I GIOVANI E LA FAMIGLIA

Da «Comunicare il Vangelo in un mondo che cambia. 

Orientamenti pastorali dell’Episcopato italiano 

per il primo decennio del 2000»

(2001)


51. Ci pare opportuno chiedere per gli anni a venire un’attenzione particolare ai giovani e alla famiglia . Questo è l’impegno che affidiamo e raccomandiamo alla comunità cristiana.
Partiamo dai giovani, nei quali va riconosciuto «un talento che il Signore ci ha messo nelle mani perché lo facciamo fruttificare» . Nei loro confronti le nostre comunità sono chiamate a una grande attenzione e a un grande amore. È proprio a loro che vanno insegnati e trasmessi il gusto per la preghiera e per la liturgia, l’attenzione alla vita interiore e la capacità di leggere il mondo attraverso la riflessione e il dialogo con ogni persona che incontrano, a cominciare dai membri delle comunità cristiane. Le Giornate Mondiali della Gioventù ci hanno restituito molte speranze: abbiamo visto moltissimi giovani attirati dal Gesù e dal suo Vangelo. Già abbiamo sottolineato alcuni valori di cui il mondo moderno, talvolta con i giovani in prima fila, è portatore.
Va detto però che ora abbiamo tutti una grande responsabilità: se non sapremo trasmettere alle nuove generazioni l’amore per la vita interiore, per l’ascolto perseverante della parola di Dio, per l’assiduità con il Signore nella preghiera, per una ordinata vita sacramentale nutrita di Eucaristia e Riconciliazione, per la capacità di «lavorare su se stessi» attraverso l’arte della lotta spirituale, rischieremo di non rispondere adeguatamente a una sete di senso che pure si è manifestata. Non solo: se non sapremo trasmettere loro un’attenzione a tutto campo verso tutto ciò che è umano – la storia, le tradizioni culturali, religiose e artistiche del passato e del presente –, saremo corresponsabili dello smarrirsi del loro entusiasmo, dell’isterilirsi della loro ricerca di autenticità, dello svuotarsi del loro anelito alla vera libertà.
Nel decennio scorso ci eravamo volutamente soffermati sull’importanza del dare fiducia ai giovani, di favorirne l’inserimento nel volontariato, in tutto ciò che li aiuta a vivere il fine unico della vita cristiana, che è la carità. Rimane vero, peraltro, che per amare da persone adulte, mature e responsabili, bisogna saper assumere tutte le responsabilità della vita umana: studio, acquisizione di una professionalità, impegno nella comunità civile. Le esperienze forti possono tanto più giovare quanto più si coniugano con i cammini ordinari della vita, che consistono nell’operare scelte di cui poi si è responsabili. Occorre saper creare veri laboratori della fede , in cui i giovani crescano, si irrobustiscano nella vita spirituale e diventino capaci di testimoniare la Buona Notizia del Signore. Occorre impegnarsi perché scuola e università siano luoghi di piena umanizzazione aperta alla dimensione religiosa, sostenere i giovani perché vivano da protagonisti il delicato passaggio al mondo del lavoro, aiutare a dare senso e autenticità al loro tempo libero. Certamente le nostre comunità sono chiamate a una grande attenzione e a un grande amore per i giovani.
In questa direzione, avvertiamo la necessità di favorire un maggiore coordinamento tra la pastorale giovanile, quella familiare e quella vocazionale: il tema della vocazione è infatti del tutto centrale per la vita di un giovane. Dobbiamo far sì che ciascuno giunga a discernere la «forma di vita» in cui è chiamato a spendere tutta la propria libertà e creatività: allora sarà possibile valorizzare energie e tesori preziosi. Per ciascuno, infatti, la fede si traduce in vocazione e sequela del Signore Gesù.

 

INDICE del Documento

Presentazione

Introduzione

– Al servizio della gioia e della speranza di ogni uomo (nn. 1-2)
– Attingendo alla Parola della vita (nn. 3-4)
– Assumendo il cammino percorso insieme dal Concilio ad oggi (nn. 5-6)
– La chiamata alla conversione e l’eloquenza della santità (nn. 7-9)

CAPITOLO PRIMO: LO SGUARDO FISSO SU GESÙ, L’INVIATO DEL PADRE

– Gesù, l’Inviato dal Padre (nn. 10-15)
– Gesù in mezzo a noi (nn. 16-23)
– Gesù, il Risorto (nn. 24-28)
– Gesù, colui che viene (nn. 29-31)

CAPITOLO SECONDO: LA CHIESA A SERVIZIO DELLA MISSIONE DI CRISTO

– Per una missione senza confini (nn. 32-35)
– Discernere l’oggi di Dio (nn. 36-43)
– Quali compiti per il prossimo decennio? (nn. 44-46)
– Il giorno del Signore e la parrocchia, tempo e spazio per una comunità realmente eucaristica (nn. 47-49)
– Una fede adulta e “pensata” (n. 50)
– I giovani e la famiglia (nn. 51-55)
– Una rinnovata attenzione a tutti i battezzati (nn. 56-62)

Conclusione: UNA VITA DI COMUNIONE

– Una Chiesa di discepoli e di inviati (nn. 63-64)
– Una Chiesa “casa e scuola di comunione” (n. 65-68)


Appendice
INDICAZIONI PER UNA “AGENDA PASTORALE” DEL PROSSIMO DECENNIO