Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    MGS 24 triennio

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    SPECIALE 2024
    SPECIALE SUSSIDIO 2024


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    MAGGIO-GIUGNO 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero SPECIALE di NPG con gli approfondimenti della proposta pastorale, e quello di MAGGIO-GIUGNO sui "buchi neri dell'educazione".  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: specialemaggio-giugno.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


    Essere religiosi è «fuori moda»?

    Giacomo Marinai



    Il rapporto fra i giovani e il sacro è un aspetto molto interessante della società moderna sul quale difficilmente si pone l'attenzione. Nonostante questo, è un tema che permette di osservare e comprendere alcuni dei cambiamenti che la nostra comunità, e in particolare la generazione più giovane, sta affrontando. Le religioni sono state nel corso della storia una parte fondante di tutte le forme di civiltà e hanno caratterizzato la vita di moltissime persone; tuttavia, si potrebbe dire che negli ultimi decenni stiano registrando una crisi. Tracciare un quadro complessivo della questione risulta però molto complesso, se non impossibile, per via delle tantissime sfaccettature che essa può assumere ma quello che si può fare è provare a dare una propria percezione della situazione basandosi sulle realtà con le quali siamo in contatto.
    Osservando i miei coetanei, si può delineare una generale tendenza verso un allontanamento dall'ambito religioso, seppur con diverse modalità a seconda delle persone. C'è chi è un ateo convinto, chi invece mette in dubbio ciò che non può dimostrare in maniera tangibile e si definisce agnostico, chi si ritiene religioso (nella realtà locale quasi sempre cattolico) ma sempre più lontano dalle istituzioni della Chiesa e chi proprio non sa o non si interessa all'argomento. Sono veramente pochi ormai, quasi una rarità, quelli che si definiscono religiosi praticanti.
    Questo nonostante la gran parte dei giovani sia ancora a tutti gli effetti cristiana, avendo ricevuto i primi sacramenti (battesimo, comunione) e avendo seguito un percorso di insegnamento religioso. Sempre più spesso, infatti, i ragazzi che ricevono un imprinting religioso dalle famiglie finiscono poi con l'allontanarsene non appena raggiungono un'età tale da poter sviluppare un pensiero autonomo.
    È necessario quindi interrogarsi su quali siano le cause che portano a questo distacco dalla religione, che avviene soprattutto nei più giovani.
    Un aspetto fondamentale risiede, a mio modo di vedere, nel pensiero scientifico che è sempre più radicato nella nostra società. L'avvento del mondo tecnologico e dell'informazione ha portato ad una diffusione e una messa in primo piano della scienza che, nonostante di per sé possa essere conciliata con la fede religiosa, porta inevitabilmente al crollo di alcuni dogmi e credenze presenti nelle dottrine religiose, specie quelle più antiche.
    Oltretutto è anche l'approccio di pensiero che ci viene fornito dalla scienza ed insegnato fin da subito nella scuola (il famoso «metodo scientifico» di Galileo) che ci induce a mettere in dubbio ciò che non possiamo dimostrare, verificare o sperimentare. Proprio su questo si basa il pensiero delle persone agnostiche, che lasciano un punto interrogativo su cosa ci sia «oltre», non avendo i mezzi per verificarlo in maniera tangibile.
    Un altro aspetto che ha messo in crisi la religione, in particolare quella cristiana cattolica, è l'assenza di figure di spicco e di rilevanza morale all'interno della Chiesa. Quest'ultima è stata dipinta nel corso del tempo, e spesso giustamente, come un'autorità superficiale e corrotta, ancorata alle vecchie tradizioni e spesso spoglia di quelli che dovrebbero essere invece i valori morali fondamentali della religione cristiana. Non è un caso che spesso le persone giovani credenti lo siano perché hanno incontrato nel loro percorso delle figure religiose realmente appassionate, vere e propositive, che sono riuscite a creare dei contesti positivi, con comunità coese e legate dai veri valori di fratellanza e solidarietà che la Chiesa dovrebbe promuovere. Un ultimo aspetto da tenere in considerazione è quello del rapido cambiamento della nostra società. È difficile trovare spazio per la religiosità in una società che corre sempre di più e spesso porta le persone ad essere estremamente superficiali. I ritmi serrati rendono difficoltoso ritagliarsi dei momenti di riflessione interiore e spesso anche chi è religioso non trova più il tempo di partecipare ai riti e alle funzioni.
    Inoltre, con la diffusione dei social, ormai a livello capillare soprattutto fra i giovani, c'è un rischio sempre più grande di cadere nella «spersonalizzazione» dell'individuo. Adesso che essere religiosi è diventato un po' «fuori moda», diversi ragazzi si adeguano a quella che è la tendenza principale, ciò che sentono dire, senza però aver svolto una propria riflessione interiore.
    Questo però non è vero per tutti: ci sono tanti giovani che, anche se si sono allontanati dalla Chiesa, lo hanno fatto sviluppando un loro pensiero critico e sostenendo le loro motivazioni, spesso trovando anche idee uniche, pensieri e ipotesi personali diverse fra loro. C'è chi riprende in parte il pensiero cristiano, chi si rifà a religioni orientali, o di altre parti del mondo, chi ha delle proprie personalissime convinzioni.
    E in fondo, a mio modo di vedere, sta proprio in questo la vera spiritualità. Ormai, con i cambiamenti che stiamo vivendo, la Chiesa, per come la conosciamo, risulta spesso un po' antiquata. Si va quindi verso nuove forme di spiritualità, forse più personali, ma questo non vuol dire che sia necessariamente un processo negativo. L'importante è che le persone, e in particolare i giovani, sviluppino le proprie idee, che li facciano stare bene con loro stessi e che si sentano proprie, il che può voler dire essere cristiani cattolici, atei, agnostici o credere in qualsiasi tipo di fede che riteniamo giusta per noi.


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu