Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    MGS 24 triennio

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    luglio-agosto 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    luglio-agosto 2024
    LUGLIO AGOSTO 2024


    Newsletter
    SPECIALE 2024
    SPECIALE SUSSIDIO 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero SPECIALE di NPG con gli approfondimenti della proposta pastorale, e quello di MAGGIO-GIUGNO sui "buchi neri dell'educazione".  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: specialemaggio-giugno.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook

    x 2024 400


    NPG X

    x 2024 400



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


    Casa del mio pensiero

    Dopo un pellegrinaggio in Terra Santa


    Marta Feliciangeli

    Terra Santa


    Le cose vecchie sono passate: ecco, ne sono nate di nuove (2 Cor. 5,17).

    Da quando ho avuto l’occasione, un anno e mezzo fa, di visitare i luoghi dove Gesù ha vissuto, la Terra Santa è diventata la casa di ogni mio pensiero: la mia mente mi riporta sempre a quei luoghi e all’aria così particolare che lì si respira e tutto ciò che oggi sono o faccio dipende da quella settimana di luglio che ho trascorso in Israele. Alla partenza non avevo un grande rapporto con Dio o con il Vangelo e temevo di essere la persona sbagliata per un viaggio simile, pensando quasi di non meritarlo, considerato quanto poco sapessi di Gesù o dei luoghi che andavo a visitare. Ero però desiderosa di conoscere ed è questo che ha reso il pellegrinaggio una vera e propria scuola di vita.
    Sapendo di essere forse la pellegrina che aveva di più da imparare, mi sono limitata ad ascoltare in silenzio ciò che la guida diceva e, pur senza saperlo, sono andata a occupare l’ultimo posto tra gli invitati a nozze (Lc. 14:8). I giorni del pellegrinaggio intanto iniziavano a scorrere: Nazareth, Tabor, Cana, Tiberiade, Cafarnao, Gerico, Betlemme, Masada, Ain Karem. Luoghi bellissimi, ma che ancora non mi parlavano del tutto: avevo paura di tornare a casa senza un rapporto personale con Dio, guardavo gli altri pellegrini che erano con me e vedevo fede, costanza, coinvolgimento e commozione che a me non sembravano toccare.
    Il pellegrinaggio non poteva però concludersi senza la visita a Gerusalemme: lì finalmente Colui che ci aveva invitati tutti a nozze mi ha chiamata più avanti. È accaduto nella basilica del Santo Sepolcro, il luogo che ora mi è più caro al mondo. In fila per la visita ho pensato a lungo a cosa poter dire nei pochi secondi che mi erano concessi nel Sepolcro e ho scelto le parole del Credo che più sentivo adatte (sbagliandole nell’emozione): credo nella resurrezione dei morti e nella vita del mondo che verrà. È molto difficile spiegare come io mi sia sentita appena uscita: tra le lacrime di un pianto che assomigliava molto a quello di Pietro durante il Venerdì Santo, i colori del mondo apparivano diversi e mi sembrava che a tutto ci fosse risposta. Dopo aver visto e capito la Croce, il viaggio e il Vangelo hanno finalmente avuto senso. Al mio ritorno, sulla scia di quella pienezza d’animo, è stato momento di leggere il Vangelo e la Bibbia dalla prima all’ultima parola, ma soprattutto di accettare come Dio si stesse facendo sentire nella mia carriera universitaria. All’inizio del terzo anno di Lettere Classiche all’Università di Siena, fuorisede e con amici che non avrei mai voluto lasciare, sentivo quanto ciò che stavo studiando stesse perdendo importanza a favore di tutto ciò che avevo visto e sentito in viaggio. Il desiderio di cambiare percorso cresceva: cercavo di guadagnarmi piccole pause dallo studio per leggere il Vangelo e pregavo che il Signore mi desse una strada che portasse a Lui. A dicembre, il rifiuto da parte del mio relatore di una tesi sulla Terra Santa mi ha spinta a cercare altrove e Torino è sembrato il posto migliore per una Laurea Magistrale che riguardi ciò che mi appassiona e che mi faccia sentire come se fossi ancora nel mezzo del Lago di Tiberiade. Ho preso questa decisione cinque mesi dopo il pellegrinaggio e da quel momento in poi ho studiato in compagnia di Dio ogni parola dei miei testi universitari, solo per essere qui oggi a dedicare a Dio i miei studi.
    Egli nella Bibbia lo dice chiaramente: Io conosco i progetti che ho fatto a vostro riguardo, progetti di pace e non di sventura, per concedervi un futuro pieno di speranza (Ger. 29:11). Ora so che Dio non è lontano, che è con noi nella vita di tutti i giorni e che segue le nostre fatiche e i nostri successi, anche nello studio.
    Per usare le parole di Luigi Santucci, ricordiamoci che Gesù Cristo non è solo la sfolgorante speranza che nella mattina di Pasqua ha lasciato vuoto il sepolcro, ma è anche il falegname, dio di mani che hanno lavorato (o studiato) un altro giorno.


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu