Stampa
PDF

Schiavi d’oggi


Virginia Di Cicco

(NPG 2005-07-2)

 
Ora vi racconto, voi immaginate una scena.
Cinquanta gradi, più o meno, temperatura ardente, scioglierebbe qualunque cosa, fiaccherebbe chiunque; sei giorni di lavoro alla settimana, 7 ore al giorno: a quella temperatura vorrei sapere chi potrebbe lavorare di più; gli uomini lavorano nella polvere che scotta, che brucia i loro piedi, perché gli uomini lavorano scalzi e senza cappello, senza avere la testa coperta neanche da un cappello magari più pratico dei loro turbanti, neanche un panno da bagnare ogni tanto, per avere conforto. E la polvere si infila ovunque, negli occhi che non hanno sollievo: di occhiali protettivi per la luce neanche a pensarci – i raggi sembrano perforare il cervello – e per quella sabbia che brucia e punge, neanche a parlarne. La sabbia sulla pelle che sfrega e scortica anche se le vesti sono teli leggerissimi. La sabbia soprattutto nella bocca, la masticano, fa massa con la saliva, impasta la lingua, eppure di maschere filtranti se ne sente parlare in giro.
Immaginateli chini a cercare, maneggiare, spazzolare, trattare con cura e quando qualcosa sembra non andare, immaginate due tipacci di rais colpirli con un giunco. Frustarli come bestie da soma. Frustarli se per esempio i portatori per scaricare i detriti negli appositi vagoncini compiono un percorso magari più lungo di quello prestabilito perdendo del tempo prezioso.
Avrete sicuramente immaginato una scena da antico Egitto o antica Roma con schiavi in mutande che trasportano pietre e sudore e sangue e mausolei in costruzione, monumenti che porteranno il nome del re e non di quei schiavi da niente.
Bene, ora che avete fatto opera di immaginazione dovrò deludervi: non siamo al tempo delle piramidi egizie quando gli schiavi trascinavano pietre e venivano frustrati per niente. Siamo nel 2000 dopo Cristo e l’ambientazione è niente di meno che uno scavo archeologico, un semplice scavo duemila anni dopo la nascita di Gesù ma niente sembra cambiato.
Così vengono trattatati gli operai altamente specializzati dagli organizzatori occidentali degli scavi nell’oasi del Fajum, in Egitto. Il bello devo ancora scriverlo e il bello è l’ammontare della paga giornaliera di questi lavoratori: due euro e mezzo al giorno, con il rischio di essere licenziati senza preavviso visto che di garanzie sindacali neanche a parlarne, esattamente come al tempo delle prime dinastie egizie.
I famosi ed egregi archeologi ripetono continuamente ai loro rais prezzolati: «Gli operai sono solo il vostro braccio meccanico: devono solo eseguire gli ordini».
Eccezionale davvero, nel nuovo millennio, quando la schiavitù è stata abolita, i diritti umani sanciti, la dignità dei lavoratori conclamata.
Eccezionale davvero nell’ambito di uno scavo archeologico dove la cultura dovrebbe essere di casa e la sensibilità umana uscirne raffinata; dove gente preparata e di stile dovrebbe aggirarsi emozionata e completamente catturata dall’idea di riportare alla luce e alla gioia degli occhi le creature straordinarie di popoli che a guardar bene non erano poi così lontani da noi nelle loro inciviltà e dalle eccezionali creazioni dei quali noi siamo invece tristemente lontanissimi.

Verso Panama 
XXXIV GMG
  

logo panama

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Newsletter
Novembre 2018
NL-nov18

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

LIVE

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

Il numero di NPG 
in corso
Dicembre 2018

400 dic 18

Il numero di NPG 
precedente
Novembre 2018

NPG novembre 2018

Post It

1. In stampa il numero di dicembre, con il dossier sulla SCUOLA e la Via Amerina come cammino proposto e "commentato"

2. Sul sito, il più completo RAPPORTO SUL SINODO esistente on line

3. In homepage materiali relativi alla prossima GMG di Panama

4. In homepage un denso articolo sull'Oratorio  e i suoi percorsi educativi

5. Abbiamo inserito nel sito tutta l'annata NPG del 2014. Ecco la ragione per cui tra gli "ultimi articoli inseriti" compaiono anche scritti di quell'anno

Le ANNATE di NPG 
1967-2019 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2019 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1