Campagna
    abbonamenti
    QuartinoNPG2024


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    marzo-aprile 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    NL 3 2024


    Newsletter
    marzo-aprile 2024
    NL 2 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di MAGGIO-GIUGNO di NPG sui "buchi neri dell'educazione" e quello di MARZO-APRILE sulla narrazione biblica.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: maggio-giugnomarzo-aprile.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email

    Socializzazione




    Tutto il resto (dei giovani) /12

    Carmelina Gaito

    (NPG 2008-05-50)


    «Tra i miei amici ci sono stili di consumo molto diversi: uno che tutte le sere va a mangiare fuori, un altro che si ubriaca dalla mattina alla sera, un altro che fa uso di sostanze stupefacenti, un altro che non consuma niente, mangia a casa e poi esce. Quest’ultimo è anche il mio migliore amico, per questo sono anche condizionato da lui nel mangiare a casa e poi uscire. Grazie a questo discorso succede che spendi di meno, però perdi un po’ il giro delle amicizie perché vita sociale non ne fai» (Rodolfo, 23 anni, commesso).

    Ascoltare le storie di vita di giovani come Rodolfo mette in luce che oggi i consumi sono un forte mezzo di socializzazione. Ripensando ai tanti giovani che la GiOC incontra nei gruppi di riflessione, agli amici e ai colleghi di lavoro, si vede come i luoghi che abbiamo l’opportunità di frequentare fanno la differenza nella nostra vita.
    La tematica dei luoghi di socializzazione offre davvero uno spazio ampio di questioni: più che risposte certe, mette nella condizione di farsi e fare domande, per capire in modo autentico e non superficiale che cosa sta dietro il modo di socializzare delle nuove generazioni.
    Ogni giovane ha degli spazi per intessere relazioni più o meno significative, in cui ha occasione di conoscere persone con una storia e un approccio alla vita diverse, con cui provare a trovare il confronto e scoprire opportunità nuove.
    Spesso questi stessi luoghi di socializzazione sono mediati dal consumo: pensiamo ai bar, alle palestre, ai circoli gestiti dalle associazioni, e poi ci sono le associazioni politiche e di matrice cattolica, il lavoro, la scuola.
    La domanda che sorge da questa panoramica è se questi luoghi davvero ci aiutano ad uscire un po’ dalla solitudine in cui a volte ci troviamo per fare delle scelte. Ci siamo chiesti, inoltre, se i luoghi che dovrebbero essere deputati a sostenerci anche in un percorso formativo ed educativo (ad esempio centri di aggregazione comunale) sono spazi in cui i giovani possono davvero sperimentare un protagonismo fatto di pensieri, fantasia, responsabilità, oppure non sono tanto diversi da un bar dove si va e si spende meno, ma privi di opportunità formative ed educative.
    Altri esempi facilmente osservabili nelle nostre città sono le feste di quartiere. Spesso le iniziative proposte in queste occasioni si limitano all’apertura dei negozi di «via», così da dare ai commercianti un’ulteriore occasione di farsi pubblicità e vendere qualcosa, con il sostegno – economico e non solo - dell’amministrazione pubblica.
    Oppure proviamo a pensare a come sono progettati i centri commerciali, tali per cui una persona può passare tranquillamente la giornata tra bar, ristoranti, cinema, animazione per i bambini e le varie iniziative di tempo libero che vengono organizzate.
    A fronte di queste considerazioni, però, raramente si vedono gruppi di cittadini mobilitati al fine di mettere in discussione gli spazi pubblici di socializzazione che ci vengono offerti, anche organizzandoci, magari interrogando le stesse amministrazioni, sul modo in cui sono spesi i soldi pubblici.
    Non si tratta tanto di farne questioni di principio o prendere una posizione moralistica, quanto del domandarci se i luoghi di socializzazione che viviamo sono di qualità, se rispondono ai nostri bisogni e se ci sentiamo di accedere alle diverse opportunità di relazione e socializzazione che il nostro territorio offre.
    Alcune risposte di consumo positivo la GiOC nel tempo ha provato a darle. Un appuntamento ormai classico sono le feste di zona: momenti organizzati interamente da giovani dello stesso territorio, per i giovani e con i giovani dove la dimensione del consumo viene unita alla proposta di contenuti di riflessione, della scelta di un tempo libero di qualità. È una proposta di un consumo collettivo, socializzante, educante.

    Quali i luoghi delle relazioni?

    L’identità sta nella capacità di essere in relazione e anche il consumo è attività di relazione, quindi si ripropone la questione: dove oggi noi giovani costruiamo le nostre relazioni? In quali luoghi? È possibile recuperare una dimensione collettiva dei consumi, attraverso i luoghi di socializzazione che si condividono e si vivono?
    I giovani a basso capitale culturale, dove per capitale culturale non si intende solo il titolo di studio ma anche tutto il resto di opportunità di scambio e incontro di saperi ed esperienze che una persona fa nella sua vita, frequentano poco i luoghi di socializzazione come le palestre, non vanno più a scuola, viaggiano poco, vanno poco al cinema e ai concerti. Questi elementi portano a dire come il ristretto campo di opportunità influisca anche sulle opportunità di riscatto e di ampliamento delle proprie prospettive di vita.
    Cito testualmente dal blog di Luca De Biase: «Proprio mentre lo sta consumando, la popolazione ama di più il suo pianeta natale. E il consumismo non è più solo una pratica sociologicamente studiata, diventa una filosofia negativa, un’omologazione culturale, talvolta una malattia sociale. Di sicuro, è un’attività che procura una soddisfazione immediata e un’insoddisfazione di fondo sempre più evidente. Il tutto sembra configurarsi come una vera e propria dipendenza.
    L’economia ha ormai chiarito che la crescita dei consumi, una volta superata la soglia della sussistenza, non genera felicità. Anzi, genera infelicità. La felicità è legata molto più alle relazioni con le persone che al consumo.
    Ebbene. Dal punto di vista mediatico, la televisione è strutturalmente connessa al consumismo. Non ne è la causa, ma lo facilita. Per costituzione. Per modello di business. C’era bisogno di un medium diverso per facilitare la trasmissione di informazioni in una cultura di fondo non consumista. Questo mondo dei blog è un medium che si basa sulle relazioni tra le persone. Quindi potenzialmente è una risposta all’infelicità del consumismo».
    Certo i soli beni materiali non fanno la felicità, e a volte si consuma anche per riempire piccoli vuoti. I blog fanno sentire ascoltati e in contatto con innumerevoli potenziali utenti, internet in generale aiuta le relazioni, è un mezzo efficace per chi è un po’ solo e timido. Ma resta un non luogo, un posto impercettibile al tatto. Quando si chatta o si esprimono i proprio pensieri su un blog, si può anche far finta di essere un po’ meglio di quello che si è, si può fare quello che si vuole.
    Per essere felici, invece, forse c’è bisogno di relazioni autentiche, di quelle relazioni non sempre comode, che mettono in discussione, costano anche un po’ di fatica, ma alla fine riempiono la vita
    Forse abbiamo bisogno di mescolarci di più, di conoscere di più, di investire sulle conoscenze e sulle esperienze che ci proiettano oltre il presente, che ci spingono a sognare, ad andare oltre il qui ed ora.
    Ma come fare tutto questo se gli unici spazi che la società crea sono per il consumo «materiale»? Come creare luoghi diversi, di consumo positivo, culturale e informativo, in cui sperimentarsi e vivere ruoli di responsabilità? Come fare perché i consumi diventino l’occasione per creare relazioni significative? Come consentire a tutti i giovani di avere pari opportunità di formazione, di scelta, di autonomia?
    Pensando alla dimensione degli spazi relazionali e alla socializzazione, non si può non tenere conto della dimensione del «bello», del piacere, del divertimento.
    Cercare nella definizione delle nostre relazioni quei luoghi fisici e quelle persone che ci stimolano a volere di più, a superare la logica del bisogno e adottare maggiormente la dimensione del desiderio: che cosa voglio davvero, per me, oggi? E per il mio futuro? Quanto sono soddisfatto del mio lavoro, della mia vita affettiva, familiare?
    Il desiderio è fondamentale perché dinamizza, ci conduce fuori dal sistema, apre prospettive inedite, permette di riconoscere e cogliere le opportunità che la storia ci offre. Certo però senza mai dimenticarsi che si può gettare il cuore oltre l’ostacolo solo se in compagnia, sostenuti da persone di cui ci fidiamo. Siamo inseriti in una collettività verso cui abbiamo non solo diritti ma anche doveri.
    Forse la sfida sta nel confrontarci proprio su questo: quali sono gli spazi di socializzazione che quotidianamente viviamo? Quanto sono significativi? Quanto le relazioni che abbiamo ci spingono a riscattarci, a volere di più, a conoscere, a non accontentarci, quanto ci spingono a sognare e a mantenere attenzione al mondo che ci circonda con responsabilità, sentendo propria anche la cosa pubblica?


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo

     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu