Pastorale Giovanile

    Home Indice

    Pastorale Giovanile

    Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    MGS 24 triennio

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    SPECIALE 2024
    SPECIALE SUSSIDIO 2024


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    MAGGIO-GIUGNO 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero SPECIALE di NPG con gli approfondimenti della proposta pastorale, e quello di MAGGIO-GIUGNO sui "buchi neri dell'educazione".  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: specialemaggio-giugno.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook

    x 2024 400


    NPG X

    x 2024 400



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email

    Due passi nel buio


     

    Incroci vitali /2

    Salvatore Ricci

    (NPG 2013-02-02)


    Una sera d’inverno, mentre mi incamminavo verso casa, all’improvviso mi ritrovai a rallentare il mio passo, nonostante il freddo e il desiderio di un pasto caldo dopo una giornata intensa. Come se volessi vivere fino in fondo la magia di quella sera, che mi avvolgeva con il suo buio, reso più familiare dalle fioche luci delle lanterne poste agli incroci. In quel vicolo deserto non mi sentivo solo perché il silenzio intorno a me, interrotto solo dal rumore dei miei passi, mi dava una sensazione di pace interiore. Mentre il mio sguardo era rapito da quel manto scuro, in me riecheggiava con forza un solo pensiero: la notte. Una parola che evoca tante sensazioni, suggerisce tante immagini e dimensioni, a volte anche l’una l’opposta dell’altra. Una parola che come una musa ha ispirato artisti, poeti di ogni tempo, che attraverso note, colori e poemi hanno incarnato quel sentire nostalgico o di pace interiore, protagonista nel tempo del riposo e della riflessione notturna, dove lo spazio è colmato dalla preziosità del tempo e riusciamo a dare un nome alle emozioni provate durante il giorno, imparando anche che la caduta non ha più il gusto amaro della sconfitta, ma la dolcezza di un passo in più nel cammino dell’esperienza personale.
    A volte però la notte è il tempo della paura, perché c’è solo buio e silenzio. Tutto sembra scomparire perché soffocato da un telo che nasconde colori, cose, certezze. Dove la verità si confonde con la menzogna, il tempo della pace cede il posto all’ansia, l’ingenuità della fantasia è cancellata dalla malizia della pianificazione.
    Ecco perché la notte non è solo lo spazio di tempo compreso fra il tramonto del sole alla sera e il suo sorgere alla mattina, caratterizzato da un’oscurità più o meno intensa, ma diventa anche il segno di un tempo in cui possiamo ritrovare o smarrire noi stessi.
    La notte rivela l’uomo Antoine de Saint Exupéry), nella misura in cui decidiamo di vivere e attraversare quel buio, così come ci ricorda anche il Vangelo secondo Giovanni.
    «Vi era tra i farisei un uomo di nome Nicodèmo, uno dei capi dei Giudei. Costui andò da Gesù, di notte» (Gv 3,1-2a).
    Di notte. È un richiamo insistente (cfr.19,39) da parte dell’Evangelista che carica di un valore anche simbolico un incontro inseguito certamente non solo per provocare un famoso dialogo e dimostrare tutta la sicurezza di chi conosce la legge.
    Ma perché un fariseo, vuole incontrare Gesù di notte? La visita notturna può essere un espediente furtivo «per timore dei giudei» o può riflettere l’usanza rabbinica di stare alzati di notte per studiare la Legge? La notte non è semplicemente un’annotazione di cronaca, così come non lo è in riferimento a Giuda che «preso il boccone, subito uscì. Ed era notte» (Gv 13,30).
    Pur avendo incrociato entrambi la strada del Maestro, diverso è stato il loro primo passo. Due passi che hanno segnato cammini di­versi.
    Nicodemo decide di rendere feconda quell’oscurità, che diventa la notte di un uomo che cerca, che si interroga, che vuole attraversala per venirne fuori. Esce dalle tenebre per incontrare l’alba di un nuovo percorso che lo porterà, nel tempo, a riconoscere in Cristo quella Verità di cui era tanto assetato.
    Giuda, invece, attraversa il buio della notte allontanandosi passo dopo passo dalla Luce per entrare nell’oscurità di Satana, camminando sulla strada del rifiuto. Ha preferito voltare le spalle alla Verità per andare incontro alla menzogna, al male. Una strada che però non lo porterà lontano. Inciamperà presto nel buio del suo dolore, perché ha spento quella Luce in sé. «Se uno cammina di giorno, non inciampa, perché vede la luce di questo mondo; ma se cammina di notte, inciampa, perché la luce non è in lui » (Gv 11,10).
    In modi, tempi, contesti diversi, ciascuno di noi prima o poi fa l’esperienza della notte. È la notte dello smarrimento e dell’imprevisto, della sconfitta e del dolore, dell’incomprensione e dello scoraggiamento. A volte ci coglie così all’improvviso e impreparati che restiamo immobili, senza fiato, perché ci sentiamo schiacciati da quel manto pesante che oscura ogni cosa e che nasconde ogni possibile via d’uscita.
    È questo il momento del primo passo, del passo decisivo.
    Sta a noi decidere cosa farne di quella notte, come viverla, come attraversarla. Se nel nostro cuore si spegne la fiducia in un domani possibile, cedendo spazio alla disperazione, allora il nostro passo seguirà il cammino di Giuda, scegliendo di entrare in quel buio per restarci, inciampando continuamente e nascondendoci al dolore in un ingannevole rifugio.
    Ma se in noi è forte il desiderio di crescere e la voglia di ricominciare, nonostante la ferita, allora il nostro passo seguirà il cammino di Nicodemo, scegliendo di uscire da quel buio che non ci spavenat e non ci frena, ma che ci permette di arrivare all’alba del «nuovo».
    Solo una fede profonda può scorgere la luce del giorno oltre il buio. Solo chi è assetato di Verità non si stancherà mai di cercare Cristo, luce che illumina anche la notte più scura.
    Due passi nella notte ho fatto quella sera d’inverno, lunga è stata la strada percorsa dentro di me…


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu