Campagna
    abbonamenti
    QuartinoNPG2024


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    marzo-aprile 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    NL 3 2024


    Newsletter
    marzo-aprile 2024
    NL 2 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di MAGGIO-GIUGNO di NPG sui "buchi neri dell'educazione" e quello di MARZO-APRILE sulla narrazione biblica.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: maggio-giugnomarzo-aprile.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


     

    Maria, prega per noi

    Walter Kasper

    Madre Icona

    Dopo aver parlato brevemente dei dogmi mariani, dobbiamo affrontare un'ultima questione. Maria non è soltanto un personaggio storico, anche se è una persona importante nella storia della salvezza. Maria assunta nella gloria celeste non se n'è andata, ma è presente. Come madre di Gesù Cristo, il capo della Chiesa, è anche la madre della Chiesa, il corpo di Cristo, la madre deí fratelli e delle sorelle di Gesù, la madre di tutti i cristiani e di tutti gli uomini. Questa maternità di Maria fu creduta già nei primi secoli. La preghiera più antica che conosciamo è la famosa: Sotto la tua protezione.
    Già i primi cristiani erano convinti che nella gloria celeste Maria si occupa dei suoi figli in modo veramente materno. Per questo noi possiamo invocarla in tutte le situazioni di bisogno, di difficoltà e particolarmente quando la Chiesa è in pericolo. In Germania abbiamo molte immagini della Madonna che protegge i cristiani sotto il suo manto.
    Maria ha – come abbiamo visto – una vicinanza particolare a Cristo e alla sua opera salvifica durante tutta la sua vita, fino alla morte in croce. In un certo senso possiamo dire che ella partecipa anche al suo ruolo di mediatore della grazia. Ma dobbiamo essere prudenti: Maria non è mediatrice nello stesso senso di Cristo, che è l'unico mediatore tra Dio e gli uomini (cf. iTm 2,5ss). Maria è mediatrice solo in forza e in partecipazione alla mediazione di Cristo. Il concilio Vaticano II dice: «Ora la funzione materna di Maria verso gli uomini in nessun modo oscura o diminuisce quest'unica mediazione di Cristo, ma ne mostra l'efficacia. Poiché ogni salutare influsso della Beata Vergine verso gli uomini non nasce da vera necessità, ma dal beneplacito di Dio, e sorge
    dalla sovrabbondanza dei meriti di Cristo, si fonda sulla mediazione di lui, da essa assolutamente dipende e attinge tutta la sua efficacia; non impedisce minimamente l'unione immediata dei credenti con Cristo, anzi la facilita» (Lumen gentium, n. 6o).
    I riformatori del XVI secolo hanno rifiutato la preghiera a Maria e ai santi. Hanno accettato il fatto che Maria è un esempio di fede e di vita cristiana, ma non un'interceditrice. Secondo loro non bisogna – come dicono –giungere a Cristo e al Padre con una deviazione, tramite Maria.
    La concezione cattolica è centrata sulla comunione dei santi. «Santi», nel senso del Nuovo Testamento, non sono solo i santi canonizzati e che si trovano nel calendario liturgico. «Santi» sono tutti i battezzati, tutti coloro che sono santificati e partecipano insieme alla stessa fede, alla stessa vita e alla grazia di Cristo, allo stesso Spirito Santo, e che costituiscono dunque una comunione. Questa comunione trascende la vita naturale e terrestre, non finisce con la morte, ma – poiché è partecipazione alla vita eterna –dura anche nella gloria celeste. Così noi che viviamo sulla terra restiamo legati ai defunti e particolarmente ai santi, che sono presso Dio.
    Con la fede nella comunione dei santi quest'affermazione acquista un ulteriore significato. Anche noi siamo già iscritti nel mondo nuovo che verrà. La Lettera agli Ebrei esprime questo pensiero in modo molto bello: «Voi invece vi siete accostati al monte Sion, alla città del Dio vivente, alla Gerusalemme celeste e a migliaia di angeli, all'adunanza festosa e all'assemblea dei primogeniti i cui nomi sono scritti nei cieli, al Dio giudice di tutti e agli spiriti dei giusti resi perfetti, a Gesù, mediatore dell'alleanza nuova» (Eb 12,22-24). Essere con Maria significa appartenere al mondo futuro ed essere iscritti già da adesso nella liturgia eterna davanti al trono di Dio.
    È molto significativo che l'appendice al testo biblico dell'Ave Maria ribadisca tale dimensione escatologica: «Santa Maria, madre di Dio, prega per noi peccatori adesso e nell'ora della nostra morte». Quest'appendice è un riassunto di tutta la preghiera a Maria: preghiamo Maria affinché ci aiuti a entrare nella gloria escatologica cui lei già partecipa. Maria dunque non è solo segno, ma anche strumento della speranza. Maria ci dice: questa non è una speranza e un'attesa vuota e vana, non è un'illusione, una pura proiezione dei nostri desideri, ma nella fede è una realtà, perché Dio è fedele al suo popolo, a ogni essere umano e a tutte le sue creature.
    Sono convinto che proprio oggi, in un tempo che ha perduto la speranza e si accontenta delle piccole cose e gioie di ogni giorno, abbiamo bisogno di una speranza che faccia coraggio, che dia pazienza e magnanimità, per le cose grandi e per i desideri più profondi della nostra anima. Senza speranza nessuno può vivere, nessun individuo, nessun popolo, neanche la Chiesa e nessuna comunità religiosa. Abbiamo bisogno di Maria come segno e strumento di questa speranza. «Santa Maria, prega per noi, adesso e nell'ora della nostra morte».

    (da: Meditazione su Maria, EDB 2018, pp. 45-49)


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo

     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu