Stampa
PDF

«Il calice che il Padre mi ha dato, non dovrò berlo?»


Interpellati da Gesù /8

Rossano Sala

(NPG 2013-08-57)


Ritorniamo alle domande rivolte a Pietro, di cui ci occuperemo fino al termine della nostra rubrica sulle domande di Gesù nel Vangelo di Giovanni.
Gesù sembra a volte stare nel mezzo, strattonato da Pietro e amato dal Padre.
Il paradosso consiste nel fatto che, in superficie, Pietro vorrebbe salvare la vita di Gesù, e invece il Padre lo invita al sacrifico della vita. In profondità invece sappiamo che Gesù accoglie le indicazioni del Padre suo, che non sono primariamente quelle del sacrificio, ma quelle del dono di sé.
Tale logica del dono in un mondo di peccatori implica la necessità del sacrificio della vita.
Gesù deve andare verso la croce e deve custodire i suoi, e questo lo vediamo molto bene nei versetti iniziali del capitolo diciottesimo di Giovanni, che risentiamo:

1Dopo aver detto queste cose, Gesù uscì con i suoi discepoli al di là del torrente Cedron, dove c’era un giardino, nel quale entrò con i suoi discepoli. 2Anche Giuda, il traditore, conosceva quel luogo, perché Gesù spesso si era trovato là con i suoi discepoli. 3Giuda dunque vi andò, dopo aver preso un gruppo di soldati e alcune guardie fornite dai capi dei sacerdoti e dai farisei, con lanterne, fiaccole e armi. 4Gesù allora, sapendo tutto quello che doveva accadergli, si fece innanzi e disse loro: «Chi cercate?». 5Gli risposero: «Gesù, il Nazareno». Disse loro Gesù: «Sono io!». Vi era con loro anche Giuda, il traditore. 6Appena disse loro «Sono io», indietreggiarono e caddero a terra. 7Domandò loro di nuovo: «Chi cercate?». Risposero: «Gesù, il Nazareno». 8Gesù replicò: «Vi ho detto: sono io. Se dunque cercate me, lasciate che questi se ne vadano», 9perché si compisse la parola che egli aveva detto: «Non ho perduto nessuno di quelli che mi hai dato». 10Allora Simon Pietro, che aveva una spada, la trasse fuori, colpì il servo del sommo sacerdote e gli tagliò l’orecchio destro. Quel servo si chiamava Malco. 11Gesù allora disse a Pietro: «Rimetti la spada nel fodero: il calice che il Padre mi ha dato, non dovrò berlo?».
12Allora i soldati, con il comandante e le guardie dei Giudei, catturarono Gesù, lo legarono 13e lo condussero prima da Anna: egli infatti era suocero di Caifa, che era sommo sacerdote quell’anno. 14Caifa era quello che aveva consigliato ai Giudei: «È conveniente che un solo uomo muoia per il popolo».

Proprio in questo testo emerge il motivo per cui Gesù aveva precedentemente affermato che dove egli andava i discepoli non avrebbero dovuto né potuto seguirlo. Egli sta andando verso l’arresto e la croce. Egli deve bere il calice amaro delle ingiustizie di questo mondo per poter guarire ogni uomo dalla sua iniquità. E questo compito non può essere compiuto che da Lui solo. Nessun altro può condividere questa missione che il Padre gli ha dato da compiere, perché questo è propriamente il suo compito.
Allora Gesù, dopo aver chiarito che stanno cercando Lui solo, si distacca dai suoi perché li vuole custodire: «lasciate che questi se ne vadano». Quanta attenzione, quanta cura, quanto amore per i suoi. Non possono dare la vita secondo Dio se prima Egli non la dà per tutti loro e per tutti noi. Noi possiamo solo dare la nostra vita per Lui all’interno del Suo dare la vita per noi. Meraviglioso scambio, diranno i padri della Chiesa, contemplando queste azioni, che mettono in luce il cuore di Dio.
Pietro, che non coglie questo stile di Dio, che è dedizione per tutti che nessuno esclude, si comporta condividendo non lo stile di Gesù, ma quello di coloro che sono venuti ad arrestarlo. Lui si sente discepolo che separa il fine dai mezzi: tenta di difendere il suo Maestro con le armi del nemico, secondo la logica del più forte, con il regno della forza che schiaccia l’avversario e non ha alcun interesse per Lui. Per Gesù invece i suoi persecutori non sono semplicemente dei nemici, ma rimangono dei destinatari della sua azione di salvezza: «Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno» (Lc 23,34). È lo stile del mondo, quello che Pietro ha imparato restando per tanto tempo con gli uomini, che in genere la pensano così: do ut des, occhio per occhio e dente per dente, reciprocità perfetta nel bene e nel male. Se mi vuoi bene, anch’io faccio altrettanto, ma se tocchi il mio maestro e io, come minimo, comincio con il tagliarti l’orecchio!
Ma Gesù dimostra che in lui c’è solo bene, e non reciprocità del male: «rimetti la tua spada nel fodero» (Gv 18,11) significa appunto questo per Gesù. La logica di Pietro sembra immediatamente vincente, ma in realtà porta ad abbracciare lo stile degli schiavi e non quello dei figli. Se Gesù vincesse la sua battaglia con queste armi (che, tra l’altro, egli possiederebbe ben oltre le più ampie immaginazioni dei suoi: cf Mt 26,53), tutti gli sarebbero sottomessi come suoi schiavi e non come uomini liberi, come il Padre suo invece desidera da sempre e per sempre.
Ecco che emerge questa domanda: «Il calice che il Padre mi ha dato, non dovrò berlo?». Gesù rivendica ancora una volta che non è venuto per fare la sua volontà, ma è qui tra noi per compiere la missione che il Padre gli ha affidato. E questa missione è quella di mostrare questo volto del Padre in un mondo abitato da uomini che hanno rifiutato la parola del Padre. Il calice di cui si parla indica evidentemente la modalità concreta della croce, rappresentata dal simbolo eucaristico del calice che egli deve assumere interiormente e non solamente in maniera esteriore. San Paolo dirà, interpretando fino in fondo questa assimilazione tra il Figlio di Dio e il peccato del mondo, che Egli è diventato peccato per la nostra salvezza (cf 2 Cor 5,21).
La grande tentazione del Signore, che Pietro in tante occasioni gli pone davanti (in particolare nel famoso episodio narrato in Mc 8,27-33), è quella di raggiungere gli obiettivi della sua missione con dei mezzi che non ne rispettino il contenuto, cioè di separare il fine che si vuole raggiungere dai mezzi per raggiungerlo. Per dirla in soldoni, raggiungere la comunione attraverso il dispotismo, la libertà attraverso la schiavizzazione, il bene supremo passando attraverso il male: questa è la proposta di Pietro, che in tutti i presunti momenti di debolezza del Signore gli propone i mezzi di liberazione di questo mondo, riconducibili alla forza fisica e alla superiorità politica.
Gesù non cede, domandando a Pietro chi è il vero regista della sua vita: se Pietro stesso, oppure se è il Padre che è nei cieli. Soprattutto facendolo riflettere sul fatto che il calice del dono, anche faticoso e non facile, va assunto, perché è l’unica via che rispetti fino in fondo l’annuncio di un Dio che è amore. A Pietro, e anche a noi, viene così consegnata una domanda che ci dà da pensare.
Dopo questo episodio le strade tra Gesù e Pietro si dividono: Pietro si allontana dal maestro, convinto che oramai tutto sia perduto, mentre Gesù va avanti per la sua strada, solo e incompreso persino dai suoi, ma consapevole che il Padre rimane con Lui e che non lo abbandona né lo abbandonerà mai. Egli lo aveva detto ai suoi: «Ecco, viene l’ora, anzi è già venuta, in cui vi disperderete ciascuno per conto suo e mi lascerete solo; ma io non sono solo, perché il Padre è con me» (Gv 16,32). Gesù non è dunque solo, come per chiunque segua la via di Dio, ovvero quella del dono di sé per la vita del mondo: il Padre rimane al suo fianco «sino alla fine».

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Newsletter
Speciale 2018
(Estate-Settembre-Ottobre)
NLspeciale2018

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

Il numero di NPG 
in corso
Estate 2018

cop estate2018

Il numero di NPG 
in corso
Settembre-Ottobre 2018

cop sett-ott2018

Post It

1. Abbiamo spedito agli abbonati, in un unico invio, il numero estivo e quello di settembre-ottobre di NPG. Il primo riporta i materiali di approfondimento per la proposta educativo-pastorale salesiana ("Io sono una missione - #perlavitadeglialtri") e il secondo è sul Sinodo "Nel cuore del Sinodo. Temi generativi, sfide provocatorie, inviti alla conversione")

2. Uno splendido omaggio ai nostri abbonati: il libretto dell'INSTRUMENTUM LABORIS del Sinodo, in allegato alla spedizione dei due NPG di cui sopra

3. On line tutta NPG fino all'annata 2013 (come promesso, fino a 5 anni fa), e pulizia-aggiornamento definitivo dei files delle annate precedenti

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2018 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2018 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
navigare con una bussola

mappesito 1

PROGRAMMAZIONE
NPG 2018

programmazione 1

LECTIO DIVINA 
o percorsi biblici

lectiodivina 1 

DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina 1

LE INTERVISTE: 
PG e...

interviste 1

ENTI CNOS

cospes tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport

SITI AMICI

Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni vis asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi