Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    luglio-agosto 2024


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024


    Newsletter
    luglio-agosto 2024


    Newsletter
    SPECIALE 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di LUGLIO-AGOSTO di NPG sul tema degli IRC, e quello SPECIALE con gli approfondimenti della proposta pastorale.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: luglio-agostospeciale.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV




    Donne di questo mondo


     

    Virginia Di Cicco

    (NPG 2006-01-2)

     

    Esiste un mondo dove solerti dottori fanno ad ogni mamma in attesa una ecografia, che ha assunto il nome particolare di «ecografia selettiva». Infatti seleziona. Seleziona il nascituro. Qualora, per imprevedibile e assoluta disgrazia, il nascituro sia di sesso femminile, l’ecografia lo rivela e immediatamente è possibile procedere al rimedio: abortire. Che cosa può farsene, infatti, quel mondo di una bambina, donna di domani, magari madre futura di altre femmine? La risposta è: assolutamente niente. Un mondo dove le donne non servono o meglio ne servono quel tanto che basta. Nessuna in più. Nessuno sforamento. Si cancella il feto e immediatamente vengono cancellati tutti gli altri infiniti problemi che una figlia comporta da che quel mondo è quel mondo: per esempio l’obbligo di doverla mantenere senza che lei possegga neanche delle forti braccia per lavorare la terra e partecipare almeno in minima parte a guadagnare il pane che la nutre. E poi quando si sposa pure la dote.
    Esiste un mondo dove le donne non hanno immagine, nascoste sotto una veste che le copre tutte. Fatte a immagine e somiglianza di Dio ma inguardabili. E sotto quel sudario, le donne non possono neanche ridere, e se qualche volta gli prendesse voglia, nonostante il carcere perenne in cui vivono, le donne non possono neanche cantare oppure portare scarpe con i tacchi, il rumore potrebbe infastidire gli uomini. Cancellate e ridotte come statue di sale. Se non è possibile disintegrarle che almeno siano immobili, spostino meno aria possibile, passino tra una goccia di pioggia e un’altra.
    Esiste un mondo dove le donne e soltanto le donne non vanno a scuola. A cosa può servire loro saper leggere e scrivere, tanto non potranno lavorare e neppure qualcuno chiederà mai loro di esprimere quello che pensano. In quel mondo le donne se non pensano è meglio.
    Esiste un mondo dove una donna medico non può «sedersi insieme» – così dice precisamente la legge della sharia – con un collega medico dell’altro sesso. Addio confronto delle diagnosi. Addio consulti perché due menti al lavoro funzionano sempre meglio di una sola.
    Ed esiste un mondo dove la sala d’attesa riservata alle pazienti deve avere le finestre coperte e dove a parlare ai medici, quelli maschi naturalmente, sono i bambini perché le loro mamme non possono. Li separa un telo spesso o magari una finta parete di legno con un unico foro, utile nel caso che il medico debba «guardare» davvero perché l’immaginazione lo conforta poco. E la paziente ascolta la voce del medico e il medico ascolta la voce della paziente ma non possono rispondersi direttamente, devono attendere che il bimbo ripeta all’uno ciò che l’altro ha detto.
    Esiste un mondo dove anche per fare la pubblicità ad un pacco di pasta sul manifesto appare una bella donna nuda. Dove non esiste più un calendario senza gambe e seni scoperti. Tutti «nudi» d’autore! Dove in televisione, anche per portare una busta al conduttore, bisogna essere senza vestiti.
    Che strano mondo quello che per fare prigioniere le anime a volte usa i vestiti, a volte li toglie.


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    Una spiritualità per i giovani Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email

    Main Menu