Stampa
PDF

 

Pastorale giovanile

e Nuovo Testamento

Cesare Bissoli

(Da: Dizionario di pastorale giovanile, Elledici 1989)


1. ESISTE ANZITUTTO UNA PASTORALE GIOVANILE NEL NT?

Chiaramente la domanda riguarda la possibilità di una documentazione esplicita e chiara. Si può rispondere che ci sono concessi dei cenni che radunati nel quadro globale della pastorale delle prime comunità cristiane permettono di intuire l’inizio di una traiettoria, che avrà come suo traguardo le nostre elaborate trattazioni di pastorale giovanile. Quindi senza pretendere una sistematicità che è solo posteriore, e accettando il quadro socio-culturale dell’epoca (concezione patriarcalistica ed adultista della società) è biblicamente fondato parlare di un’attenzione mirata, di una cura dell’elemento giovanile fin dai primi tempi cristiani.
Ovviamente nell’intento del nostro studio non sta solo il rilevare la presenza della figura giovanile nelle comunità, ma anche, per quanto è possibile, individuare il tipo di rapporto che si aveva nel confronto di essa in prospettiva cristiana, cioè pastorale-educativa (C. Bissoli, Bibbia e educazione. Contributo storico-critico ad una teologia dell’educazione, LAS, Roma 1981).

2. IL MINORE NEL NT

Il mondo biblico è letteralmente popolato di bambini, ragazzi, giovani. Nel NT l’età giovanile si presenta sotto termini per lo più sinonimi di neanías, neanískos, neóteroi, néos (cf At 7,58; 20,9; 23,17; Mt 19,20.22..., 1Pt5,5; Tt 2,4). È difficile precisare l’età. Più che un criterio cronologico nell’ambiente biblico vale il criterio sociale del potere e della responsabilità, per cui giovinezza è sinonimo di immaturità non solo psicologica, ma anche civile. Il giovane vale per quello che potrà essere, piuttosto che per quello che è.
Non ridurremo però in termini mercantilistici questo rapporto tra figura giovanile e futuro del popolo di Dio, giacché, come è tipico della Bibbia, vi si inserisce la lettura di fede, secondo cui il giovane è in se stesso prova che la « benedizione » della vita continua e con ciò la grande eredità umana e religiosa iscritta nell’alleanza (cf le catechesi eziologiche, Es 12,24s; 13,8s; Dt 6,20s...). In quest’ottica la figura del minore sia nell’AT che nel NT assurge a simbolo oggettivo della fedeltà di Dio alla sua promessa, per cui i giovani, rompendo significativamente gli schemi di cultura che li vuole sottomessi, nelle mani di Dio diventano protagonisti della storia della salvezza: Giuseppe, Samuele, Davide, lo stesso Gesù, colui che non ha ancora « cinquant’anni », e che pure ha « visto Abramo » (Gv 8,57) e fin da bambino suscita stupore, domanda, meditazione (Lc 2,51-52), e addirittura propone un bambino, un piccolo, come modello di candidato del Regno (Mc 10,13s).
Nel concreto della storia, lo status giovanile è caratterizzato con tratti che indicano una visione ben realistica, nutrita alla scuola dell’esperienza, in base alla quale certamente si sarà mosso l’intervento pastorale educativo nei loro confronti. Si riconosce così la franchezza quasi orgogliosa del giovane ricco (Mt 19,20ss), la bruciante esperienza di male e di conversione del giovane prodigo (Lc 15,11 s), la curiosità che ha del temerario del giovane del Getsemani (Mc 14,51). Giovani sono quelli chiamati a seppellire Anania e Saffira (At 5,6). Nella sua prima lettera Giovanni ricorda come virtù giovanile il coraggio della lotta contro il male (2,13s), mentre 2Tm 2,22 ammonisce dalle ephitymíai neoterikaí, ossia passioni che avvolgono l’età giovanile, assai probabilmente di tipo erotico. E d’altra parte Paolo, sempre secondo le Lettere Pastorali, invita a non disprezzare la « giovinezza » di Timoteo (1Tm 4,12).
La figura della donna giovane è ancor meno presente, secondo i canoni tra l’altro della cultura di ambiente. Colpisce quindi che Gesù si interessi della figlia dodicenne dell’arcisinagogo risuscitandola (Mc 5,39s). Paolo, pur dovendo condividere moduli culturali del suo tempo, riconosce alla donna pieno diritto di appartenenza alla comunità (Gal 3,28) e nelle prime comunità appaiono gruppi di giovani donne (Tt 2,4). Esse dovevano avere un qualche ruolo nella Chiesa di Corinto, comunità giovane e fatta di elementi anche giovanili, come le « vergini » di 1Cor 7.

3. LA CURA CRISTIANA DEI GIOVANI

Che ci sia stata lo si può tranquillamente inferire dal fatto che il servizio pastorale dei fedeli nelle prime comunità era così attento ed articolato che non poteva mancare, anche per interessi di sopravvivenza e di continuità del gruppo, oltreché per più alte ragioni della fede, la cura cristiana di quei fedeli che sono gli immaturi. Sempre dall’ascolto dei testi, si possono arguire due livelli di attenzione.
Un primo livello riguarda l’educazione cristiana, soprattutto in famiglia, in piena continuità con la tradizione biblica (di cui i sapienziali sono portavoce espressiva). Lo evidenziano molto bene le tavole domestiche (Col 3,18-4,1; Ef 5,22-6,9; 1Pt 2,13-3,7), secondo cui i genitori sono responsabili primari dell’educazione dei figli (cf Eb 12,7.10; Tt 1,6; 1Tm 2,15; 3,4; 5,4.10; 2Tm 3,15). Un vigoroso ed emblematico passo sta in Ef 6,1-4, con una densa e innovativa affermazione, secondo cui i « padri » cristiani devono allevare i figli nella « paideia del Signore ». Il cui significato rigorosamente esplicitato non conclude all’invenzione di chissà quali metodologie educative (in questo il NT è debitore della tradizione semitica, ma anche ellenistica, v. le Pastorali), bensì ancor più profondamente rivela la grazia e il compito di assumere motivazioni e uno stile nuovo di amore, cose tutte che provengono dal Kyrios, da Gesù Cristo Signore, redentore anche dell’educazione (C. Bissoli, Bibbia e educazione, 226-251).
Ad un livello ulteriore, si può arguire una cura che va oltre l’educazione cristiana in famiglia, un più marcato contatto con quella che chiamiamo oggi pastorale giovanile, comprendente quindi un servizio di annuncio, di preghiera e di formazione dell’elemento giovanile all’interno della comunità. C. Spicq si pone la domanda se nelle prime comunità cristiane siano esistite forme associazionistiche giovanili come nel mondo greco, data la massa dei primi convertiti che doveva essere imponente (cf At 5,12; 6,7). Con eruditi riferimenti sia all’ambiente pagano che a quello biblico, segnatamente a Qumran, 1’A. analizza questi passi del NT: At 5,6.10; 1Pt 5,5;1Tm 5,1-2; Tt 2,6; 1Gv 2,13-14. E conclude che « nessuno dei nostri testi, giuridico o meno, è assimilabile a qualche costituzione o codice della Chiesa (...). In ciascun testo i giovani sono delle individualità distinte che soltanto i destinatari hanno compreso; però non erano delle astrazioni, né unicamente uomini di una determinata età, né tanto meno categorizzazioni di sviluppo spirituale (...). Essi contano nella vita comune dei cristiani come una categoria importante » (cf C. Bissoli, Bibbia e educazione, 342-343).
Nel quadro di questo stato giovanile, che affiorerebbe soprattutto nelle comunità di 1 GiovanniPastorali, si potrebbe arguire quanto meno la plausibilità di un servizio pastorale specifico.
Un esperto come W. Jentsch lo vede attestato in 1Tm 5,1-2; Tt 2,6; 1Gv 2,13-14. L’intreccio di norma pedagogica e di motivazione teologica è in essi chiaro.
La paráclesis fraterna di Tm 5,1-2, mentre richiama la funzione promozionale dell’amore e della fraternità, secondo anche le usanze educative del tempo, rimanda però ultimamente - in quanto paráclesis - al precetto dell’amore cristiano (Gv 13,35; 1Gv 3,1018), e con il cenno esplicito alla purezza si differenzia nettamente dalle pratiche di ambiente e le contrasta.
La lotta e la vittoria contro il diavolo (tentazioni di ordine sessuale?) stanno al centro di 1 Gv 2,13-14 (v. pure Tt 2,6-8). L’invito alla lotta con una forte carica di incoraggiamento sono propri di un discorso ai giovani. Ma e pure detto che è una vittoria che proviene dalla Parola di Dio che agisce nel giovane cristiano (v. 14).
In Tt 2,6s appare una catechesi sagacemente intesa secondo classi diverse, tra cui i giovani. Ad essi Tito raccomanda di essere riservati (sofronein), tipica qualità morale della paideia greca, di cui Tito stesso deve farsi modello. Ma, come appare dal v. 10, tale ascesi ha bisogno della grazia che modera una natura vivace, passionale (cf 2Tm 2,22).

4. CONCLUSIONE

Tirando le somme si può dire che all’epoca del NT è consentito constatare ben poche attrezzature di annuncio e di cura pastorale verso la gioventù. Rimane da richiamarsi a quella che possiamo definire pastorale di contesto in cui certamente anche i minori furono coinvolti. È difficile respingere un’affermazione globale come questa del già citato W. Jentsch: « La compattezza dell’oikos cristiano, la partecipazione alla liturgia cristiana, il vedere e l’ascoltare quanto era riguardante la dottrina cristiana, il canto corale degli inni, la preghiera comune, tutto questo era occasione che aiutava il giovane cristiano a progredire nell’evangelo dei padri. Non possiamo dimostrare ciò in dettaglio, ma tutto parla a favore di questo indirizzo».
In sintesi e in termini più universali, l’appellarsi alla paideia del Kyrios incorporando i giovani nella vita della comunità attraverso la vita con e nella comunità deve essere considerata come l’intenzione fondamentale ed insieme la prassi pedagogico religiosa del periodo del NT. Il che per una pastorale giovanile esplicita ed articolata che sarà dei tempi posteriori rimane una eredità ed insieme una consegna indiscutibile e permanente.

 

Newsletter
Dicembre 2018
NLdic18

Verso Panama 
XXXIV GMG
  

logo panama

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Giovani 
nel digitale
Esercizi di discernimento  

iphone mano

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

LIVE

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

Il numero di NPG 
in corso
Dicembre 2018

400 dic 18

Il numero di NPG 
precedente
Novembre 2018

NPG novembre 2018

Post It

1. In spedizione e on line la Newsletter di dicembre, con il dossier sulla SCUOLA e la Via Amerina come cammino proposto e "commentato"

2. Sul sito, il più completo RAPPORTO SUL SINODO esistente on line

3. In homepage materiali relativi alla prossima GMG di Panama

4. Abbiamo inserito nel sito tutta l'annata NPG del 2014. Ecco la ragione per cui tra gli "ultimi articoli inseriti" compaiono anche scritti di quell'anno

Le ANNATE di NPG 
1967-2019 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2019 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1