Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    MGS 24 triennio

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    SPECIALE 2024
    SPECIALE SUSSIDIO 2024


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    MAGGIO-GIUGNO 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero SPECIALE di NPG con gli approfondimenti della proposta pastorale, e quello di MAGGIO-GIUGNO sui "buchi neri dell'educazione".  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: specialemaggio-giugno.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook

    x 2024 400


    NPG X

    x 2024 400



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


    Direttorio per la Catechesi /9

    La formazione del catechista

    Dimensioni, centri formativi

    Cesare Bissoli 


    Il Direttorio verso di noi

    Uno scopo preciso

    “La formazione del Catechista comprende diverse dimensioni, (riassumibili) oggi anche con l’accezione del saper essere con, (che ci specifica) come dimensione del sapere (riguardo al messaggio e al destinatario nel suo contesto) e dimensione del saper fare (in quanto la catechesi è un atto comunicativo ed educativo” (DC n. 136).
    Viene chiaramente detto che il catechista ha bisogno di una formazione ampia e bene articolata, con degli scopi precisi, corrispondenti alla vocazione di catechista nella cultura attuale, in vista della maturazione umana e cristiana sua e dei destinatari.

    Uno sguardo globale

    * Nel c. 4 sulla formazione del catechista, dopo la sezione (A) dedicata ai criteri generali, assume particolare rilevanza questa sezione (B) per i contenuti formativi che propone e che richiede. Sono indicazioni esigenti che riguardano tutti i catechisti, anche i futuri presbiteri (DC nn. 136-153) e motivano centri formativi o Istituti di catechetica (DC nn. 154-156).
    * Qui si chiude la prima parte del DC che potrebbe chiamarsi ’catechetica fondamentale’ o i fondamenti, gli scopi, le linee-guida della catechesi, del catechista e della formazione richiesta.
    * Nelle parti e capitoli seguenti abbiamo ulteriori, necessarie specificazioni di quanto detto fin qui.

    1. Presupposti (DC nn.136-138)
    * “La formazione aiuta a maturare il catechista come persone con chiara identità relazionale, come credente e come apostolo”-
    * Fa da sintesi un quadrinomio abitualmente adoperato in catechetica e riassunto in questi verbi: essere (la spiritualità), sapere (la conoscenza), saper fare ( la pratica), saper essere con (la relazione comunicativa) (DC n. 136).
    * Sono espresse due esigenze preliminari di formazione: uno “sviluppo equilibrato” di tutte le dimensioni formative tra loro “profondamente correlate”, evitando scelte unilaterali; una precomprensione precisa: la competenza nelle varie aree è guidata dall’“esperienza dell’amore di Dio “ che aiuta il catechista a” non scoraggiarsi”, pur con “i propri limiti” (DC nn. 137-138).

    2. Essere e saper essere con; maturità umana, cristiana e coscienza missionaria (DC nn.139-142)
    È l’obiettivo della formazione spirituale in relazione all’ attuale situazione. Comporta:
    * “Il catechista è formato a divenire testimone della fede e custode della memoria di Dio”.
    Si mira ad una crescita umana (equilibrio affettivo, senso critico, unità e libertà interiore, relazioni di arricchimento della fede); crescita cristiana (coscienza missionaria interiorizzata come servizio del Regno di Dio); l’esigenza di una formazione solida che richiede un certo accompagnamento nel tempo (DC n. 139).
    * Per saper essere con sono nominate tre esigenze: imparare a vivere in relazione-con, cioè “una relazione educativa e comunicativa”; garantire i destinatari di una ”protezione assoluta da qualsiasi forma di abuso, specialmente di minori e persone vulnerabili”; svolgere un “ruolo come persona di riferimento che esercita una certa forma di autorità nel rispetto della coscienza, imparando a vivere la autorità come “servizio e nel rispetto della libertà “ (DC nn.140-142).

    3. ”Sapere: formazione biblico-teologica e conoscenza dell’uomo e del contesto sociale” (DC nn, 143-147)
    * “Il catechista è anche maestro che insegna la sapienza della fede” (DC n.143). Perciò conosce ed insegna:
    - le grandi tappe della storia della salvezza: AT, NT, storia della Chiesa, alla luce del mistero pasquale;
    - i nuclei essenziali del messaggio :Simbolo della fede, liturgia e sacramenti, la vita morale, preghiera;
    - le indicazioni principali del magistero ecclesiale circa l’evangelizzazione e la catechesi;
    - conoscenza dei diversi contesti delle tradizioni ecclesiali (cattolici, ortodossi, protestanti) circa la teologia ,la liturgia, i sacramenti…;
    - quanto ai contesti ecumenici e di pluralismo religioso: conoscenza degli elementi essenziali della vita e della teologia delle altre Chiese, in vista di un dialogo autentico e fruttuoso (DC n. 144).
    * Procedimenti didattici per l’accoglienza del messaggio. Si chiede di curare e garantire:
    - il carattere sintetico e kerigmatico per una visione unitaria e organica, con appello all’esperienza;
    - la qualità narrativa del racconto biblico ,in modo che coinvolga il destinatario come vicenda personale;
    - stile catechistico dei contenuti teologici secondo le condizioni di vita delle persone;
    - una conoscenza di tipo apologetico: armonia fede e ragione, valore dei preambula fidei (DC n.145).
    * Conoscenza dell’uomo concreto nel contesto socio-culturale:
    - contributo delle scienze umane: psicologia, sociologia, pedagogia, scienze della comunicazione…;
    - criteri-guida: autonomia delle scienze umane; discernimento critico; prospettiva di fede nell’ambito dell’antropologia cristiana (DC nn.146-147).

    4. “Saper fare: formazione pedagogica e metodologica” (DC nn. 148-150)
    * Catechista educatore e comunicatore, facilitatore di un’esperienza di fede che è da Dio (DC n.148).
    * Attitudini da maturare in un processo di autoeducazione:
    - capacità di libertà interiore e gratuità, di dedizione e coerenza;
    - competenza nella comunicazione e narrazione della fede;
    - maturazione di una mentalità educativa: gestire dinamiche di gruppo e processi di apprendimento;
    - gestione serena delle relazioni educative a livello affettivo ed emozionale;
    - capacità di predisporre un itinerario di fede nel contesto concreto, fare pianificazione, uso di tecniche;
    - mediare l’appartenenza alla comunità, con uno stile di comunione, valorizzando il gruppo (DC nn.149-150).

    5. Centri per la formazione dei catechisti (DC nn. 154-56)
    Se ne citano tre: formazione di base, per responsabili e animatori, centri superiori per esperti in catechetica.

    Noi verso il Direttorio

    * Se catechisti non si nasce , ma si diventa, resta vero che si diventa grazie ad un apprendimento adeguato sintetizzato nel saper-essere-con, nel sapere, nel saper fare (cuore, testa, mani).
    * Appare superata una catechesi puramente dottrinale.
    * Indubbia è la vastità delle competenze richieste incentrate sul dialogo Dio ed uomo, nella mediazione di Gesù e con una propulsione missionaria.
    * Appare necessario mettere insieme le forze docenti. Cosa migliore: un centro diocesano.

    Ed ecco delle domande su cui riflettere:
    - se sei catechista o se conosci catechisti, come valuti la tua (o loro) formazione?
    - quali contenuti formativi - detti sopra - ritieni più importanti e quelli più trascurati?
    - quanto la parte teologica, antropologica, comunicativa, quale vedi più carente?
    - l’animatore giovanile si ritiene adeguato alle proposte formative fatte sopra? Di quali di esse avverte maggiormente bisogno nel servizio ai giovani?
    - conosci centri formativi come quelli indicati sopra? Potresti frequentarli?


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu