Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    luglio-agosto 2024


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024


    Newsletter
    luglio-agosto 2024


    Newsletter
    SPECIALE 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di LUGLIO-AGOSTO di NPG sul tema degli IRC, e quello SPECIALE con gli approfondimenti della proposta pastorale.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: luglio-agostospeciale.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV





    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email

    La chiesa di Pietro



    Gioia Quattrini

    (NPG 1999-02-2)


    Si chiama Pietro e ha mantenuto fede alla missione che il suo nome suggeriva: ha edificato una chiesa. Bellissima, la chiesa e anche Pietro.
    Il freddo è tale da far cadere il naso eppure Pietro ha una vecchia maglietta bianca con le maniche corte. Sopra la maglia, un vecchio, vecchissimo Kway blu. Jeans stinti, niente calze, sandali di cuoio. Pietro, anzi padre Pietro è un francescano. Capelli e barba bianchi. Come le mani, sporche di polvere e calce. Dure, le unghie corte.
    La chiesa è quasi finita, luminosa, di pietre bianche. Pietre che la montagna gli ha donato e lui ha tagliato e pulito con pazienza. Le finestre a sesto acuto hanno imposte di legno buono e cardini quasi come ceselli.
    Pietro ha anche un orto dove crescono patate, carote, cipolle, fagioli, frutti grossi e succosi, frutti felici.
    Era una terra trascurata con il rudere di un antico convento che i monaci benedettini avevano abbandonato in un tempo antico per paura del lupi e dei briganti.
    Ne avevano approfittato i pastori, fin quando il posto era diventato difficile anche per loro. Sterpaglie e rovi soffocavano l’ingresso. Tetto, altare e abside erano crollati. Uno strato di letame alto un metro.
    Quando Pietro la vide, all’orizzonte di un sentiero che sfiorava l’acqua sgarbata di un torrente, fu amore a prima vista. Era il 1971. Oggi quel sentiero in equilibrio sull’orlo del torrente è divenuto uno splendido itinerario turistico nel nuovo parco dei monti Sibillini. Subito dopo le gole dell’Infernaccio.
    Nei primi anni le notti d’estate trascorse all’addiaccio e quelle d’inverno a valle, in un rudere. Per compagnia topolini di campagna. Per cibo i frutti della terra e del cuore tenero dei contadini. Le donnole e i cinghiali si sono abituati alla sua delicata presenza. Gli scoiattoli e i tassi corrono tra le sue gambe senza timore. Qualche volta, alla conta manca una gallina: è un aquila birbona – dice Pietro.
    Garbato fa strada nella sua piccola canonica: due minuscole stanze e una cucina. Niente corrente elettrica. Niente telefono. Acqua che arriva da un acquedotto rudimentale che beve ad una sorgente vicina.
    All’improvviso mi accorgo di guardarlo come probabilmente guarderei un extraterrestre, dovesse mai accadermi l’improbabilità di un tale incontro. Anzi no. Come sicuramente guarderei san Francesco, dovesse mai accadermi.
    Pietro però non ci bada. Mentre impasta la malta, senza sollevare lo sguardo dal lavoro, racconta di essersi levato alle quattro, pregare, leggere e lavorare finché la luce lo assiste. Poi di nuovo pregare e leggere.
    All’ora del pranzo ci ospita generoso e noi siamo così fieri di poter contribuire con qualche provvista a questa mensa che ha tanto sapore di comunione.
    «Sapete – sorride – a Natale, finalmente da qualche anno, posso celebrare la Messa e un piccolo fiume di luce sale fin qui. Saranno circa duecento persone della valle. Ognuna con il proprio lume. Il mio albero di Natale personale. Che meraviglia, se vedeste. Nonostante il freddo e la neve. Capite?».
    Quando padre Pietro sorride ha gli occhi di un bimbo che racconta un bel sogno.
    E io ho il sospetto di sapere già dove passerò la mezzanotte del prossimo Natale.


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu