Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    luglio-agosto 2024


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024


    Newsletter
    luglio-agosto 2024


    Newsletter
    SPECIALE 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di LUGLIO-AGOSTO di NPG sul tema degli IRC, e quello SPECIALE con gli approfondimenti della proposta pastorale.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: luglio-agostospeciale.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV





    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email

    Il vescovo degli schiavi


    Virginia Di Cicco

    (NPG 1999-08-02)


    Don Cesare Mazzolari è il Vescovo di Rumbek, in Sudan.
    Ha sessantadue anni. I capelli completamente bianchi. Il volto tondo e sorridente.
    Rumbek è grande quasi quanto l’Italia ma conta tre milioni di anime.
    Don Cesare è pastore tra i pastori: poche mucche ridotte all’osso. Gli occhi si fanno più grandi quando racconta di gente che arriva al villaggio dopo giorni di cammino e di cibo da dare non ce n’è più. Quando parla del mercato degli schiavi: un giovane uomo vale circa cento dollari. Una giovane donna circa la metà. All’inizio non voleva crederci. Poi cominciò a comprare lui stesso gli schiavi da questi mercenari. Per affrancarli.
    Dice che il prossimo anno in Sudan sarà ancora più povero di questo.
    Gli fanno notare che sta parlando del Duemila. Lui sorride e ripete il «prossimo anno». Il messaggio è chiaro: qui gli anni non hanno numero. Si susseguono e basta.
    Tutto è fermo. Morte dopo morte. Carestia dopo carestia. La storia è ferma per i poveri. Il progresso è nullo.
    Il prossimo anno siamo tutti invitati a Rumbek per vedere come procede il Duemila nella terra dei giacigli di paglia, delle cavallette che si alternano con le piogge per rovinare i miseri raccolti, della lebbra che cancella le mani.
    A chi gli domanda perché abbia scelto di fare il missionario, risponde di aver imparato da suo padre che durante la guerra, di notte, portava cibo a chi si nascondeva nelle campagne.
    Ha imparato in silenzio e da allora porta cibo a quanti vivono ancora nella notte della miseria, quella che non si riesce ad immaginare.
    Le mosche si posano ovunque e nessuno le scaccia.
    Lo specchio della nostra cattiva coscienza ha gli occhi sgranati e il ventre gonfio dei bambini che don Cesare accarezza parlandogli dolcemente nella loro lingua.
    E poi quando meno te lo aspetti, cantano. E sono bellissimi. Si aiutano battendo le mani e accennando passi di danza. Cantano la pace, spiega Don Cesare. Cantano la speranza.
    È nato a Brescia ma ha giurato alla sua gente che morrà tra di loro. Quando si allontana lo fa per portare la voce del Sudan che reclama cibo e dignità, ovunque vogliano ascoltarla. Spesso anche dove non vogliono. Reclama giustizia per le cinquanta persone che muoiono di fame ogni giorno.
    Gli domandano se davanti a questo orrore è ancora possibile affermare che gli uomini sono tutti fratelli. Risponde che in cuor loro è così; soltanto in questo periodo sono un po’ distratti. Sembra una trovata spiritosa, ma lui è serissimo. Un tantino dispiaciuto ma pieno di sole nello sguardo. Lo sguardo di un uomo che ha scelto di svuotare l’oceano con un ditale.
    Cerca sempre qualcosa in lontananza. Spera che un aereo atterri all’improvviso e porti cibo con sé. Quello consegnato l’ultima volta sta finendo.
    Spera ma sa benissimo che se non porterà lui stesso il suo piccolo ditale verso l’oceano, bussando a qualche porta e bussando ancora, non ci sarà aereo e non ci sarà cibo.
    Così si prepara a partire di nuovo.
    L’ultima domanda, forse la più indiscreta: Don Cesare è felice?
    Sorride. Sospira. Risponde di sì.


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu