Stampa
PDF

Demografia e famiglia: il pensiero dei Vescovi d’Europa

 

Intervista a padre Duarte da Cunha, Segretario Generale del Consiglio delle Conferenze Episcopali d'Europa..

Quali sono le ragioni che hanno spinto  il CCEE a svolgere una inchiesta sul ruolo della famiglia in Europa?

Padre Duarte: Tutti gli anni si riunisce l’Assemblea plenaria del CCEE, con i presidenti delle Conferenze  Episcopali in Europa (33) e 4 vescovi  europei che non appartengono a una Conferenza episcopale (Lussemburgo, Monaco, Moldavia, Cipro)  ma sono membri del CCEE . Insieme al normale rapporto delle attività, la presidenza del CCEE riceve dai diversi membri, proposte di temi per la plenaria successiva. Le diverse  proposte vengono vagliate al fine di trovare un tema che possa rispondere alle preoccupazioni reali presentate dai presidenti delle Conferenze  episcopali.

Quest’anno il tema scelto è l’evoluzione demografica, che, soprattutto in Europa solleva gravissime preoccupazioni nei diversi ambiti sociali, sanitari, politici ed economici. L’Europa soffre da alcuni decenni di un crollo demografico che sta suscitando problemi seri all’intera organizzazione sociale  e civile delle nazioni. La Chiesa non ha la pretesa di proporre soluzioni magiche per risolvere un problema così complesso, ma ha il compito di far risplendere la luce di Dio e suscitare la speranza cristiana tra gli uomini affinché questi riescano ad affrontare seriamente i problemi con fiducia ed entusiasmo.

A vari livelli ed in varie occasioni, dalle università alle opere sociali, dalla vita pastorale agli interventi pubblici, la Chiesa cattolica attraverso i suoi Vescovi sta cercando di svegliare le genti scacciando i fantasmi, vincendo le paure, cercando di infondere fiducia e speranza nella crescita delle famiglie e delle nascite. La decisione di focalizzare questo tema all’interno dell’Assemblea plenaria della CCEE, non è stata solo quella di parlare della demografia come una questione semplicemente di numeri e di statistiche. Anche se i numeri sono importanti per rivelare la dimensione del problema, l’evoluzione demografica è una questione che coinvolge direttamente la vita delle persone, che implica la decisione di mettere al mondo dei figli, che determina l’impegno per far nascere e sostenere la famiglia, che determina quindi l’evoluzione sociale della civiltà.

E’ quindi un tema che ci permette di valutare come è cambiata la società negli ultimi decenni e come bisogna intervenire per cambiare gli stili di vita. La sfida è grande perché , la cultura e la mentalità dominanti sembrano essere condizionate dal consumismo e da una pratica utilitaristica non favorevole alla famiglia ed alla vita nascente. Nello stesso tempo i timori per  il futuro dell’economia non favoriscono la creazione di famiglie con  molti  figli. La Chiesa è ben consapevole che la famiglia è la cellula fondamentale della società, e per questo motivo vuole affrontare il problema demografico  legato alla famiglia. In questo contesto è evidente, e la Chiesa lo sostiene da sempre, che la promozione della natalità deve essere accompagnata dal sostegno alla famiglia. Crescita demografica, difesa della famiglia e difesa della vita, sono intrinsecamente collegate. Ecco perché il tema scelto dal CCEE è quello di Demografia e Famiglia.

Da sottolineare che l’orizzonte degli incontri del CCEE non è solo quello degli esperti specializzati sul tema, anche se questo è necessario e serve come base per le riflessioni, ma dei pastori che cercano di capire come possono collaborare fra di loro e con la società al fine di far emergere una cultura generosa ed aperta alla vita. L’obiettivo del CCEE è quello di promuovere la pratica di azioni buone e caritatevoli, proclamare il Vangelo della vita e della famiglia, sostenere le associazioni familiari e le azioni di amore vicendevole in un orizzonte di difesa e arricchimento del bene comune. E’ in questo ambito che il segretariato del CCEE con l’aiuto di esperti della materia, ha preparato un’inchiesta sulla evoluzione demografica e la famiglia presso le varie Conferenze  episcopali  d'Europa . Il tema è di scottante attualità ed al centro di una preoccupazione condivisa, visto che tutte le Conferenze  episcopali  d'Europa hanno risposto.

Quali sono i temi che l’inchiesta ha toccato? E quali sono stati i risultati?

Padre Duarte: Un primo aspetto dell’inchiesta è stato quella di conoscere lo stato della evoluzione demografica nei vari paesi. Se tempo fa alcuni avevano paura di un mondo sovrappopolato, oggi si comincia a verificare che invece il pericolo è quello della caduta della crescita demografica con tutte le conseguenze collegate. Anche se in Europa si verifica ancora una certa crescita demografica questa è dovuta all’arrivo di nuove persone provenienti da altri continenti.  Le percentuali di natalità sono invece crollate. Un problema sollevato da quasi tutti i Paesi è il dato drammatico dell’aborto. Il fatto che in tanti paesi ci siano leggi che permettono la libera  "interruzione di gravidanza"  fa sì che l’aborto sia praticato con grande superficialità. Si tratta di un segno che fa capire la decadenza della sensibilità per il valore della vita, ed è senz’altro una delle cause del crollo demografico. Questo porta ad una seconda questione, quella della piramide dell’età, con pochi giovani e sempre più anziani, un fenomeno che sta stravolgendo il rapporto tra le generazioni. Nell’ambito dell’inchiesta si è cercato di capire il rapporto tra famiglia e natalità, anche per verificare la salute della famiglia e come gli Stati stanno aiutando la famiglia in modo che questa possa avere più figli. Molto importante in questo contesto capire come è cambiata la cultura soprattutto nei confronti della maternità. L’inchiesta cerca di analizzare in che modo ogni singolo paese guarda alla famiglia ed alla maternità. Ultima e non marginale questione affrontata dal Rapporto è capire in che modo ogni singola Chiesa domestica sta intervenendo per aiutare la crescita e la felicità di famiglie e bambini e bambine.

Da più parti della Chiesa ortodossa giungono appelli per far rinascere le radici cristiane dell’Europa. Nell’ambito del previsto 2° Forum cattolico-ortodosso si discuterà anche della difesa del Crocifisso?

Padre Duarte: Un compito molto importante della missione del CCEE è quello dei rapporti ecumenici. Per questo motivo sono frequenti gli incontri con la  KEK (Conferenza  delle Chiese Europee ). Inoltre da alcuni anni si sta sviluppando  in  un modo stabile l’incontro fra le Chiese Ortodosse in Europa e la Chiesa Cattolica per riflettere insieme e testimoniare la vicinanza in ambiti sociali e pastorali. Sappiamo che la riflessione teologico/dogmatica è compito del dicastero Vaticano apposito e che anche a quel livello si stanno facendo tanti passi avanti. Nel nostro ambito, abbiamo allora costituito un Forum Cattolico-ortodosso e avremo il secondo incontro dal 18 al 22 ottobre di quest’anno. Nel corso del primo incontro abbiamo discusso sulla tematica della famiglia e lì abbiamo elaborato un messaggio comune dove si fa riferimento all’importanza del matrimonio e della vita e si fa vedere come Cattolici ed Ortodossi sono insieme nella difesa della verità della famiglia  e della vita dal concepimento alla morte naturale . La cultura della morte, come la chiamava Giovanni Paolo II, che non cura la vita né la famiglia, è una preoccupazione comune di Cattolici e Ortodossi e la stessa fede ci fa promuovere i veri valori e collocare la speranza nello Stesso Signore.

Per il secondo incontro abbiamo voluto capire il rapporto Chiesa-Stato da un punto di vista teologico. Anche se Ortodossi e Cattolici hanno tradizioni diverse le sfide della secolarizzazione e di una cultura alle volte anti-cristiana ci fanno desiderare di trovare un modo di arricchirci a vicenda. Il tema della libertà e legittimità del Crocifisso nei luoghi pubblici, o più genericamente la questione dei simboli religiosi, così come è nato e come si sta discutendo in Europa è chiaramente un segno che in Europa ci sono persone e gruppi che non vogliono riconoscere il valore della cultura cristiana. Sono convinto che la maggioranza della gente sia consapevole del valore religioso e culturale dei simboli religiosi e sono anche sicuro che ortodossi e cattolici, come anche altre chiese cattoliche, capiscono l’urgenza di testimoniare insieme e difendere la cultura cristiana. Non solo come chi difende una cosa del passato, ma proprio perché siamo convinti dell’importanza per il presente e per il futuro di un riferimento alle radici cristiane se si vuole costruire un’Europa democratica, libera e sicura, dove la libertà religiosa  sia  vissuta di un modo positivo, accettando la pluralità e non obbligando a nascondere la dimensione religiosa nella vita privata. La rinascita della fede in Europa, come nel mondo, non accadrà comunque attraverso questi incontri, anche se questi sono importanti, ma verrà dalla conversione delle persone. In effetti, tutto il lavoro che si fa per il dialogo ecumenico ha come scopo quello di seguire il mandato del Signore e sono convinto che lo scandalo della divisione è una pietra d’inciampo e quindi, vice versa, i passi che addensano la comunione fra i cristiani sono  una grazia di Dio e sono anche un segno della Verità e della Bellezza che attirerà più persone ad avvicinarsi a Cristo.

Quali potrebbero essere gli effetti del recente viaggio del Pontefice Benedetto XVI in Gran Bretagna, nel dialogo ecumenico e nella nuova evangelizzazione dell’Europa?

Padre Duarte: Quest’anno il Papa ha fatto in Europa quattro viaggi: Malta, Portogallo, Cipro ed Inghilterra. Tutti e quattro sono stati un successo. Anche se diversi fra di loro, sia per la diversità dei paesi che delle tematiche affrontate, tutti, con la gente che accorreva in massa a vedere il Papa, hanno fatto vedere come nel cuore del popolo ci sia un grandissimo desiderio di Dio. Il Pontefice Benedetto XVI  riesce a risvegliare questo desiderio e aiuta a cercare la risposta alle inquietudini umane presentando il cattolicesimo con tutto il vigore della santità, ossia: Gesù Cristo. E questo, possiamo dire, è il cuore della nuova evangelizzazione. Anche da qui, da queste esigenze fondamentali dal cuore dell’uomo si comincia il cammino ecumenico. Ci siamo tutti uniti nel bisogno e nella ricerca di Dio, e Cristo è la risposta completa a questo bisogno. L’Ecumenismo come il Papa sta testimoniando nei vari incontri che fa durante i viaggi o a Roma con i pastori delle diverse chiese parte da questa comunione fondamentale. E da qui si cerca di crescere e camminare senza nascondere le difficoltà e senza ridurre il desiderio di unità che non è soltanto un’intenzione, ma un ideale che lo Spirito Santo ci spinge a cercare  e ci aiuta a dare passi sicuri e significativi . Ci sarà un momento in cui questa unità  diventerà realtà pienamente vissuta.

In tema di sostegno alla vita e alla famiglia naturale non si potrebbe pensare a una manifestazione europea promossa dalla CCEE, da svolgere contemporaneamente in ogni nazione?

Padre Duarte: Credo che adesso la proposta che dobbiamo prendere seriamente è quella che ci ha fatto il santo Padre per preparare l’Incontro Mondiale delle Famiglie. Questa sarà una grande manifestazione. Non c'è dubbio che, spesso, per forza delle circostanze attuali e della cultura anti-vita che alcuni gruppi cercano di diffondere, ci si dimentica che la famiglia è prima di tutto l’esperienza base della vita di ogni persona. La Chiesa cerca da tanto tempo di combattere contro chi vuol cancellare o dimenticare  la rilevanza di questa esperienza. E lo fa a diversi livelli. In tutti i paesi d’Europa la Chiesa sviluppa una Pastorale familiare che non solo deve risponder alle difficoltà culturali e politiche combattendo per la verità e per il bene, ma anche che cerca di ricordare il bene della famiglia promuovendo incontri e feste, proponendo gruppi di riflessione e di intercambio culturale  e spirituale , preparando gli sposi per il matrimonio, ecc.. In quest’ambito, da anni, ci sono anche gli Incontri Mondiali della famiglia con il Santo Padre. In questi incontri si uniscono riflessione, celebrazione festiva e testimonianza. Cosa si pretende di fare con questi incontri? Che ragione e fede siano insieme nella promozione della famiglia come un bene per l’umanità. Per questo motivo  sarà molto importante che tutti in Europa si mobilitino per l’appuntamento dell’Incontro Mondiali della famiglia che si svolgerà a Milano dal 30 maggio al 3 giugno del 2012. Il fatto che quest’anno la famiglia sia al centro della riflessione dell’Assemblea plenaria del CCEE è già una preparazione in direzione di questo grande incontro a Milano.

(fonte: Zenit)

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Newsletter
Speciale 2018
(Estate-Settembre-Ottobre)
NLspeciale2018

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

Il numero di NPG 
in corso
Novembre 2018

NPG novembre 2018

Il numero di NPG 
precedente
Settembre-Ottobre 2018

cop sett-ott2018

Post It

1. Siamo in fase finale per il numero NPG di novembre su GIOVANI E AZZARDO. Nella NL la ripresa del tema con approfondimenti e materiali di uso animatori e docenti per gruppi e classi

2. Stiamo seguendo il Sinodo con gli eventi giorno per giorno...

3. Nella rubrica sulla Storia della salvezza, abbiamo inserito - per ogni tema artistico - una "guida" come lettura "critica" (a cura dell'autrice della rubrica, Maria Rattà).

4. On line tutta NPG fino all'annata 2013 (come promesso, fino a 5 anni fa), e pulizia-aggiornamento definitivo dei files delle annate precedenti

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2018 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2018 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
navigare con una bussola

mappesito 1

PROGRAMMAZIONE
NPG 2018

programmazione 1

LECTIO DIVINA 
o percorsi biblici

lectiodivina 1 

DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina 1

LE INTERVISTE: 
PG e...

interviste 1

ENTI CNOS

cospes tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport

SITI AMICI

Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni vis asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi