Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    MGS 24 triennio

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    SPECIALE 2024
    SPECIALE SUSSIDIO 2024


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    MAGGIO-GIUGNO 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero SPECIALE di NPG con gli approfondimenti della proposta pastorale, e quello di MAGGIO-GIUGNO sui "buchi neri dell'educazione".  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: specialemaggio-giugno.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook

    x 2024 400


    NPG X

    x 2024 400



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


    E se non fossimo

    così "infedeli"?

    Ismaele Primofrutto

    ismaele

     

    Al giorno d'oggi, sfortunatamente, si sente parlare moltissimo di noi giovani più in modo negativo che positivo. Tra la perdita di valori, di principi, irresponsabilità e immaturità, spicca fra tutti, a mio parere, la mancanza di fede e l'allontanamento dalla religione a partire dal ricevimento della Cresima. Ma è veramente così o è solo una delle tante generalizzazioni da parte degli adulti?
    Dalla mia esperienza posso dire che rispetto al passato c'è sicuramente un minore interesse al cattolicesimo, frutto di un cambiamento sociale che vede un sempre maggior decentramento della Chiesa nella nostra vita. Un tempo era la società, con le sue tradizioni ed usanze, ad “imporre” l'insegnamento del cristianesimo magari a volte “indottrinando” nonostante la volontà del singolo.
    Ora ci troviamo di fronte a una condizione sociale differente e alcuni miei coetanei cercano di opporsi in ogni modo a tutto ciò che c'è di antico e tradizionale, ribellandosi di conseguenza ad istituzioni come la Chiesa, chi per volontà e chi per “moda”.
    Tuttavia, sostengo che generalizzare sia scorretto e non corrisponda del tutto alla verità, ma rappresenti solo una faccia della medaglia; infatti io, così come tanti altri, non abbiamo abbandonato la nostra fede e cerchiamo di coltivarla. Ho sempre avuto le idee chiare sulla strada che avrei dovuto percorrere nonostante qualche momento di incertezza e smarrimento, perché sapevo che la cosa giusta da fare era perseverare nel mio cammino; così, dopo la Cresima, ho continuato e continuo tuttora a frequentare la chiesa e il suo gruppo giovani.
    Per me la fede è come un dono prezioso e allo stesso tempo una scelta di affidamento a qualcosa di più grande, una forza, un rapporto d'amicizia e d'amore che mi porta ad allargare i miei orizzonti, a vedere e vivere la vita con occhi totalmente nuovi, fatti di speranza, carità e gentilezza.
    Descrivere cosa significa essere un credente è molto complesso, perché non si può sintetizzare qualcosa di così grande e profondo in poche righe e forse non basterebbero nemmeno pagine su pagine. Si vive concretamente e solo attraverso l'esperienza si possono comprendere le emozioni che questo cammino dona; d'altronde, Gesù stesso ne è la prova concreta: Lui era l'uomo dei fatti, dell'azione e non solo delle prediche!
    Per quanto riguarda il rapporto con i miei coetanei, non mi sono mai precluso amicizie con persone non credenti e queste non l'hanno fatto con me poiché, in fondo, sono scelte personali e non trovo giusto fare della religione un criterio di scelta e di separazione, semmai di unione. Di sicuro non sono mancati anche accesi dibattiti e confronti che si sono svolti, per la maggior parte delle volte, con un atteggiamento di rispetto e ascolto reciproco. Sostengo, quindi, che la differenza del credo non sia un giusto criterio per etichettare e giudicare un individuo a priori senza prima averlo conosciuto; d'altronde, come ribadisce papa Francesco, il compito principale di un cristiano dovrebbe essere quello di instaurare un dialogo d'amore e speranza con tutti gli uomini e le donne, di costruire ponti e non muri.

     

    * Secondo il proverbio latino “nomen omen”, il nome di una persona era un presagio della persona stessa, rappresentandone il carattere, il suo atteggiamento e anche il destino, insomma un vero e proprio presagio, un po' come il suo biglietto da visita. Ed ecco, allora, che mi presento: mi chiamo Ismaele.
    Nome dell'Antico Testamento, derivante dall'ebraico (yishma e El), significa "Dio ascolta”.
    Il mio nome mi è sempre piaciuto, fin da quando ne ho memoria, un nome particolare e quasi unico in Italia.
    Quanto al mio cognome... mi si perdoni il richiamo a un vangelo che sento particolarmente mio.
    Dal Vangelo secondo Giovanni (15, 9-17): “Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga”. Per molto tempo mi sono interrogato sul come iniziare questo articolo e non quale migliore modo se non con le parole che un giorno mi sono state dedicate e che rappresentano, per me, un tesoro prezioso, colonna della mia Fede e rifugio nei momenti di difficoltà e sconforto.

     


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu