Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    luglio-agosto 2024


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024


    Newsletter
    luglio-agosto 2024


    Newsletter
    SPECIALE 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di LUGLIO-AGOSTO di NPG sul tema degli IRC, e quello SPECIALE con gli approfondimenti della proposta pastorale.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: luglio-agostospeciale.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV




    Perché? Adulti, rispondete!



    Lettera aperta alle vecchie generazioni

    Gioia Quattrini

    (NPG 1996-09-2)


    Vi sia lieve la terra sotto la quale giacete... - il giovane accanto a me lo sussurra una volta, ed ancora e poi di nuovo ad ogni passo, pensiero scabro, come tenera cartilagine, in questo luogo dove non c'è posto per la retorica.
    «Vi sia lieve la terra sotto la quale giacete...» era il delicato augurio che gli antichi incidevano sulla pietra sepolcrale dei propri cari, ed Antonio pieno di emozione ce la rammenta davanti a quelle strazianti fosse comuni.
    A Dachau l'orrore si impone assoluto, senza colori né voce. Il fragore del silenzio non conosce attenuazione, eppure siamo tanti, come certamente numerose erano le truppe americane che il 25 aprile 1945 mettevano piede qui, ad appena 25 Km da Monaco. Numerosi come noi i soldati e come noi, di certo, ammutoliti. Su un tavolo, abbandonato, un ordine di Himmler che stabiliva: «Il campo deve essere distrutto, nessun detenuto deve cadere vivo nelle mani del nemico, l'infermeria deve essere bruciata». Non fecero in tempo. Qualcuno ci racconta che questo lager era pure il laboratorio preferito per gli esperimenti medici del sinistro professor Heyde.
    «Quanto resiste un uomo nell'acqua gelata prima di morire assiderato?», si domandava con curiosità il luminare del Terzo Reich, convinto che il giuramento di Ippocrate fosse solo un misero tentativo di screditare l'intelligenza tedesca da parte degli antichi greci, anche loro da sempre nemici della Germania.
    Ci siamo incontrati qui, giovani da tutte le parti d'Europa, e con le nostre giacche colorate ci muoviamo lenti sullo sfondo bianco-grigio degli edifici massicci. Sangue di nuovo ossigenato che scorre con vigore in vene sclerotizzate dall'età e dal fumo. Mi ritorna alla mente la bimba con il cappotto rosso nel film in bianco e nero di Spielberg: Schindler's list. Siamo tanti per una celebrazione che ci vedrà assieme, mani con le mani, vicini nella preghiera per i martiri innocenti; ma ora ciascuno di noi è solo, davanti alla propria coscienza, davanti alla propria responsabilità verso un passato troppo prossimo per non riguardarci.
    Prima di entrare, un enorme cartello invitava ognuno a pronunciare le parole MAI PIÙ, una promessa perché l'orrore già accaduto non si ripeta. Con entusiasmo lo abbiamo gridato; fermi gli occhi negli occhi dei nostri vecchi. Sono stati loro a convocarci qui per tenderci con scarne braccia il testimone: un numero impresso col fuoco. Non è vendetta che ci chiedono ma memoria, che è altra cosa dal perdono. Essa ha bisogno della verità. Sul cancello di ferro battuto di questo e di tutti gli altri lager, una scritta domina con sferzante ironia: ARBEIT MACHT FREI, il lavoro rende liberi. A renderci liberà sarà solo la verità.
    Mi guardo intorno: siamo giovani insegnanti, avvocati e medici della nuova guardia, magistrati che sognano la trincea più esposta; eppure non siamo preparati. Mille gli interrogativi e mille i dubbi su ciò che accadde e sui perché. Il resto del mondo sapeva? E se sapeva, perché tacque? Il silenzio non è mai protesta, è sempre complicità.
    Quali sono le responsabilità del nostro paese? Qualche anziano appena accennava, audace, che anche noi ne avevamo in alta Italia. Ne avevamo di cosa? Perché questa vaghezza? Come potremo essere i garanti della giustizia, della libertà, i guardiani del mostro, se l'imbarazzo e la vergogna impediscono che ci venga detta la verità? Le vecchie generazioni, nonni, padri, insegnanti ci spieghino con umiltà e coraggio dove, come e quali furono le condizioni che li portarono a sbagliare. Noi ascolteremo con lo stesso coraggio e la stessa umiltà.
    Solo così ci sorriderà un futuro che vedrà finalmente realizzata la promessa fatta con cuore puro, in un terso mattino di aprile, a Dachau: MAI PIÙ.


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    Una spiritualità per i giovani Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email

    Main Menu