Campagna
    abbonamenti
    QuartinoNPG2024


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    marzo-aprile 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    NL 3 2024


    Newsletter
    marzo-aprile 2024
    NL 2 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di MAGGIO-GIUGNO di NPG sui "buchi neri dell'educazione" e quello di MARZO-APRILE sulla narrazione biblica.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: maggio-giugnomarzo-aprile.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


     

    «Quello in cui tutti crediamo

    è l'amore»

    Classe III B del Liceo Scientifico «Leonardo Da Vinci» di Firenze

    IIIB testimonianze

     


    Gli studenti della classe III B del Liceo Scientifico «Leonardo da Vinci» di Firenze, coordinati dal prof. Stefano Zani, riflettendo sul tema della spiritualità, hanno voluto ribadire (contrariamente a ciò che pensano spesso gli adulti i quali, senza giustificato fondamento, giudicano in blocco i giovani come apatici e superficiali) che molti sono gli ideali in cui essi si riconoscono e che li aiutano ad affrontare la quotidianità con uno sguardo produttivamente e positivamente rivolto al futuro.


    Nota metodologica del professore
    Dall’io al noi
    Per redigere il testo dell’articolo “Quello in cui tutti crediamo è l’amore” abbiamo seguito una procedura che si rifà al metodo milaniano della scrittura collettiva, nel quale si passa dall’enucleazione di ciò in cui ciascuno crede in base alle proprie gerarchie personali, secondo la massima agostiniana dell’ordine dell’amore (“ordo amoris”) alla formazione di una coscienza comune di ciò che condividiamo con gli altri. Più concretamente, per passare dall’io al noi, abbiamo proceduto anzitutto a enumerare individualmente la propria gerarchia delle cose in cui crediamo. Poi siamo passati a un confronto con le gerarchie degli altri e alla graduatoria degli indici di gradimento di ciascuna voce in base alle preferenze espresse. Si è proceduto poi alla divisione in gruppi per la discussione di ciò che era condiviso. Infine si è passati a formare un gruppo di sintesi che ha tirato le fila del lavoro di tutti. Dopodiché si è redatto e discusso il testo finale.


    Giovani senza ideali?

    Quando sentiamo parlare di noi ragazzi, veniamo spesso descritti come senza ideali, svogliati, ma siamo sicuri che sia così? Ci siamo messi a confrontare i nostri ideali, le nostre credenze, e dopo lunghe riflessioni siamo giunti ad una serie di considerazioni.
    Crediamo fermamente nell'importanza della presa di posizione, e che sia un principio di base nella vita di tutti quanti, la reputiamo fondamentale per uno sviluppo e una crescita interiore, poiché ogni volta che ci guardiamo indietro e volgiamo lo sguardo alla storia passata, notiamo che molti errori sono stati commessi a causa dell'ignoranza e dell'indifferenza, che hanno portato solo alla distruzione. D'altronde le decisioni importanti andrebbero portate avanti insieme, poiché in gruppo la nostra voce è più forte, proprio per questo crediamo nella necessità di coltivare relazioni che non siano improntate esclusivamente a soddisfare il piacere temporaneo, ma che siano piuttosto fondate sulla curiosità e l'apertura verso gli altri; poiché queste portano all'arricchimento di noi stessi tramite esperienze formative, spesso mosse da passioni.
    Ma il primo passo per stare bene con gli altri è stare bene con se stessi, dunque crediamo nell'amor proprio. Purtroppo, oggi, con l'avvento dei social media, l'apparenza è diventata sempre più importante, e spesso fondiamo i nostri canoni su standard irreali, facendo fatica ad accettare le nostre caratteristiche che talvolta ci rendono unici. Come dire che spesso si adottano stereotipi coi quali si fa violenza a se stessi. Dovremmo dunque amarci per quello che siamo, accettare la nostra unicità, perché è proprio questa che ci distingue; il nostro corpo ogni giorno lavora incessantemente per tenerci attivi e in vita, non dovremmo mai screditarlo.
    Un altro paletto importante sono i sogni e le passioni in cui crediamo fermamente e che ci spingono ogni giorno ad alzarci dal letto, e sono proprio questi che ci fanno uscire dalla nostra comfort zone, e ci portano ad esplorare, a metterci in gioco. E in un mondo così confuso abbiamo bisogno di certezze; proprio per questo crediamo nella scienza, perché la razionalità e la logica propria delle discipline scientifiche devono essere dei pilastri per la società e aiutarci ad orientare i nostri comportamenti.
    C'è poi un concetto in cui noi tutti crediamo ma che interpretiamo differentemente: l'amore. È infatti questa la forza che muove il mondo intero, ma tutto quello di cui abbiamo parlato non sarebbe possibile senza il valore in cui crediamo maggiormente: la libertà. «Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza».
    Questo recita il primo articolo della Dichiarazione universale dei diritti umani, un documento sui diritti individuali e collettivi approvato dall'ONU nel 1948.
    Noi abbiamo avuto la fortuna di nascere in un contesto e in un periodo storico nel quale la libertà ci è garantita dalla legge; l'esercizio della libertà si ferma solo davanti alla possibilità di esercitare la libertà da parte dell'altro; ma non c'è bisogno di sfogliare un libro di storia per sapere cosa si prova a non averla.


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo

     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu