Campagna
    abbonamenti
    QuartinoNPG2024


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    genn.-febbraio 2024


    Il numero di NPG
    dicembre 2023


    Newsletter
    genn.-febbraio 2024


    Newsletter
    dicembre 2023


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di GENNAIO-FEBBRAIO di NPG sulle strutture pastorali, e quello di DICEMBRE sulla PG degli ultimi 10 anni, sull'educazione alla pace.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: gennaio-febbraio 2024 e  dicembre 2023.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


    Quando si raggiunge

    la maggiore età

    Elisa Pucci



    Al giorno d'oggi uno dei temi più discussi è proprio quello che riguarda il rapporto dei giovani con la sacralità. Personalmente penso che tutti, giovani o anziani, almeno una volta nella vita si siano posti domande circa la loro vita dopo la morte e ciò che governa il nostro universo. Ogni giorno ho a che fare con centinaia di ragazzi che parlano del più e del meno, ma raramente sento discutere circa la Chiesa e la sacralità, se non in modo dispregiativo. Dopo aver discusso in classe su quest'argomento, ho ritenuto opportuno chiedere ai miei amici che cosa ne pensassero a riguardo. I pareri, come mi aspettavo, sono stati molto discordanti. C'è chi non crede e non si è mai avvicinato alle istituzioni sacre; c'è invece chi ha ricevuto tutti i sacramenti ma per imposizione di genitori e parenti e adesso non crede e non professa alcun tipo di religione; c'è invece chi crede ma sta lontano da ogni tipo di istituzione religiosa; c'è chi crede in qualcosa di indefinito che governa il nostro mondo e la nostra vita e infine c'è chi professa la religione cattolica. Per quanto mi riguarda, la situazione è molto complessa. lo sono cresciuta con l'idea di dover andare in chiesa per professare la religione e di confessarsi regolarmente per essere una brava cattolica. Personalmente mi considero, come allora, di religione cattolica, ma ho ritenuto opportuno allontanarmi dalla chiesa.
    Ritengo inoltre che sacralità e istituzioni religiose siano sconnesse tra di loro e credo fermamente che, per essere un bravo fedele, non serva recarsi quotidianamente in chiesa e per questo c'è un motivo: ho frequentato per diverso tempo la chiesa, ma, alla luce di diversi scandali riguardanti quest'ultima, ritengo di dover separare fede e istituzioni. Penso che credere in Dio e diffondere la religione non significhi creare un'istituzione alcune volte corrotta e piena di misteri.
    Credo che la Chiesa possa essere vista principalmente da due punti di vista: da quello del bambino, che non si accorge degli errori e vede il bello in tutto, e da quello degli uomini adulti che, come diceva Kant, sono entrati nella maggiore età, un'età dove si inizia a rendersi conto di ciò che è giusto e sbagliato.
    A parer mio la scelta di frequentare la chiesa è libera ed ognuno è libero di vedere quest'istituzione come meglio crede. Credo però che la Chiesa abbia in generale compiuto una serie di sbagli nel corso della storia, che sono difficili da dimenticare; a partire dal sostegno dato alle crociate fino all'appoggio al fascismo con i patti lateranensi.
    Ovviamente non mi sento di criticare tutta la Chiesa e tutte le istituzioni; io personalmente sono cresciuta in una chiesa tranquilla, senza obblighi o imposizioni da parte dei miei genitori.
    Per me quindi la sacralità della religione cattolica, come di tutti gli altri culti, va professata non per obbligo, non per tradizione di famiglia e sicuramente non per paura ad avvicinarsi ad altre religioni; credo che tutti abbiano il diritto di scegliere in cosa credere e cosa non credere. Penso che tutto quello che è sacro per qualcuno, ovviamente che non vada a ledere o disturbare la quiete del mondo, debba essere rispettato.
    Credere in una entità che non vedi non è semplice e quindi è impossibile determinare cosa sia giusto o sbagliato. La sacralità è qualcosa di importante e anche molto soggettivo, per questo ritengo che sia possibile criticare solo le istituzioni e non la fede altrui.


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Il filo di Arianna
    della politica


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI


    Santi giovani
    e giovinezza dei Santi


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


    Storie di volontari


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo


     

    Main Menu