Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    luglio-agosto 2024


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024


    Newsletter
    luglio-agosto 2024


    Newsletter
    SPECIALE 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di LUGLIO-AGOSTO di NPG sul tema degli IRC, e quello SPECIALE con gli approfondimenti della proposta pastorale.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: luglio-agostospeciale.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV




    La paura del «diverso»


     

    (NPG 1990-05-64)

    Spesso l'opinione pubblica, di fronte a problemi complessi, cerca il criterio di giudizio più semplificato, quasi a garantirsi almeno un po' di minimale chiarezza.
    Sta avvenendo qualcosa di simile sui problemi dell'immigrazione, dei lavoratori stranieri in Italia, della gente di colore e «vu cumprà». Sono problemi di complessità enorme legati all'intreccio di innumerevoli motivazioni e meccanismi di carattere economico, demografico, sociale e politico.
    Eppure tutti li viviamo sotto il segno di «razzismo sí e razzismo no». È l'abituale modo di dividerci, senza prenderci la responsabilità di andare in profondità, almeno per capire le basi culturali del disagio che avvertiamo. La formazione di una società multirazziale o l'arroccamento (più o meno «razzistico») in difesa dell'esistente sono nei fatti due scelte culturali e bisogna andare in profondità per capire i riferimenti valoriali su cui esse possono essere più o meno consapevolmente compiute.
    Mi sarà permessa l'ipotesi, molto radicale, che in proposito ci sia un solo riferimento valoriale: l'accettazione o il rifiuto della «diversità» nell'evoluzione dei comportamenti collettivi. È questo il tema di fondo di oggi e non c'è bisogno di essere profeti per capire che sul tema si sta formando un grande fronte di contraddizione fra mondo cattolico e realtà sociale italiana.
    Nel prossimo futuro infatti la dialettica sociale ruoterà sul problema dell'accettazione o del rifiuto dei tanti portatori di diversità con cui questo Paese si trova a dover vivere: gli immigrati, la gente di colore in particolare, i portatori di handicap, i tossicodipendenti, i malati di Aids, i barboni, gli anziani soli ed estraniati dalla vita quotidiana; tutti coloro cioè che non possono e non vogliono essere partecipi della crescita economica e dei meccanismi (di iniziativa e di competitività) che la determinano.
    Perché noi italiani in genere non amiamo la diversità, la consideriamo anzi con sospetto e riprovazione? E perché vestiamo questa resistenza con spiegazioni tutte diverse (una per gli immigrati, una per i tossicodipendenti, ecc.) e quindi sfuggenti ad una pur necessaria interpretazione unitaria?
    La possibile spiegazione è che la paura della diversità è in fondo la paura dell'altro, la paura che la propria identità risulti fragile di fronte all'altro.
    L'altro ci mette sempre in crisi, quando non riusciamo ad appiattirlo alle nostre idee, ai nostri affetti, alle nostre concezioni di vita e di valori; l'altro che non incapsuliamo in noi, l'altro che resta (e giustamente) altro, diventa un potenziale nemico. Se lui non cambia per diventare simile a me, c'è il pericolo che cambi io nel rapporto con lui, c'è il rischio che si incrini la mia identità, quel che sono e voglio essere (o credo di essere).
    È questo il groviglio che sta sotto tutti i rifiuti della diversità.
    Se non accettiamo con serenità che il nostro coniuge sia diverso, altro da noi, ma cerchiamo di incapsularlo in noi, dietro l'angolo c'è la paura di perdere la propria identità, il conflitto coniugale, anche il rifiuto del coniuge.
    Se non accettiamo che l'immigrato di colore sia diverso, altro da noi, dietro l'angolo c'è la paura di un miscuglio umano non controllabile, il rifiuto dell'immigrato, il razzismo piú o meno velato.
    Addirittura nella Chiesa, se non accettiamo che l'appartenente ad un'associazione o a un movimento diversi dal nostro sia diverso, altro da noi come esperienza religiosa, dietro l'angolo c'è l'enfasi della propria identità ed appartenenza, c'è il rifiuto del dialogo, il settarismo.
    Gli esempi potrebbero continuare, ma possono bastare questi tre per capire che la diversità dell'altro è la nostra grande paura, quale che sia l'ambito sociale in cui essa scatta.
    F. Girard, il grande antropologo giudaico-cristiano, ci ha spiegato in quale profondità del tempo è nata l'archetipica paura del diverso, dell'altro: nella convinzione dei primitivi di essere tutti eguali e che i diversi erano la fonte di ogni sventura, tanto che li si sacrificava, prima di arrivare a trasporre il sacrificio su un capro «espiatorio».
    E quanti sono oggi, nella nostra società, i capri espiatori dei nostri rancori e disagi personali, coniugali, urbani, religiosi?
    Del resto non si tratta solo di una permanenza di un grande archetipo culturale; nella paura della diversità e dell'altro c'è anche il riscontro di un fattore molto più attuale, quello della forte soggettività che ha caratterizzato. In una società in cui tutto è diventato soggettivo (il lavoro, lo svago, le norme, il peccato, ecc.) e che è quindi sotto il segno di «tutto è mio» (il corpo, il coniuge, il tempo, la vita, ecc.) è molto difficile uscire da se stessi per accettare l'altro, per andare incontroall'altro, per «ricominciare dal tu». Si preferisce la propria identità chiusa, spesso anche egoistica.
    I cattolici italiani cominciano però a sentirsi stretti in questa duplice prigionia (archetipica e moderna) nella paura della diversità, pur sapendo che con ciò entrano in rotta di collisione con emozioni profonde della nostra società.
    Essi prendono posizione (e spesso anche impegni diretti) in favore dell'immigrato, del «negro», del malato di Aids, del tossicodipendente, dell'handicappato, del barbone, del depresso o malato mentale, dell'altro nelle sue varie forme, nelle sue varie incarnazioni.
    Forse cominciano a capire, con Lévinas, che «il volto di Dio comincia dal volto dell'altro»; e con fatica vanno verso gli altri, verso la diversità degli altri.
    Non è detto, anzi c'è da temere il contrario, che essi abbiano grande successo di pubblico. Ma su questa pietra di contraddizione non si può rinunciare a testimoniare, anche con il rischio dell'impopolarità.

    (Giuseppe De Rita, Avvenire, 15 marzo 1990)


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    Una spiritualità per i giovani Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email

    Main Menu