Campagna 
    abbonamenti

    QuartinoNPG2024


    Letti 
    & apprezzati

    articoli


    Il numero di NPG
    dicembre 2023
    NL DICEMBRE 23


    Il numero di NPG
    novembre 2023
    NL NOVEMBRE 23


    Newsletter
    dicembre 2023
    NL dicembre 23


    Newsletter
    novembre 2023
    NOVEMBRE 23


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Post it

    • On line il numero di DICEMBRE sulla PG degli ultimi 10 anni, e quello di NOVEMBRE, sull'educazione alla pace.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: dicembre e  novembre .
    • Attivate nel sito (colonna di destra) varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2019 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2019: 94 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2023 

    annateNPG


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 

    165 dossier


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     

    165 rubriche


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi

    165 autori


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2023 

    165 editoriali


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 

    165 voci npg 2


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

    165 libri 


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 

    165 vintage


    Animazione,
    animatori, sussidi

    animatori


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV

    webtvpic


    NPG Facebook

    facebook


    NPG Twitter

    twitter


    sitica1


    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email

    Rimase tre mesi


    Giovani e mese mariano

    Mariella Mentasti

    (NPG 2011-05-12)


    Maria è il respiro dell’anima,
    è l’ultimo soffio dell’uomo.
    Maria vuol dire transito,
    ascolto, piede lieve e veloce,
    ala che purifica il tempo.
    (Alda Merini)

    Arrivasti in fretta, Maria, come se il desiderio di condividere l’immensa gioia del mio cuore ti avesse raggiunto col vento. Non un dubbio, non un’incertezza: i tuoi piedi come ali bianche d’angelo ti condussero a me, anziana e debole ma ricolma di un’energia nuova e vitale, di un’esplosione di meraviglia: Lui, l’Onnipotente, aveva oltrepassato i confini del tempo e lo aveva fecondato con una parola. Una parola che sentii nel mio grembo come bevanda calda e inebriante, come aroma dolce e intenso. Tu lo sai, Maria, in noi donne le parole prendono la forma delle emozioni e ci è più facile il discernimento tra vere e mendaci. Zaccaria, il sacerdote, l’uomo giusto e retto, l’uomo che amo da lunghissimo tempo, l’uomo che ancora mi ama con la stessa devozione e che mi ha sempre difesa con la forza travolgente di un giovane guerriero dallo sguardo ostile di chi mi malediceva come albero secco e indegno, quel giorno dubitò: la ragione non contempla l’affidamento cieco ma la ragione stessa, spesso, non riconosce la sua cecità. Così, mentre in me la Parola del Signore diventava vita, il dubbio rendeva sterili le parole di Zaccaria, perché per narrare Dio bisogna avere gli occhi spalancati del bimbo che si affida alla mano del padre.
    Ti vidi da lontano, «Eccola, dissi, Maria, la bambina che avrei voluto avere per me, la ragazza che il tempo ha reso armonia pura, dalle fattezze dolci, dai movimenti delicati, dall’animo coraggioso, dalla fede travolgente, dallo sguardo che è parola, dal silenzio che è ascolto. Eccola, è musica, il mio grembo sobbalza, il mio bambino danza».
    D’improvviso, come quando il vento cambia inspiegabilmente direzione, un vortice mi avvolse: il miracolo che aveva restituito vita ai miei anni incontrò il prodigio del tempo compiuto: «Benedetta sei tu, Maria, il Signore ti benedice perché ti ha scelto come madre, tu, figlia del mio cuore, figlia prediletta, nel tempo che in te si compie vedo realizzarsi il sogno di Dio».
    Mi uscii così, il saluto, e mi stupii di me stessa perché non era nelle mie intenzioni. Avrei desiderato narrarti la mia gioia e confidarti il mio timore: gioia piena, immensa, riconoscente di madre per la prima volta, paura di non capire. Un presentimento non mi lasciava pace: perché? Chi doveva essere mio figlio? Quale compito nella vita lo aspettava? Servire Dio, ma come, con quale responsabilità, a quale prezzo? Il dono della maternità cambia: trasforma il corpo e le viscere per essere culla della vita nuova, ma espande anche i pensieri che assumono talvolta le forme dolci della letizia e talaltra quelle inquiete e impenetrabili del destino cui ognuno è chiamato.
    La tua immagine, Maria, aveva ribaltato ogni mio pensiero e, come lanterna che, inattesa, rischiara un crocevia indicando la strada maestra, d’improvviso apparve ai miei occhi la sembianza di un’arca: eri tu, Maria, la nuova arca, attraverso il tuo corpo il cielo avrebbe baciato la terra, il tempo avrebbe manifestato la sua pienezza e l’amore avrebbe preso la forma del tuo grembo. Un tempo nuovo avrebbe avuto inizio da te e solo in te sarebbe potuto accadere. Tu, giovane ragazza, silenziosa nelle parole ma esuberante negli occhi, tu, figlia mia – perché tale io ti considero – che solo a me confidavi pensieri che erano desideri, sogni che erano progetti di vita piena nell’amore, nella gioia, nella letizia, di te pensavo che avresti cambiato il mondo. Perché nel tuo silenzio stava il miracolo dell’ascolto più profondo, della comunicazione più intima: esso era la vera rivoluzione giacché nel fragore del mondo giustizia e pace sono sussurri percettibili solo a chi tende l’orecchio dell’anima e dà loro spazio e in loro si trasforma e solo per loro prende parola.
    Giovinezza e sapienza in te crescevano avviluppate come arbusti d’ulivo in un intreccio di bellezza e armonia che non passava inosservato. Giuseppe avrebbe rinunciato a tutto per vivere in questo abbraccio, sentiva che l’amore per te era una splendida parte dell’amore di Dio, sentiva che il Signore aveva voluto il vostro incontro e nel suo nome vi sareste uniti per sempre. Ti guardava con un’intensità, un ardore, un entusiasmo tali che nessuno avrebbe mai osato pensare, vedendovi, che anche l’amore potesse finire per assumere le sembianze sgraziate dell’abitudine e dell’indifferenza. Tu e Giuseppe, un amore che rovesciava le idee dei cinici e dei disillusi, che restituiva speranza, che suscitava stupore e meraviglia: la vostra unione era più salda di una roccia, era più dolce del miele, più profumata degli incensi più preziosi, era più puro dell’acqua sorgiva. Giunsi a pensare che il Cantico fosse stato composto per voi e che in voi il Signore avrebbe benedetto l’amore terreno come parte ineludibile del Suo amore.

    Aveva bisogno di te, Maria

    Mi sbagliavo, il sogno del Signore comprendeva il vostro amore ma si estendeva oltre, aldilà di ogni pensiero umano, al di sopra di ogni logica, in una dimensione inaccessibile, fuori dal tempo e dalla materia. L’amore umano non doveva essere parte, doveva essere il mezzo, il viatico del Suo amore. Dio manifesta il Suo amore solo attraverso l’amore umano: aveva bisogno di te, Maria, perché solo tu, nell’abitudine del tuo silenzio di grazia, avresti potuto sentire la Sua voce, rischiare tutto e accogliere il soffio del Suo Spirito di vita dentro di te.
    Grandi cose ha fatto in te l’Onnipotente: «Eccomi!», replicasti, inebriata da un progetto che avrebbe frantumato i tuoi sogni per renderli parte del grande mosaico di Dio. E la fermezza di quel «Sì», sussurrato come ogni tua parola ma potente come il «Fiat lux» del Signore nella genesi dell’atto creativo, diede inizio a quella nuova alleanza siglata nell’amore.
    Ci voleva l’incoscienza e il coraggio di una ragazza disposta a regalare il suo futuro a un progetto impossibile ma che, eri certa, avrebbe cambiato il mondo. Solo una giovane, per il suo smisurato entusiasmo, solo una donna, per la sua audace attitudine al dono, solo tu, Maria, per quello sguardo libero che leggeva nella profondità di ogni sentimento e reggeva lo sguardo di Dio, poteva rispondere con un improbabile sì che segnava l’inizio del tempo nuovo.
    Ecco, ora, d’improvviso, prende forma in me un pensiero che scioglie il dubbio: quel bimbo che porti nel grembo e che, con potere travolgente, suscitò fremiti di gioia nella mia creatura, è il tempo nuovo, la Promessa della Storia, il compimento; questo mio figlio, questo amatissimo dono, sarà l’ultimo profeta del tempo antico, sarà colui che spianerà la strada.
    Nel deserto preparate la via al Signore, spianate nella steppa la strada per il nostro Dio. Ogni valle sia innalzata, ogni monte e ogni colle siano abbassati:[1] questo è il suo destino, ora mi è chiaro, è la chiamata del mio amatissimo figlio. Tu lo sentivi, Maria, per questo arrivasti in fretta, sapevi che avresti chiuso il cerchio dei miei dubbi e dei miei timori e che questo mio bambino sarebbe stato funzione del tuo. La tua risposta al mio saluto, quel Magnificat da ripetere tutto d’un fiato, quella preghiera che toglie il respiro nell’incanto e nello stupore della sua sapiente poesia, è il segno di un’opera tanto grande da svelare l’impronta di un’onnipotenza vicina. Per questo, di generazione in generazione, tutte le genti ti chiameranno beata, per questo, i tuoi sogni di giustizia e libertà troveranno in Lui la piena realizzazione, perché la Sua promessa aveva bisogno di dimorare in un corpo di donna per trovare compimento.
    Da oggi, Dio, non sei più solo Dio;
    da oggi, uomo,
    non sei più solo uomo.
    Il grembo di una donna
    ha fatto nascere
    qualche cosa di nuovo
    sulla terra e nel cielo.
    E niente sarà più come prima.[2]
    Ritorna a Nazareth, Maria, ritorna leggera, ritorna in fretta dal tuo Giuseppe che, per questa carezza di Dio,[3] ti ama ancora più forte; lasciami qui con il mio bimbo profeta, ora che so che anche il suo destino è nel tuo grembo e la sua vita, per quanto persa, trucidata, annientata, troverà nel frutto del tuo seno il massimo splendore.


    NOTE

    [1] Isaia 40, 4-5.
    [2] Da: ZARRI A., La scala di Giacobbe.
    [3] Titolo del testo di Don Tonino Bello sulla figura di Giuseppe artigiano.


    NOVITÀ

    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo
    chiara massimo


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


    Pensieri, parole
    ed emozioni
    articoli


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca
    Rivista "Testimonianze"

    fiori albero


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI
    fiori albero


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi
    lettura


    rubriche

    I sogni dei giovani per
    una Chiesa sinodale
    articoli


    Strumenti e metodi
    per formare ancora
    articoli


    Per una
    "buona" politica
    politica


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù
    articoli


    Dove incontrare
    oggi il Signore
    articoli


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana
    articoli


    Evoluzione della
    pedagogia salesiana
     alt=


    Il filo di Arianna
    della politica
    edu civica


    Europa, giovani, PG
    Interviste ai responsabili
    articoli


    Vescovi e giovani
    Un dialogo "sinodale"
    articoli


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI
    articoli


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte
    articoli


    Maestro di
    vita spirituale
    Francesco di Sales e i giovani
    patto educazione


    Passeggiate nel 
    mondo contemporaneo
    200 citta


    Santi giovani
    e giovinezza dei Santi
    200 cop santi

    Iscriviti alla newsletter

    Powered by BreezingForms

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


     

    Main Menu