Pastorale Giovanile

    Campagna
    abbonamenti
    QuartinoNPG2024


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    marzo-aprile 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    NL 3 2024


    Newsletter
    marzo-aprile 2024
    NL 2 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di MAGGIO-GIUGNO di NPG sui "buchi neri dell'educazione" e quello di MARZO-APRILE sulla narrazione biblica.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: maggio-giugnomarzo-aprile.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


    Il bene e la notte

    Sussidio di riflessione sulla testimonianza
    di Dietrich Bonhoeffer

    a cura di Massimo Maffioletti

     


    0. Introduzione

    Dio mi ha reso fecondo nella terra della mia afflizione GENESI 41,52

    A te farò dono della tua vita come bottino, in tutti i luoghi dove tu andrai GEREMIA 45,5

    Poiché dice il Signore degli eserciti, Dio d’Israele: Ancora si compreranno case, campi e vigne in questo paese GEREMIA 32,15

    Di che t’affliggi nel tuo cuore
    struggendoti giorno e notte?
    Prendi la tua occupazione
    e falla portare
    A colui che t’ha fatto…
    Nulla ha mai trascurato
    Nel suo governo;
    ma, ciò che egli opera e lascia accadere
    trova una buona fine.

    Oh, lascialo operare ancora
    E non metterci bocca;
    così riposerai qui nella pace
    e sarai felice in eterno

    Paul GERHARDT

    Uomini vanno a Dio nella sua tribolazione, lo trovano povero, oltraggiato, senza tetto né pane, lo vedono consunto da peccati, debolezza e morte. I cristiani stanno vicino a Dio nella sua sofferenza (Dietrich BONHOEFFER, Cristiani e pagani)

    Bacia la terra e amala intensamente (starec Zosima ad Alëša in I fratelli Karamazov di F. DOSTOEVSKIJ)

    Il bene arriva sempre attraverso la notte (Dietrich BONHOEFFER, lettera a Eberhard BETHGE, Tegel 5 maggio 1944)

    Il cristianesimo nasce dall’incontro con un uomo concreto: Gesù. Esperienza della trascendenza (Dietrich BONHOEFFER, Appunti, luglio-agosto 1944)

    "Caro amico, il presente libretto nasce come uno strumento di lavoro personale e/o di gruppo. Di tanto in tanto mi permetterò qualche domanda per facilitare la tua riflessione. Lo scritto che hai tra le mani è robusto perché robusta è la testimonianza del compagno di viaggio che ti è stato affidato a Mezzoldo: Dietrich BONHOEFFER. Forse troverai il suo linguaggio ostico, il suo vocabolario di altri tempi. La distanza anagrafica è enorme e il secolo nel quale ti trovi è lontano da quello che egli ha vissuto: tu, anzi noi, fortunatamente, non abbiamo dovuto affrontare la tragedia della Seconda Guerra Mondiale. I nostri nonni probabilmente sì.
    I tempi che stiamo vivendo, stanno drammaticamente presentando nuove sfide alla nostra umanità, chiedono vigilanza e responsabilità. Per esempio: il clima generale di terrore che inquina le nostre capitali europee, l’“altro” che rischia ormai di essere sospettato come un potenziale nemico e non come fratello, il fenomeno impressionante e non più passeggero dell’immigrazione, l’ostilità che sembra avere la meglio sull’ospitalità, i conflitti nelle aree più calde del pianeta (Africa, Medio Oriente…), la “guerra diffusa” – come la definisce papa Francesco – per il potere sul mondo e accaparrarsi le risorse della terra (l’acqua su tutte…), lo scempio ai danni del pianeta e della creazione, l’economia e la finanza diventate ormai padrone del mondo, la dittatura dei consumi, la seduzione “salvifica” della tecnologia, la pervasività di ogni forma di comunicazione… Tutti temi che interrogano la nostra coscienza: che uomo vogliamo? Che mondo vogliamo costruire e abitare? Che idea di vita ci stiamo facendo? Grazie alla testimonianza di Bonhoeffer affronteremo un capitolo spinoso dell’esistenza umana: il Male. Parleremo del rapporto tra Bonhoeffer e il Male e di come lui l’ha vissuto e affrontato. Di come l’ha vinto. Ma ti accorgerai subito che la vera posta in gioco è sempre come vivere la vita: con paura o con fiducia? Il Male è dentro il mondo e non puoi chiudere gli occhi. Bonhoeffer non ti fornirà le risposte ma forse ti indicherà gli atteggiamenti giusti per vivere il tuo tempo presente. Con serietà, passione e speranza.
    Senza scappare o gettare la spugna, rimanendo fedele alla tua vita.
    Dunque, permetti di incoraggiarti a seguirlo. Magari anche oltre il corso di Mezzoldo. Non sarai deluso.

    «Lo impiccarono nudo, alle prime luci dell’alba. Il boia sistemò la corda intorno alla gola del condannato e tirò via lo sgabello. Il decesso non avvenne subito, come in una regolare esecuzione alla forca, quando si rompe la colonna vertebrale. Il prigioniero morì strangolato: la sua agonia durò qualche minuto. Le guardie che parteciparono all’assassinio ricevettero Schnaps und Blutwurst (grappa e salsiccia).
    Finì così la vita di Dietrich Bonhoeffer, pastore e teologo protestante, lunedì 9 aprile 1945 nel lager di Flossenbürg. Aveva trentanove anni» [1].
    Prima di salire il patibolo affidò al compagno inglese di cella Payne BEST un saluto speciale per l’amico vescovo anglicano di Chichester George K.A. BELL: «This is the end, but for me the beginning of life».


    NOTE

    1 Eraldo AFFINATI, Un teologo contro Hitler (Mondadori 2002).


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo

     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu