Campagna
    abbonamenti
    QuartinoNPG2024


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    marzo-aprile 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    gennaio-febbraio 2024


    Newsletter
    marzo-aprile 2024
    NL 2 2024


    Newsletter
    gennaio-febbraio 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di MARZO-APRILE di NPG sulla narrazione biblica, e quello di GENNAIO-FEBBRAIO sulle strutture pastorali.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: marzo-aprilegennaio-febbraio.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


    Studiare ai tempi

    del coronavirus

    Andrea Messaggi

    Pastorale Universitaria Como

    PU como


    Ci siamo trovati online con otto studenti: uno scienziato motorio (lavoratore e frequentante già da prima del virus una Università telematica), due fisici (secondo e sesto anno in tesi), un ingegnere aeronautico, una storica dell'arte, tre letterati moderni (primo, quarto e quinto anno). Insomma, umanisti e scienziati, per usare una distinzione schematica e un po’ rozza. Mancano i medici e gli infermieri, ma ci sarebbe voluto un articolo tutto per loro. Qui abbiamo l’occasione di guardare in azione lo studente-studente, che non ha obblighi semi-professionali di Corsia. Le parti virgolettate sono riportate direttamente dagli appunti del nostro dialogo.

    In questi due mesi si è molto parlato di scuola, ma poco di università, quasi fosse un mondo a parte, poco toccato in fondo dal Covid-19. È così? Cosa è successo in Università?
    Non se ne parla, ma le università sono state molto toccate. Sono state tra le prime realtà lavorative a proporre una chiusura organica sul territorio lombardo (scelta rivelatasi lungimirante), il che ha implicato una grande capacità di risposta di fronte a una situazione nuova e piena di incertezze. In Statale poi – per citarne una – il 10% dei dipendenti è stato colpito dal virus. La chiusura delle biblioteche ha costituito un grave disagio per i ricercatori. Molti studenti, scivolati in serie ristrettezze economiche, non riescono a pagare le rette. Gli Atenei hanno stanziato dei fondi emergenziali in soccorso di queste situazioni, ma un interessamento concreto e adeguato da parte del Governo si è fatto aspettare molto. Si vedrà se l’attuazione degli Atti Ministeriali del “Rilancia Italia” servirà utilmente in questo senso. Anche senza entrare nel merito dei dati specifici, per noi studenti è palpabile un certo spirito polemico dentro i consigli degli organi di rappresentanza. È interessante però che questo malcontento venga molto più da alcuni rappresentanti degli studenti (e dagli studenti stessi), che dai professori.
    In effetti, ciò che tutti abbiamo notato è la grande disponibilità mostrata dai docenti: nel reinventarsi attraverso le modalità telematiche,come nel venire incontro alle nostre numerose richieste. In diversi hanno concordato variazioni del programma di partenza dei corsi dialogando in videochiamata con i nostri gruppi-classe virtuali; altri hanno adattato strada facendo il formato delle lezioni; alcuni Atenei hanno adottato fin da subito un formato standard cui tutti si sono conformati. È emerso cioè che la prima preoccupazione è quella di un insegnamento che raggiunga lo studente aiutandolo a studiare e gli comunichi il più possibile il gusto insito nella materia. E, a pensarci, per molti era già così: la crisi del virus l’ha solo evidenziato con più chiarezza.
    Ciò è tanto più gratificante se si osserva che l’emergenza ha fatto pressione a diversi livelli: le segreterie e i servizi informatici sono stati letteralmente subissati di lavoro durante i primi giorni della chiusura, i siti didattici andavano in crash e sono stati necessari interventiimmediati per ripristinarli; i professori hanno dovuto cominciare i corsi al buio e continuare a gestire il contatto con gli studenti; chi tra noi è rappresentante studentesco è stato ugualmentein prima linea, piùdel solito, come interfaccia (soprattutto su Facebook) tra gli organi istituzionali e gli altri studenti che si trovavano a casa in un limbo di incertezze; i Rettori stessi si sono mossi per far sentire agli studenti che l’università non li ha lasciati a sé stessi, in certi casi con mail quotidiane.

    Com’è la vita di uno studente universitario al tempo della pandemia? Meglio studiare online o in praesentia? Meglio la propria camera o una affollata aula di studio universitaria? E perché?
    Anche la vita dello studente, ovviamente, ha dovuto adeguarsi, ma in certi casi neanche troppo. Diciamo che lo studente “medio”, quello che segue i corsi e deve dare gli esami, è stato toccato nella misura in cui è più difficile (o impossibile) reperire i libri e fotocopiarli, con tutti i risvolti del caso, tra cui una maggiore spesa e uno studio davanti allo schermo prolungato oltre misura. Ma anche il tesista, che non ha più corsi da seguire o esami da dare, non rimane illeso: i colloqui si riducono ad appuntamenti su Skype, Teams etc., la bibliografia è irreperibile, i laboratori inagibili e per alcuni diventa necessario un cambio radicaledell’impianto di lavoro, passando magari da una tesi sperimentale a una puramente teorica. Ma posto questo, qual è il vero sacrificio richiesto allo studente dalla pandemia? Oppure, la pandemia ci ha risparmiato dei sacrifici?
    Dal dialogo tra noi, ci siamo anche qui resi conto che questa situazione ha messo a nudo la base dell’iceberg: l’Università può essere vissuta nel paradigma della produttività, dell’efficienza nello studio, dell’erudizione cumulativa o anche del mero raggiungimento di un titolo. Oppure, con un’esigenza in più: una “crescita umana”, ossia vivere “un luogo in cui si pongono le domande”. Nel primo caso, l’evoluzione della didattica in senso telematico può anche essere un vantaggio: “camera mia è un posto più comodo di tante aule, e in certi casi ha anche un odore migliore”, ha detto uno di noi. E siamo tutti d’accordo sui grandi vantaggi sperimentati in questo periodo. Ma questo, basta? Per noi otto, no. E anche per molti altri vale la pena fare il sacrificio di prendere il treno, il tram o la bici sul pavé milanese per studiare insieme agli amici “che mi tengono sul pezzo”, e qualcuno ha anche l’esigenza del tetto fisico dell’Uni, del suo silenzioso formicolio vitale, del dialogo coi professori e dell’incontro con quel compagno “magari a pelle faticoso, ma che poi ha la tua stessa passione e ti restituisce il perché hai scelto di studiare quel che studi”. Ma una gran fetta degli studenti già prima non era interessata a tutto questo. E se non vuole investirci lo studente, ci investirà lo Stato?
    Ciò non per mitizzare la vita in Università, che può essere comunque vissuta superficialmente, senza decisione e in una sorta di adolescenza protratta, ma per sottolineare il passo di coscienza che – forse – questa situazione ci ha aiutato a fare.

    Cosa hai scoperto in questi mesi?
    In tutto ciò, noi abbiamo scoperto un maggiore senso di responsabilità: quello scarto che già si sente passando dalla scuola secondaria all’Ateneo, di fronte alle urgenze del Covid-19 è diventato unachiamata quotidianaa scegliere se lasciarsi trasportare dagli eventi o vivere lo studio, il rapporto coi professori, la rappresentanza, con una nuova coscienza: quella di chi è protagonista grato di una difficile avventura. Come chi testimonia che “dover rispondere alle domande che ti intasano anche la chat privata (perché quando rispondi a un commento sui social capiscono che sei un rappresentante) mi ha aiutato a stare più attenta anche sul resto della vita”.


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo

     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu