Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    luglio-agosto 2024


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024


    Newsletter
    luglio-agosto 2024


    Newsletter
    SPECIALE 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di LUGLIO-AGOSTO di NPG sul tema degli IRC, e quello SPECIALE con gli approfondimenti della proposta pastorale.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: luglio-agostospeciale.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV




    La vita? A dodici anni è una canzonetta


     

    (NPG 1987-10-28)


    Gli adulti sono sempre sconcertati e stupiti osservando l'entusiasmo e il fanatismo che i ragazzi di entrambi i sessi provano verso i cantanti di musica leggera. Oggi è il caso di Madonna, attesa e adorata come una divinità. Fra vent'anni ci saranno altri ragazzi dai dodici ai diciotto anni che impazziranno per un altro cantante. Gli adulti non capiranno perché, e ricorderanno con simpatia e nostalgia le canzoni di Madonna. È una delle poche regole ferree del succedersi delle generazioni.
    In tutti gli altri campi, nella letteratura, nello sport, i gusti dei giovani e degli adulti si sovrappongono considerevolmente. Padre e figlio possono fare il tifo per la stessa squadra e con la stessa passione. Madre e figlia possono leggere gli stessi libri. In tutti questi campi gli adulti hanno sempre qualcosa da insegnare o da comunicare ai ragazzi. Nella musica no.

    Lo «spirito» di una generazione

    L'interesse dei ragazzi per la musica leggera esplode verso gli undici-dodici anni e si rivolge subito, senza fallire, verso ciò che sarà di moda, verso ciò che avrà successo, verso ciò che interpreta lo spirito dell'epoca per questa nuova generazione. Avere successo nella musica leggera vuol dire piacere a questi ragazzi. Gli adulti, i critici musicali, tutti gli altri non contano.
    La musica leggera è creata per gli adolescenti, si rivolge a loro, parla a loro. Sono essi che determinano il gusto musicale di quell'epoca. La nuova generazione ne imporrà un altro diverso, con un incessante cambiamento che non conosce revival, che distrugge impietosamente il passato. Se si continua a suonare musica leggera di moda anni fa, è perché lo vogliono gli adulti che erano stati giovani in quell'epoca. Questa musica, per l'adulto, è fondamentalmente rimembranza, nostalgia.
    Per il giovane, invece, è scoperta, rivelazione, chiamata. I giovani ascoltano le parole delle canzoni con l'attenzione ed il rispetto che il seguace dedica al profeta, al filosofo, al sacerdote. La canzone parla della vita, insegna. Per i ragazzi Lucio Dalla, Venditti, Vasco Rossi, sono dei filosofi e dei saggi. Gli unici filosofi e gli unici saggi, capaci, comunque di interpretare, capire la loro vita, i loro problemi, i loro sentimenti, di dare espressione al tumulto delle emozioni. E questo è sempre avvenuto anche nel passato. La piú semplice canzone, a partire da «Addio mia bella addio», ha sempre svolto questa funzione evocatrice-interpretativa per la generazione che la cantava. Ha sempre provocato commozione, entusiasmo.
    In questa età la musica è strettamente legata al ballo. Ogni generazione impone una nuova moda musicale ed un nuovo modo di ballare. Un tempo le figure del ballo erano formalizzate: il valzer, il tango, il foxtrot, il twist, ecc. Oggi non lo sono piú, ma restano comunque delle differenze posturali e gestuali. Un ragazzo si accorge subito se chi balla è della sua stessa età o piú vecchio. Questo stretto legame della musica e del canto con il ballo ci porta al significato erotico della musica.
    L'interesse per la musica compare verso i dodici anni in corrispondenza della maturazione sessuale e dell'erompere dell'erotismo. L'erotismo produce uno sconvolgimento dell'equilibrio psichico infantile.
    Sono uragani di eccitamenti e di emozioni che il soggetto non sa esprimere, non sa dire, non sa interpretare. La musica ed il ballo offrono un linguaggio al corpo, una forma alle emozioni, al rapporto erotico. Le parole delle canzoni costituiscono un primo nucleo espressivo verbale per problemi, tensioni, dilemmi nuovi e sconvolgenti. La musica leggera è l'unica struttura capace di dare forma simultaneamente all'emozione, al corpo e alla parola. È, in sostanza, un linguaggio specifico per quel gruppo di età, per esprimere il suo specifico stupore di fronte al risveglio erotico e alla vita adulta.

    Il linguaggio del gruppo

    Gli adolescenti, per esprimere la loro specificità e diversità, devono riunirsi in gruppo, formare una società in cui siano possibili gli scambi di esperienze. Devono elaborare un proprio linguaggio. Infatti ogni generazione, ogni aggruppamento elabora dentro di sé il suo gergo. Ma un gergo, per quanto originale, costituisce solo una minima variazione della lingua, una leggerissima increspatura su una immensa struttura comune.
    L'unico linguaggio specificamente loro, diverso da quello delle generazioni precedenti e capace di imporsi a quello adulto, è la musica leggera e tutto l'universo simbolico che ruota attorno ad essa. In questo campo ogni nuova generazione è padrona assoluta. Ciò che avrà scelto e deciso passerà pari pari nel mondo adulto.
    Nata per esprimere l'irruzione dell'uragano emozionale erotico, per dare forma alle prime relazioni amorose adulte, per collegare insieme il popolo che si affaccia alla vita, la musica leggera perde di importanza quando questo compito è terminato. Quando, verso i diciotto-vent'anni, il ragazzo incomincia ad avere altri strumenti di espressione, di analisi, di comunicazione. Questo non vuol dire che perderà ogni interesse per la musica e per il ballo. Continuerà ad averli, ma non sarà piú lui il protagonista, colui che sceglie, che determina il successo. Perché non sarà piú capace di quell'entusiasmo, di quella passione totale che trasformava i cantanti in sacerdoti, in profeti, in divinità. Diventerà un consumatore. Mentre prima era un credente, un militante, un seguace.
    (Francesco Alberoni, Corriere della sera, 7 settembre 1987)


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    Una spiritualità per i giovani Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email

    Main Menu