte di una società pluralista, in cui lavorare per la giustizia e la pace, con crescenti responsabilità sociali, con rispetto dell'ecologia integrale e della protezione dei più deboli. Senso critico e diritto/dovere di partecipazione saranno particolarmente benéfici ai giovani di qui, che rischiano di percorrere strade tracciate unicamente dal passato o di perdere il desiderio di uscire da sé verso gli altri. Carl Rogers scrive, infatti:" L'unica persona istruita è quella che ha imparato ad imparare e a cambiare." 
     
    Oltre ad essere un complesso scolastico, il Centro Don Bosco è anche casa di accoglienza per una decina di giovani migranti subsahariani, sistemati in due appartamenti. Seguono corsi professionali in elettricità per il loro domani. Il tutto offerto gratuitamente e accompagnato dal dinamismo di un giovane salesiano polacco, padre Piotr (Pietro). Nomadi fin dai loro Paesi, dopo aver attraversato deserti e frontiere, trovano qui il miracolo di una famiglia!
     
    La piccola parrocchia salesiana, invece, ha appena celebrato la festa patronale con una "paella" gigante per 200 persone ed evidentemente una messa solenne presieduta dall'arcivescovo, il cardinale Cristóbal. Questi è ritornato veramente volentieri ... sotto altra veste, essendovi stato direttore salesiano una ventina d'anni fa. 
     
    In fondo, lasciando il "Don Bosco" di Kenitra in riva all'Atlantico, ritorna in mente con forza il segreto del Fondatore: "Se vuoi che i giovani facciano quello che tu ami, ama quello che piace ai giovani.” Sì, al giorno d'oggi in terra d'Islam, inchallah! 
     
     
    * Missionario in Marocco

    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Il filo di Arianna
    della politica


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI


    Santi giovani
    e giovinezza dei Santi


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


    Storie di volontari


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo


     

    Main Menu