Il corpo

specchio dell'anima

Umberto Galimberti

Il corpo. D'estate diventiamo più corpo, non solo perché indossiamo meno abiti, ma perché sulle spalle ci portiamo meno coscienza, meno impegni, meno misura del tempo.
Il corpo è una regione misteriosa che ha stretto col mondo un patto amicale che la nostra anima razionale ha un po' guastato, dandoci del nostro corpo quelle rappresentazioni che sono l'angoscia quotidiana dei giovani, sempre insicuri sulle fattezze del loro corpo, e la base depressiva di quanti alla giovinezza hanno detto addio, e per non soffrire troppo hanno spostato l'attenzione dalla bellezza alla salute del corpo. In realtà a nessuno è concessa l'immagine fedele del proprio corpo. La mia vita non può esplorare ciò che si nasconde dietro le mie spalle, e soprattutto non può vedere quel viso che sono e che mi esprime. Anche con lo specchio non raggiungo lo scopo, perché l'immagine riflessa non è sovrapponibile ma simmetrica; la destra, cioè, diventa la sinistra, e siccome le due parti non sono perfettamente identiche, l'espressione che vedo riflessa non è la mia espressione. QUELLO che la Bibbia a più riprese dice di Dio: "Non ti farai immagine alcuna", può benissimo essere applicato al corpo, sempre al di là delle sue immagini, sempre diverso. Il dramma di Narciso e la sua tragica conclusione dicono, in altra cultura e in altro modo, l'impossibilità per il corpo di afferrare la propria immagine.
La propria immagine, infatti, è qualcosa che il corpo "costruisce", come lascia intendere il latino facies che rinvia al facio, verbo dell'attuazione e della prassi. È una costruzione che il corpo compie con lo sguardo, per cui la "faccia" è anche "viso", dal latino visus, da cui il francese visage e il tedesco Gesicht, dove evidenti sono le allusioni all'atto del "vedere" e dell'"esser visto". Guardando il volto di un uomo, solo una nostra supposizione ci fa ritenere che a lui siano noti i tratti che noi vediamo, in realtà per ciascuno di noi il volto è il vuoto del nostro corpo spalancato sulle cose del mondo. Forse per questo il greco stoma e il latino os, oltreché "viso" significano "bocca", quindi "apertura", "voragine". Se il mio volto è il vuoto del mio corpo, la faccia che mi costruisco è il vuoto che riempio attribuendo al mio sguardo il riflesso dello sguardo degli altri, della gente che incontro, e non delle vetrine o degli specchi che incrocio. Infatti, anche a voler prescindere dalla simmetria speculare che, invertendo i tratti del mio volto, mi nega la mia immagine, nello specchio non trovo la mia espressione, ma la topografia di un volto; non la mia fisionomia, ma dei "tratti" da cui è difficile ricostruire il taglio del mio sguardo, lo stile del mio aspetto. Il mio corpo che cercavo nello specchio mi è reso da quella cosa che vedo e che divento ogni volta che cesso di abitarmi per cogliermi nella forma dell'esteriorità. Lo specchio, infatti, mi sorprende dall'esterno e mi spaventa quando, raggiungendomi impreparato, mi cede quel suo segreto che è la mia corporeità colta dal di fuori.
Ma a coglierci dall'esterno e a ridurci a cosa non è solo lo specchio, ma anche la nostra "anima", il nostro "spirito", il nostro "pensiero", e noi siamo troppo inclini a credere che le circostanze del nostro spirito siano le sole ad avere importanza. In realtà ogni tentativo d'azione riflesso o irriflesso che sia, ogni desiderio realizzato o rimosso, cambiano l'immagine che abbiamo del corpo, la sua gravità, il suo peso. Per questo ogni tanto "ci sentiamo leggeri", mentre altre volte "ci sentiamo a pezzi". Qui non si tratta di modi di dire, ma di modi di essere in quel rapporto dinamico tra corpo e mondo che l'immagine del corpo fedelmente segue e riproduce, accompagnando eventi fisiologici come la malattia di un organo, psicologici come la soddisfazione di un rapporto, sociologici come l'interesse che le persone intorno a noi provano per il nostro corpo.
L'organo dolente, ad esempio, acquista un rilievo preminente nell'immagine corporea fino a sconvolgerne la simmetria e l'equilibrio, allo stesso modo di un rapporto erotico o di una situazione emotiva, dove la paura non paralizza organicamente gli arti, ma l'immagine che li riguarda, impedendone allo stesso modo l'efficacia dell' azione. Da ciò si deduce che l' immagine del corpo non è un fenomeno statico, ma qualcosa che si costruisce, si struttura e si destruttura nel continuo rapporto col mondo.
Certo non possiamo decidere di aumentare la frequenza del nostro polso, ma possiamo immaginarci una situazione paurosa e produrre un cambiamento nella frequenza. La stessa rappresentazione è decisiva per i battiti cardiaci e per la dilatazione della pupilla, così come la rappresentazione di un cibo disgustoso basta per produrre salivazione, nausea, vomito e probabilmente anche un mutamento nella composizione del succo gastrico.
Tutto ciò per dire che noi possiamo raggiungere il corpo fin nei suoi organi più interni attraverso la rappresentazione del mondo esterno in cui trovano espressione il nostro modo di fare esperienza e il senso che per ciascuno di noi l'esperienza assume. La nostra immagine corporea non ci è dunque data dallo specchio, dove al massimo si consuma metaforicamente il nostro onanismo perverso, ma dalle continue modificazioni che il nostro corpo subisce nel contatto col mondo dove si esprime lo stile e il senso della nostra biografia.
Ovviamente la costruzione dell'immagine corporea non dipende solo dalla storia del singolo individuo, ma anche dall'incidenza dell'elemento sociale, essendo il modello del nostro corpo coordinato sul modello del corpo altrui. Espressioni quali: "Di fronte a lui mi sento un pigmeo", "quando lo vedo mi si allarga il cuore", "in mezzo a questa folla ondeggiante mi sento affogare" e altre consimili dicono, in espressione metaforica, quanto la correlazione sociale sia decisiva per la formazione dell'immagine corporea.
L'interesse, ad esempio, positivo o negativo che gli altri manifestano per alcuni aspetti del nostro corpo porta a una modificazione della nostra immagine che accentua o rimuove ciò che sente accettato o respinto. I processi d'imitazione, di identificazione, di proiezione di cui ci parla la psicoanalisi, così come i canoni collettivi di bello e di brutto con le loro conseguenze psicologiche a livello individuale sarebbero incomprensibili se non si considerassero le interrelazioni che esistono tra le varie immagini che ciascuno offre di sé. Se è vero infatti che non può costituirsi un io senza un tu, così non possiamo costruire la nostra immagine corporea senza l'immagine corporea altrui.
Questo interscambio di immagini è determinato da fattori di vicinanza o di lontanza spaziale ed emozionale. Vivere "a contatto di gomito" o "sotto l'influsso di" significa infatti assumere certi tratti, modificare certi atteggiamenti e quindi accentuare certi aspetti del proprio corpo non secondo lo schema fisso che ci dà il nostro specchio, ma secondo le variazioni che ci dà la nostra vita di relazione.
Nudità e pudore, ad esempio, sono connessi all'importanza sociale delle immagini corporee; rossore e timidezza dipendono dall'inadeguatezza sociale della nostra immagine, mentre i motivi sessuali, prima di essere eccitazioni libidiche, sono modelli carichi di significati sociali, perché la sessualità non è carne, è desiderio. E ciò a cui tende non è la scarica di una tensione, ma l' incontro con l'altro, perché solo desiderando l'altro e sentendomi oggetto del desiderio altrui, io mi scopro come essere sessuato.
Se dovessimo prescindere da questa "sociologia delle immagini corporee" sarebbe arduo definire perfino la bellezza che ogni cultura esprime in termini così eterogenei. Basta infatti lasciare i confini della propria razza per non disporre più di criteri di bellezza, essendo questo ideale e la sua misura il frutto della continua socializzazione delle immagini corporee. Se poi pensiamo che alla bellezza è strettamente connessa la sessualità, possiamo renderci conto quanto quest'ultima sia condizionata dalla natura e quanto piuttosto dai modelli estetici della società. Forse per questa precarietà, per questa rapida evoluzione dei modelli corporei, la bellezza non è mai pienamente rassicurante e fino all'ultimo soddisfacente. Il carattere infido che la circonda dice la precarietà delle nostre immagini corporee, la loro fragilità, la loro distruzione sempre possibile.
A differenza dell'anima, che presume di godere di una sua immutabilità ed eternità, il gesto del corpo, come la vita, non si ripete, per questo è così vitale. È una presenza semplice che si esaurisce nel suo atto, ciò che ha detto non è più da dire, la sua espressione non vive due volte.
Per il corpo, infatti, ogni gesto compiuto è morto, perché non agisce che nel momento in cui viene espresso, il suo esaurirsi è però un invito a cercarne un altro, il suo dissolversi come gesto vivo, che non ha luogo se non una volta, allontana la minaccia della ripetizione e dispone alla continua trasformazione della vita. Rispetto all'anima, il suo stile non è economico e calcolatore, non differisce per conservare, non conserva per paura di perdere. Il gesto del corpo infatti è un tema dell'infedeltà, dove non si tarda a comprendere che la fedeltà è impossibile.