Campagna
    abbonamenti
    QuartinoNPG2024


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    marzo-aprile 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    NL 3 2024


    Newsletter
    marzo-aprile 2024
    NL 2 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di MAGGIO-GIUGNO di NPG sui "buchi neri dell'educazione" e quello di MARZO-APRILE sulla narrazione biblica.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: maggio-giugnomarzo-aprile.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


    Aspetti di sé

    Tre film per "percorrere" la propria interiorità

    Spunti di riflessione educativa

    Marta Zambon, Gruppo Pedagogico Azione Cattolica - Milano

    cineforum


    È in questo tempo così particolare per tutti noi e dopo essere stati sollecitati da diversi sacerdoti e genitori, che come gruppo pedagogico abbiamo deciso di mettere in circolo le nostre competenze e le nostre passioni e offrire in maniera molto semplice e fruibile alcuni percorsi di riflessione attraverso il cinema. La visione in famiglia di diverse pellicole selezionate, possono aiutare a scoprire e coltivare alcuni aspetti della propria interiorità e spiritualità sia degli adulti che dei ragazzi e soprattutto riscoprire spunti importanti di educazione alla fede.

    Reputiamo che l’immagine e il suo impatto visivo abbiano una potenza senza precedenti e che il cinema sia uno scrigno prezioso per ricercare nuovi significati su di sé, sugli altri, sul mondo e su Dio; ma soprattutto crediamo che il cinema possa dire qualcosa di essenziale sul tempo che stiamo attraversando!

    Cinema come specchio

    Privilegiamo dunque il cinema poiché lo reputiamo un vero e proprio specchio della realtà che ci circonda e della realtà di ciascun essere umano. Sullo schermo infatti cogliamo in fondo “nient’altro che i segreti “geroglifici” dell’agire umano, quelli a cui non badiamo nella quotidianità ma che un film è in grado di rendere evidenti” (Cappa & Macino, 2005, p. 115). Se il film è uno specchio bisogna anche assumerlo come specchio di una complessità talvolta difficilmente esplicabile: è uno specchio di problemi, più che di soluzioni. E qualche volta bisogna arrendersi di fronte al reale che si “specchia” sullo schermo.
    Il cinema ha l’eccezionale capacità di parlare di noi, delle nostre storie, della nostra attività, delle nostre esperienze e delle disposizioni d’animo che le accompagnano. Vanna Iori in uno dei suoi numerosi studi sulle emozioni, utilizza proprio il mezzo filmico per andare ad analizzarne le più intime e segrete sfaccettature. In Guardiamoci in un film (2011) afferma di privilegiare l’utilizzo dei film poiché in esso ci osserviamo in modo diretto, senza possibilità di sfuggire, attraverso lo sguardo della macchina da presa, sapientemente guidate a rappresentare quella sfumatura dell’anima che abbiamo provato. L’immedesimazione mediata dallo schermo che, mentre proietta e amplifica, ha anche la funzione di proteggere e separare, appunto “schermare”, da un’esperienza irreale eppure profondamente coinvolgente. Nel processo di visione, non ci limitiamo a “rispecchiarci” nelle scene che ci riproducono, poiché quelle rappresentazioni rimbalzano su di noi e si incrociano con le raffigurazioni di noi stessi, e si riflettono su di esse. Il film ci restituisce così noi stessi ma anche in qualche modo le copie di noi stessi.Il pendolo della distanza emotiva è la magia del film che ci fa dimenticare di essere lì, nella sala buia, con altre persone estranee, e compiere, quando la potenza di immedesimazione grande, un’importante viaggio nell’intimità del nostro mondo. E anche nel salotto di casa è possibile rivivere questo spazio-tempo, al riparo dalle incombenze quotidiane, per immergersi nei flussi dell’anima. Guardare un film e guardarci in un film rimane uno dei rari momenti di tempo silenzioso nella rumorosa babele del tempo pubblico (Iori, 2011, p.16) In definitiva il cinema è uno specchio poiché nel “guardare un film noi guardiamo sempre il mondo e noi stessi nel nostro essere-nel-mondo” (ivi, p.18). Lo sguardo verso il film che “ci guarda” mentre lo guardiamo, contiene un potenziale richiamo alla coscienza, e ci fa scoprire significati esistenziali nuovi, anche dolorosi e magari pericolosi, ma lo fa “tenendoci al riparo”, nella zona franca della poltrona, dove gli spettatori possono identificarsi con i personaggi e immedesimarsi nei loro vissuti, senza perdere tuttavia una retrocoscienza di sollievo poiché non sono loro a vivere quella disavventura magari dolorosa e, alla fine, si accendono le luci della sala, le quali li accompagnano di nuovo nella vita reale.

    1- Per nutrire la fiducia in sé e nella vita

    Il ragazzo che catturò il vento (scheda)

    ragazzo vento

    2- L’invisibile è essenziale

    Ortone e il mondo dei Chi (scheda)

    ortone

    3- Per rivedere il senso religioso

    Io c’è (scheda)

    io ce

    Detto questo, mettetevi comodi e… buona visione!


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo

     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu