Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    luglio-agosto 2024


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024


    Newsletter
    luglio-agosto 2024


    Newsletter
    SPECIALE 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di LUGLIO-AGOSTO di NPG sul tema degli IRC, e quello SPECIALE con gli approfondimenti della proposta pastorale.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: luglio-agostospeciale.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV




    Adesso che è tutto finito



    Nicoletta Grieco

    (NPG 1999-09-50)


    Sahimir aspira forte il vento di mare e sente già l’odore di casa.
    Non è stato così qualche mese fa, quando su di un canotto stretto, pigiati come bestie, viaggiavano verso l’ignoto, lasciando le proprie case, scappando dalle bombe e dalle stragi.
    Adesso papà gli ha detto che ritornano a casa, lasciano il campo profughi in Italia e ritornano alla propria terra.
    Sahimir non vede l’ora; ha voglia di rivedere la sua stanza, i suoi giocattoli, la sua valle verde, ma soprattutto ha voglia di rivedere Vladimir, il suo migliore amico.
    Papà non gli ha detto che non sa se la loro casa è ancora in piedi e che probabilmente i suoi giocattoli sono stati bruciati con tutte le altre cose.
    Papà non gli ha risposto quando lui gli ha chiesto di Vladimir, perché Vladimir è serbo, così ha sentito dire Sahimir, mentre lui è albanese.
    Ma Sahimir pensa che adesso che è finita la guerra tutto può tornare come prima, e lui e Vladimir potranno scorrazzare per i campi e fare i dispetti alle femmine, serbe o albanesi che siano, potranno giocare con il cane Toby, e perdersi nella boscaglia come due veri cacciatori.
    In fondo prima era così e, adesso che è tutto finito, non c’è motivo di stare ancora separati.
    Durante la guerra riusciva a scorgere il volto di Vladimir dalla finestra, lui gli accennava un timido saluto prima che il padre lo spingesse a forza dentro.
    Quando nessuno li vedeva riuscivano a parlarsi a gesti, e si promettevano nuovi giochi per quando tutto sarebbe finito.
    Poi una notte sono dovuti scappare e lui Vladimir non l’ha potuto salutare, ma è sicuro che lui lo sta aspettando, adesso che è tutto finito.
    Mentre pensa questo il traghetto attracca nel porto; poche ore di viaggio e saranno a casa.
    Quando arrivano è un pianto disperato ovunque, la casa è semidistrutta, la sua stanza è ancora in piedi ma piena di buchi dappertutto. Il papà incita tutti a non disperare, tutto sarà ricostruito, l’importante è essere vivi ed essere insieme.
    A Sahimir in fondo dei giocattoli non importa molto, muore dalla voglia di vedere Vladimir, e appena può sgattaiola via e corre verso casa di Vladimir.
    La casa è tutta sprangata, Vladimir non abita più qui gli dicono degli altri ragazzini, i serbi sono dall’altra parte della città, la parte protetta dai soldati.
    Sahimir non si dà per vinto e corre veloce giù per la valle, raggiunge lo stradone principale e chiede dove stanno i serbi.
    I soldati gli dicono che non può entrare, che è pericoloso. Sahimir comincia a urlare il nome di Vladimir, forte, così forte che mezza città serba si sveglia.
    Poi lo vede arrivare, correre verso la staccionata e urlare a sua volta il suo nome.
    Piangono Sahimir e Vladimir, piangono perché non possono toccarsi, azzuffarsi e giocare insieme; un’enorme, insormontabile staccionata li divide.
    Adesso che è tutto finito.


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    Una spiritualità per i giovani Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email

    Main Menu