Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    MGS 24 triennio

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    SPECIALE 2024
    SPECIALE SUSSIDIO 2024


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    MAGGIO-GIUGNO 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero SPECIALE di NPG con gli approfondimenti della proposta pastorale, e quello di MAGGIO-GIUGNO sui "buchi neri dell'educazione".  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: specialemaggio-giugno.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


    “La poesia è una questione

    di vita o di morte”

    Dialogo con José Tolentino de Mendonça

    Davide Brullo


    Di primo acchito, sorride. Gli occhi sembrano colibrì dietro la voliera delle lenti. Pare innocuo, un parroco di campagna – per questo bisogna stare in sospetto, tendere le gambe e le orecchie, come archi. José Tolentino è nato a Madeira, in Portogallo, a metà dicembre del 1965; ha quattro fratelli, lui è il più giovane. “Mio padre faceva il pescatore”, mi dice. È la seconda cosa che dice. La prima è una domanda. “Qual è il senso che usa quando scrive una poesia?”. Forse l’udito, dico. Mi piace sentire il rumore di un verso: a volte è un legno che si spezza, a volte un barrito, a volte anelli che ragliano in un secchio. In un paio di poesie, José Tolentino si chiede Cos’è una poesia. “Una poesia è una forma di apostasia. Non c’è vera poesia che non faccia del soggetto un fuorilegge”. E poi: “Una poesia segue le premesse della guerriglia urbana”. In portoghese la parola permissas mi rimanda a “promessa”: la poesia come promessa di guerriglia.
    In Portogallo José Tolentino è riconosciuto come uno dei poeti più importanti di oggi: per quel che conta, ha ottenuto molti premi. Il primo libro, Os dias contados, esce nel 1990, l’anno in cui è ordinato presbitero. Di fronte a San Pietro: canonica fila di visitatori, aureolati da impermeabili dai colori sgargianti. Il colonnato di piazza San Pietro può sembrare un abbraccio – o un giogo. Il palazzo in cui ci ospita José Tolentino è enorme, vuoto, con vasti corridoi che danno su decine di stanze e uffici, decorati con severa eleganza. Sono insieme a Nicola Crocetti, l’editore di Tolentino; a me questa traboccante bellezza ricorda alcune scene di Shining.
    José Tolentino, il poeta, è stato nominato arcivescovo da papa Francesco nel 2018; dal 2022 è Prefetto del Dicastero per la cultura e l’educazione, che, tra l’altro – così leggo nella Praedicate evangelium –, “promuove e sostiene le relazioni tra la Santa Sede e il mondo della cultura”. Nel suo stemma campeggia un giglio giallo su scudo rosso, con questo motto, Considerate lilia agri; è tratto dal capitolo sesto del Vangelo di Matteo: Gesù invita a non occuparsi “di quello che mangerete o berrete”, di non domandarsi “che cosa indosseremo?”, ma di cercare “il regno di Dio e la sua giustizia”. Il resto verrà di conseguenza.
    Il cardinale – celato sotto la bonaria gentilezza di un parroco di campagna – ama Pier Paolo Pasolini, ricorda la Prima lettera ai Corinzi tradotta da Giovanni Testori, cita Eugenio Montale e Ungaretti. Non frequenta i poeti italiani, fa una vita ritirata, improntata alla solitudine e all’austerità: preferisce Milo De Angelis, di cui ha apprezzato anche la traduzione del De rerum natura di Lucrezio. Parliamo di Elizabeth Bishop in Brasile e dei suoi amici poeti, portoghesi, Ana Luísa Amaral, Eugénio de Andrade. La sua curiosità per la poesia di oggi è inesauribile. Ogni giorno, per mestiere, parla in almeno quattro lingue: non ha mai pensato di scrivere in inglese, o in italiano? “È più difficile liberarsi della propria madre che della lingua madre”, mi dice, laconico. “A me piace guardarle…”, mi dice. Siamo a tornati a parlare dei cinque sensi – o forse sei, forse sette, come le virtù – della poesia. “Le parole, intendo. Mi piace guardarle. Mi piace osservarle. Come fossero un presagio, un sortilegio”. Un gioco di prestigio, vorrei dirgli.
    Prima di rispondere, allo scoccare di ogni domanda, il cardinale poeta fissa il vuoto, organizza la topografia del pensiero. Le sedie sono fin troppo comode.

    Lei insiste spesso sui legami tra poesia e fede, elementi che possono apparire in contraddizione. La fede, intendo, è come se uniformasse, orientasse la direzione della poesia. Qual è il punto di giunzione che lega poesia e fede?
    Questa è per me una domanda centrale. Noi siamo una rivelazione a noi stessi, ci sveliamo nel tempo. Ecco, per me l’espressione letteraria è affine all’esistenza: la poesia è cioè una questione di vita o di morte. La poesia ha fatto ingresso durante il mio cammino di ricerca spirituale. Sono entrato in seminario a undici anni: nella costruzione di me stesso poesia e fede hanno trovato una forma di coesistenza, di unità. Non è un caso se nell’anno in cui sono stato ordinato prete, nel 1990, ho pubblicato la prima raccolte di poesie. D’altronde, se un avvocato, un medico o un calciatore possono essere poeti, non si vede perché non lo possa essere un prete…

    … ma poesia e fede non sono la stessa cosa…
    Le dico di più: poesia e fede non convivono pacificamente. Secondo il cardinal John Henry Newman il discorso della fede riguarda l’aderire a una particolare grammatica. La poesia, invece, chiede solitudine e deserto, uno svuotamento radicale. La pagina bianca non è altro che una metafora della nudità che un uomo deve sperimentare davanti alle domande fondamentali della vita. Per quel che mi riguarda, non sono capace di scrivere una poesia “confessionale”, non mi interessa una poesia dottrinale o catechetica. Nella mia poesia Dio non è mai esplicitato: è una presenza, una domanda, all’orizzonte. Quando per me sarà facile parlare di Dio, lo avrò tradito in ciò che profondamente è.

    Eppure, c’è chi ha fatto della poesia una forma di fede, ha eletto la poesia a proprio Dio.
    Provo a rispondere alla sua domanda formulandola in questa maniera: la poesia è in grado di salvare l’uomo? No, perché nessuna parola umana è sufficiente. Ma è questa insufficienza la ragione della sua grandezza. Questa insufficienza ci pone sulla soglia di qualcosa. Poesia e letteratura, in fondo, fondano l’uomo come una figura dell’attesa. La poesia non redime l’uomo, non risponde al suo enigma. La poesia fa di ciascuno di noi un’attesa: ci colloca in prossimità di qualcos’altro, ed è tanto, tantissimo. Sono certo che cancellare la trascendenza sia un errore, una dannazione.

    Lei ha detto, durante un incontro pubblico, che “Gesù è un poeta”: cosa voleva dire?
    La figura di Gesù provoca in me uno stupore senza fine perché Egli è veramente estraneo alla terra, eppure è il più vicino all’umanità, il più umano tra le creature. Le sue parabole aprono cammini e possibilità prima inesistenti, suo è il potere rigenerante della parola. Gesù incarna nel suo stile la potenza del Verbo: sa andare oltre le frontiere, porta in sé una visione più ampia, solitaria e autentica. Controcorrente. In questo senso è davvero poeta: guarda alla realtà dislocando il suo senso in un oltre. Anche quando la poesia parla del presente, non coincide mai con questo presente, viene da più lontano e va più lontano. Gesù esprime una poetica chiara nei suoi gesti: segna la realtà con vigore poetico. I miracoli esistono perché esiste una poetica di Gesù, che vuol dire rifare il mondo e il suo detto.

    Quando parla di poesia, mi accorgo che usa spesso le parole “deserto” e “solitudine”, come mai?
    C’è pure quel brano di Osea, paradossale, in cui Dio dice “la condurrò nel deserto e parlerò al suo cuore”. È il movimento che fa la poesia. La poesia lavora sempre in ciò che ignoriamo di noi, mai in quello che abbiamo già visto; la poesia odia il facile, ci fa abitare in una complessità austera che si rispecchia nell’immagine del deserto. A un primo livello, è vero, nella mia poesia c’è la descrizione della vita comune: un critico, a questo proposito, ha scritto che con i miei versi le buste del supermercato sono entrate per la prima volta nella lirica portoghese. Eppure, la poesia chiede di andare oltre la realtà: pretende il deserto, il silenzio.

    Nei suoi lavori, usa spesso la letteratura per rischiarare alcuni problemi teologici: cita Pessoa, Clarice Lispector, i poeti contemporanei…
    Paul Claudel credeva che la poesia fosse una propedeutica necessaria al discorso teologico. Ringraziava Dio dell’esistenza di Rimbaud perché senza la sua “mistica selvaggia” non sarebbe mai arrivato a Dio. Voglio dire: la poesia e la letteratura affinano i nostri sensi naturali per attivare i sensi soprannaturali. Offrono una capacità di ascolto, di ospitalità, che l’orecchio di per sé non possiede. La letteratura è il veicolo privilegiato della vita, pone questioni disarmanti: se la teologia la ignora rischia di ingarbugliarsi in un discorso autoreferenziale, incapace di incidere sulla realtà.

    Quali sono i libri che la hanno formata?
    Naturalmente la Bibbia, che è grande letteratura. La Bibbia è una grande mistagogia spirituale, ma anche letteraria. Capiamo davvero la poesia quando rileggiamo il Cantico dei cantici, i Salmi, il libro di Giobbe. Amo molto i lirici greci e mi sento vicino ai poeti portoghesi del nostro tempo, senza i quali sarei una persona molto diversa da quella che sono. Pessoa ha avuto un grande impatto su di me, ma anche Ruy Belo ed Eugénio de Andrade, di cui sono stato amico. Non mi convince chi preferisce leggere i poeti del passato, ignorando quelli del proprio tempo. Il dialogo con i contemporanei mi ha nutrito sempre; come l’ordinarietà priva di pompa che trovo leggendo i classici, che mi seduce sempre.

    Lei ha tradotto in portoghese le poesie di Cristina Campo e ha fatto tradurre Gli imperdonabili per l’editore Assírio & Alvim. Come giudica la lotta di Cristina Campo per la tutela della liturgia latina, la sua vicinanza a Monsignor Marcel Lefebvre?
    Cristina Campo è un poeta, e un poeta è sempre una figura del dissenso. Il poeta ha il dovere di portare in sé la domanda, deve parlare di ciò di cui non si può parlare. Ho conosciuto Cristina Campo leggendo la sua magnifica introduzione ai Detti e fatti dei padri del deserto, poi ho scoperto le sue poesie. Non ho dubbi che con il tempo la Campo sarà vista sempre di più come una madre del Concilio Vaticano II. Intendo dire che in ciò che allora era un’opposizione scorgo ora un richiamo alla fedeltà alla tradizione, a conservare qualcosa di essenziale, che la Chiesa non può permettersi di perdere. La sua figura ha rafforzato il cammino della Chiesa contemporanea, ricordandoci cose decisive: il concetto di inattualità, ad esempio. La missione della Chiesa non può non ascoltare il nostro tempo: eppure, non può ridursi a un mero aggiornamento coi tempi, che appiattisce la missione stessa. Il cristianesimo deve restare inattuale. Non perché ancorato nel passato, ma perché ha in sé una carica profetica: la forza essenziale del cristianesimo arriva dal futuro.

    Ricordo, ancora, l’intransigente battaglia della Campo per la bellezza della liturgia: siamo passati dai cori gregoriani alle schitarrate, ai preti “al passo coi tempi”.
    Dobbiamo dire che c’è stato un diffuso mutamento culturale, un abbassamento generalizzato, nella cultura comune, della comprensione musicale. Tuttavia, io resto in una prospettiva ottimistica: ancora oggi nelle chiese si canta insieme; ancora oggi si conserva nella liturgia una qualità della parola e della musica. La liturgia, cioè, è ancora tradizione umana di alto valore. Le parole della Campo, così, precisano una esigenza profonda: dobbiamo fare di più nel custodire la liturgia. Ricordo quanto diceva Romano Guardini: per capire la liturgia dobbiamo capire il rapporto di un bambino con il suo giocattolo, quella forma allo stesso tempo inutile e decisiva. La preghiera non è “utile”: come non sono utili le rose o il blu del mare o le dichiarazioni d’amore. Eppure, proprio queste eccedenze, che non coincidono con i bisogni primari, sono ciò che pertiene alla nostra umanità.

    Benedetto XVI la ha nominata consigliere del Pontificio consiglio della cultura; Francesco la ha eletta Prefetto del Dicastero per la cultura e l’educazione: esiste una differenza di ‘poetica’ tra i due papi?
    Ogni papa porta con sé delle differenze, di cui non dobbiamo avere paura. Papa Ratzinger trascinava la monumentalità di una visione teologica del cristianesimo in rapporto al contemporaneo. Interpretava la contemporaneità intuendola, da una parte, come una chance, dall’altra scorgendone i pericoli, i riduzionismi, i relativismi. Capiva con capillare potenza gli incubi del nostro tempo. Papa Francesco incorpora un’altra poetica. A me, ad esempio, affascina il suo modo di ragionare. Mentre Benedetto XVi ragionava come un maestro, squadernando concetti, Francesco ragiona per immagini. In questo è davvero straordinario. Quando gli pongono una domanda, il papa inizia il ragionamento in questo modo: “mi vengono in mente due immagini…”. Ragionare per immagini ha una forza impressionante, che tutti capiscono, perché più universale, tocca livelli non solo concettuali ma anche emozionali.

    Nella Chiesa di oggi vige una “poetica” o piuttosto una “politica”?
    La politica esiste sempre: riguarda il rapporto delle persone con la storia e con il mondo. Credo però sia prevalente una visione poetica, che è il campo dello spirituale. Penso ad esempio alla capacità di Francesco di costruire parabole indimenticabili: tutti ricordiamo il papa durante la pandemia, in un momento di grave crisi planetaria, che prega in una piazza San Pietro vuota…

    Lei cita la figura del papa durante il Covid; io controbatto dicendole che proprio in quel periodo i fedeli si sono sentiti soli, con le Chiese chiuse, l’impossibilità di celebrare i funerali, in una specie di dismissione del mondo cattolico.
    La forza del cristianesimo, penso in questo all’epistolografia paolina, è che non dipende da uno spazio ma dalla qualità di un rapporto. In condizioni estreme l’umanità può pregare? Sì, questo è possibile. La pandemia è stata una situazione estrema, che ci ha sorpresi impreparati e di cui sappiamo ancora poco. Io sono meno pessimista di lei: lo spirituale non è venuto meno durante il Covid, anzi, ha proliferato nei gesti minimi, in un cristianesimo minimo, nella riattivazione della Chiesa “domestica”, ad esempio. Un cristianesimo bocca-a-bocca, mi viene da dire, dal contagio diverso, ma dall’intensità abbacinante. Un cristianesimo che guardava alle origini, che sempre aiutano a decostruire tante paure.

    Quali sfide attendono il cardinale, quali il poeta?
    Ero poeta prima di diventare cardinale: rimango poeta. Cerco di abitare questa tensione, una tensione di cui io in primo luogo devo essere cosciente. Devo, cioè, vivere con autenticità il fatto di essere un uomo di Chiesa, con molte responsabilità, restando però allo stesso tempo me stesso. La poesia, che porto nella Chiesa, non è una minaccia: ha in sé una visione, una forma diversa di ascolto.

    Cosa del Vangelo, oggi, continua a folgorarla?
    In questi tempi leggo, in modo ricorrente, i passi del Vangelo che valorizzano le briciole. Siamo sempre più consapevoli che il banchetto che ci è destinato è fatto di una moltitudine di briciole: dobbiamo raccoglierle. Nelle briciole si scopre il sapore della totalità. Viviamo nella frammentazione, ma il frammento ci permette un percorso elitario, spirituale; la donna cananea insegna che “i cagnolini mangiano le briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni” (Mt 15, 27): Gesù valorizza, elogia la fede di quella donna. Per me, poi, il grande libro del nostro tempo è il Cantico dei cantici, un vademecum dell’innamoramento. Il futuro esiste soltanto se sappiamo innamorarci ancora, abbiamo bisogno di cuori innamorati.

    Eppure, nel Cantico Dio appare forse una volta sola…
    … è vero, ma è sempre presente, anche quando non sembra che ci sia. Dio preferisce entrare a casa nostra quando non ci siamo. Non è male che sia così.

    Cos’è l’ispirazione? Esiste un rapporto tra poesia e profezia?
    Secondo Rimbaud, il poeta è un veggente. Credo che sia così. Non esiste poesia senza visione. Il poeta deve catturare per primo i segni dell’invisibile, dell’inudibile, e restituirne l’ampiezza, la forma, l’opportunità. Credo nella dimensione profetica della poesia. Quando si riduce a status quo, la poesia è morta: la poesia, al contrario, deve parlare di mondi mai visti, di cose che non hanno avuto ancora luogo, di cammini che si possono ancora percorrere. Offre immagini che non si trovano nei media o nei social. La poesia non deve coincidere con il suo tempo, tanto meno con il linguaggio del tempo. La sua frattura, però, è feconda.

    Lei è stato archivista della Biblioteca vaticana, ed è, in sostanza, un uomo del libro: come si relaziona con i social?
    Capisco che i social e la rete rappresentano una sfida decisiva: viviamo un cambiamento epocale. Il digitale non è soltanto un mezzo, un canale: prevede un nuovo pensiero, un nuovo modo di abitare il mondo, una nuova lingua. Per questo, abbiamo bisogno di traduttori. Penso al cristianesimo, nato come una realtà rurale ed ebraica: in Paolo ha trovato il primo geniale traduttore di concetti. Il nostro compito è accompagnare questa umanità in un tempo nuovo, in un mondo che ancora ignoriamo. Forse siamo la prima generazione nella storia che vive in prossimità dello sconosciuto, che non sa cosa accadrà domani. Questo ci fa tremare, ma ci obbliga a vedere l’ignoto come una opportunità. Siamo gli ultimi, ma al tempo stesso i primi. Abitare questa soglia richiede coraggio e saggezza.

    In questa soglia, tuttavia, il poeta resta l’indifeso assoluto, il puro inutile, recintato nell’indifferenza: tutti hanno qualcosa da dire, con ogni mezzo, ovunque, mentre al poeta è reiteratamente tolta la parola.
    Oggi il poeta è la figura dell’idiota. Si guarda alla poesia come a un’idiozia. Il poeta è una figura che fa ridere, considerata minore, ai margini della cultura dominante, priva di rilevanza. Mi viene in mente quanto scrive San Paolo nella Prima lettera ai Corinzi: “siamo stolti a causa di Cristo” (1 Cor 4, 10). Eppure, il mondo è salvato dagli idioti. Il Vangelo, dal punto di vista del buon senso, è un fallimento; le figure redentrici della storia sono figure che hanno costellato di “idiozie” il loro passaggio. Cristina Campo diceva che è proprio nel periodo in cui l’anima viene meno che dobbiamo guardare ai gigli del campo. Proprio questo tempo, in cui la poesia è uno spreco, non si può fare a meno dei poeti. Tornando dal viaggio apostolico in Giappone, nel 2019, Papa Francesco ha detto: “credo che all’Occidente manchi un po’ di poesia”. Abbiamo bisogno di poeti per ricostruire il reale. La clandestinità del poeta è una risorsa per il contemporaneo, un patrimonio di sete. Nella poesia noi non troviamo acqua, ma sete; non troviamo dolcezza, ma aridità; non ricaviamo una soluzione, ma uno spazio aperto, l’esordio di un cammino.

    (Fonte: https://www.pangea.news/jose-tolentino-dialogo-poesia/)


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu