Campagna
    abbonamenti
    QuartinoNPG2024


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    genn.-febbraio 2024


    Il numero di NPG
    dicembre 2023


    Newsletter
    genn.-febbraio 2024


    Newsletter
    dicembre 2023


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di GENNAIO-FEBBRAIO di NPG sulle strutture pastorali, e quello di DICEMBRE sulla PG degli ultimi 10 anni, sull'educazione alla pace.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: gennaio-febbraio 2024 e  dicembre 2023.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email

    Cosa mi porto a casa


     

    Rosaria Carpentieri *

    (NPG 2017-04-78)

    Il Convegno nazionale di Pastorale giovanile “La cura e l’attesa. Il buon educatore e la comunità cristiana” che si è da poco concluso a Bologna è stato un momento davvero bello e forte: un bel respiro ecclesiale per i tanti sacerdoti incaricati della pastorale giovanile delle diverse diocesi d’Italia, suore e religiosi appartenenti alle varie congregazioni che svolgono compiti educativi, rappresentanti dei movimenti e delle associazioni cattoliche. Siamo stati chiamati a confrontarci su un argomento importante in questo tempo, in piena continuità con quanto trattato al convegno svoltosi nel febbraio 2015 che aveva come tema: “Il cantiere e le stelle. Pensiero e pratiche della progettazione educativa” e in fedeltà con la riflessione della Chiesa italiana, in quanto i vescovi italiani hanno dedicato grande attenzione all’urgenza educativa in questo decennio col volume degli orientamenti pastorali del decennio 2010-2020: “Educare alla vita buona del Vangelo”.
    Il tema dell’educazione oggi costituisce un impegno urgente e soprattutto una scelta di speranza per la libertà della persona. L’impegno per l’educazione rappresenta un’attenzione costante per la Chiesa perché da sempre al centro della sua vita vi è la cura nei confronti della persona, quella cura che costituisce la sostanza stessa dell’impegno educativo. Punto focale del convegno è stato maturare e far maturare sempre più la consapevolezza che “educatori non si nasce, ma si diventa”. Ogni educatore è un accompagnatore dei giovani in un cammino personale, ma nello stesso tempo è parte di una comunità che educa. Ogni educatore non si “auto-genera”, ma si costruisce attraverso un sistema educativo integrato a più voci.
    Sicuramente viviamo un tempo di conversione pastorale, le prassi educative vissute fino ad ora sembrano essere sempre meno funzionali all’educazione dei giovani. Ma la Chiesa per i giovani riunita a Bologna in questi giorni, ha dimostrato un grande desiderio e una grande passione educativa! Come Chiesa Italiana non dobbiamo perdere l’opportunità che il Papa ci sta offrendo con il Sinodo: vivere questo tempo di Sinodo perché tutta la comunità ecclesiale si metta in ascolto, si faccia vicina e si faccia istruire dai giovani.
    Sia davvero un tempo di ascolto dello Spirito Santo, cercando con i giovani la strada dell’incontro reciproco, un incontro che probabilmente avverrà nell’informalità e nella cura della relazione, nel “tempo perso” insieme, ma che ci mostrerà sempre di più quanto i giovani hanno bisogno di testimoni e maestri che sappiano scorgere in loro la scintilla di Dio.
    Come tutti i convegni anche questa è stata l’occasione per raccogliere idee, confrontare esperienze, stringere legami. Al convegno si è tanto respirata una passione condivisa che trova sempre più spazio in tutti, nella formulazione di uno stile e un metodo che hanno sempre più punti in comune. A fine convegno rimangono come pista di riflessione l’invito a dare importanza al mandato ecclesiale nello svolgere un servizio educativo, a dare pensiero alle prassi con i giovani perché emerga una chiara intenzionalità educativa, a partire da un atteggiamento di prossimità e di accompagnamento.
    Lo stimolo più grande ricevuto per il lavoro in diocesi è stato quello di recuperare la cura per gli educatori nella consapevolezza rinnovata che chi ama educa, e che l’aver cura chiede fedeltà. Quello stesso amore e quella stessa fedeltà che Dio Padre grande educatore ha usato con ciascuno di noi. Forte anche l’invito ricevuto ad educare alla convivialità e alla fraternità in una società che crea sempre più individualismo e isolamento.
    Gli stimoli ricevuti sono davvero tanti e implicano un compito serio e concreto: curare il lavoro che dovrà essere svolto nelle varie diocesi e gruppi giovanili per preparare il Sinodo ormai imminente, che ci vedrà da subito impegnati nella fase preparatoria e continuerà con un’attenzione ricca di attesa per tutto il periodo sinodale.


    * Suora Francescana Alcantarina, vive ad Assisi in una casa a servizio dell’orientamento dei giovani dai 18 ai 34 anni. Dal 1998 al 2004 vicepresidente diocesana per il Settore Giovani di AC della diocesi di Nola e dal 2006/2008 collaboratrice con il Centro Nazionale di AC. Incaricata laica per la Pastorale Giovanile Diocesana dal 2004 al 2007.


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Il filo di Arianna
    della politica


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI


    Santi giovani
    e giovinezza dei Santi


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


    Storie di volontari


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo


     

    Main Menu