Fatti per la bellezza

Davide Rondoni

botticelli venere bellezza

L’uomo è fatto per la bellezza, gli uomini le donne, i giovani, tutti. Siamo fatti per cercare la bellezza, ne inseguiamo le tracce, anche sfuggenti, che appaiono e scompaiono, in un colore del cielo, in un battere di occhi, in un voltarsi di un viso. Cerchiamo la bellezza.

Perché siamo fatti per la bellezza? Di cosa ci parla?

La bellezza è come una grande freccia, come una grande indicazione.

C’è qualcosa che ci aspetta, o che il cuore cerca per essere compiuto, di cui la bellezza è il primo segno. Non è un caso – credo - che si dica “sei bella da morire”, o “sei bello da morire”, quando si riferisce a una persona che colma tanto il nostro desiderio di bellezza. “Sei bella da morire”, perché ci sentiamo come troppo piccoli per contenere la cosa che ci sta arrivando. Lo diceva anche Michelangelo: “Qualcosa mi prende che è più me di me, che quasi mi spacca”. È così dicono anche i ragazzi, oggi, “sei bello che spacca”, “sei bella che spacca”.

Perché l’uomo è fatto per rompere la propria misura, per abbracciare qualcosa di più grande, e la bellezza ne è il segno, inequivocabile, che parla tutte le lingue del mondo.

(Il pensiero del giorno, Radio Rai 1, 21 gennaio 2016)