Conclusione


ll documento-sussidio per l'animatore salesiano dovrebbe, forse, contenere molte altre cose.

Invece preferiamo che il discorso resti, in parte, ancora aperto. Abbiamo detto più volte che non esiste un manuale, né un unico modo di fare l'animatore. Allora, per coerenza, gli spunti che abbiamo annotato sono affidati proprio a tutti gli animatori impegnati in modo diverso nei gruppi giovanili.
Le pagine concrete, gli interventi su misura del gruppo, le tracce di lavoro per una maturazione dei giovani che porti all'integrazione fede-vita saranno scritte dal loro quotidiano spendersi per la salvezza nei tipici ambienti educativo-pastorali che caratterizzano l'opera salesiana.
Abbiamo fatto il punto sull'animazione, lavorando attorno al profilo e ai compiti di chi ci crede fino in fondo.
E sarà l'animatore a tracciare nuove vie e a indicare nuovi percorsi per continuare nel tempo a tener viva quella fiducia nei giovani che si viveva a Valdocco e a Mornese.