Stampa
PDF

Una generazione provvisoria?

 

X Rapporto Eurispes Telefono Azzurro: una sintesi

 

copertina10telazzurrox

 

Presentiamo una veloce sintesi, nelle parole di presentazione del X Rapporto Eurispes - Telefono Azzurro da parte del Prof. Fara, di alcune delle risultanze più significative rispetto al mondo della fanciullezza e adolescenza.

Al termine di questa presentazione, i rimandi alla sintesi delle schede, preparate dall’Ufficio Stampa di Eurispes (17 novembre 2009)

 

 

Le giovani generazioni vengono spesso definite come la società del futuro, gli uomini di domani. E’ dunque importante interrogarsi su quale futuro il mondo attuale prepara ai ragazzi. Le indagini Eurispes – Telefono Azzurro (e quela di quest’anno in particolare) evidenziano come troppo spesso anche il nostro Paese sia popolato da bambini e ragazzi dal futuro negato. È il caso dei minori la cui vita è incrinata dall’abuso e dallo sfruttamento sessuale, ma anche di quelli che smarriscono la strada cadendo nella devianza e di quelli ai quali la sorte non ha mai concesso il diritto ad un futuro: si pensi, ad esempio, ai giovanissimi, italiani e stranieri, arruolati dalla criminalità organizzata, o a quelli costretti a vivere in condizioni di estrema povertà. Strade interrotte, strade senza uscita.

 

Rischi di trasgressione

 

Ma anche per quei ragazzi che si trovano inseriti in contesti fortunatamente meno problematici, che offrono loro opportunità, mezzi, e perfino, in molti casi, una abbondante dose di superfluo, si può parlare, in questi anni, di un vero e proprio spreco di potenzialità. Lo testimonia, nel modo più evidente, la diffusione di comportamenti di devianza “borghese”, o devianza “normalizzata”. La ricerca ritualizzata di uno sballo autodistruttivo, il ricorso al doping nello sport, la condotta irresponsabile alla guida, i comportamenti antisociali come il bullismo, il vandalismo e la formazione di baby gang, il vizio del gioco d’azzardo, soprattutto on-line, sono tutti indicatori di una tendenza ormai diffusa, tra i giovani, a fare cattivo uso della loro vita. La loro trasgressione, inoltre, non rappresenta l’affermazione di un’identità personale, ma piuttosto una forma di omologazione. Nella maggior parte dei casi sembra che i ragazzi vogliano adeguarsi a “quello che fanno tutti”, a “quello che sono tutti”, piuttosto che seguire le proprie personali inclinazioni nel costruire il proprio percorso di vita. Tanto che persino il consumo di droghe o l’abuso di alcol hanno assunto, in molti contesti giovanili, caratteri di “normalità”.

A dinamiche simili sembra rispondere la diffusione del bullismo tra i minori (ne è stato testimone, solo a scuola, il 32,1% dei bambini ed il 42,1% degli adolescenti). Questo si manifesta infatti come una forma antisociale fine a se stessa che conferma come la presenza, a scuola o in un contesto sociale, di ragazzi in qualche modo “diversi” non viene quasi mai concepita come opportunità di confronto ed arricchimento, ma fatta oggetto o di indifferenza o di vere e proprie persecuzioni, in un rifiuto che non perdona la non omogeneità (per natura) o la non omologazione (per scelta). Le diverse forme di trasgressione in contesti “normali” inducono a pensare che molti ragazzi evitino il confronto con una realtà di cui forse non si sentono protagonisti, che scelgano questi comportamenti per noia, dunque per mancanza di obiettivi ed ideali.

 

Attese di futuro?

 

L’indagine, non a caso, rivela che i bambini e gli adolescenti, pur recependo le attese dei genitori e pur manifestando aspettative personali nel complesso convenzionali, considerano arduo il raggiungimento degli obiettivi di vita tradizionali come la laurea, un lavoro in linea con le loro vocazioni, il matrimonio ed i figli. Il 33,6% degli adolescenti appare sfiduciato sulla possibilità di raggiungere l’obiettivo di laurearsi, il 49,4% di ottenere un lavoro stabile, il 42,9% di ottenere un lavoro che piace. I giovani hanno quindi precocemente assorbito le incertezze e le incognite a cui la società complessa costringe e che rischiano di gravare soprattutto sul loro futuro. Non a caso si ripete spesso che queste sono le prime generazioni le cui prospettive indicano un futuro non migliore ma peggiore di quello dei loro genitori. Persino quando possono proiettarsi nel futuro con la fantasia i minori sembrano sognare in piccolo: soprattutto i bambini dicono di voler assomigliare a personaggi di successo del mondo dello spettacolo o dello sport. Solo una minoranza si proietta in un ruolo più attivo ed incisivo, in linea con caratteristiche personali, in sogni di cambiamento concreto del reale e, perché no, verso ideali ed aspirazioni. I ragazzi italiani non aspirano quasi mai a diventare eroi, ma al massimo a diventare famosi.

 

I nuovi media


Un altro elemento chiave nella valutazione delle potenzialità di crescita offerte oggi ai minori e della loro maggiore o minore capacità di sfruttarle è rappresentato dal rapporto con le nuove tecnologie. In questi anni, grazie al rapido sviluppo tecnologico dei mezzi di comunicazione, ai giovani si è aperto un intero universo di informazioni, contatti ed attività.

I media mostrano però con evidenza il loro duplice volto: stimolanti strumenti di progresso capaci di abbattere tempi e distanze aprendo nuovi scenari di conoscenza ed interazione, ma anche strumenti di omologazione o produttori di disorientamento e caduta di senso. Anche al di là di possibili rischi, non si può fare a meno di osservare come in molti casi i new media svolgano un ruolo, soprattutto per i più giovani, di invito e supporto al superfluo. Telefonini (ne possiedono uno il 53,7% dei bambini ed il 97,8% degli adolescenti) ed I-Pod, connessione ad Internet e social network rappresentano una sorta di appendice irrinunciabile per tanti adolescenti. Il numero di messaggi inviati quotidianamente, il numero di foto scattate col cellulare, la sinfonia di suonerie udibile in qualunque contesto evidenziano come, spesso, l’sms, la foto o la chiamata vengano effettuate soprattutto perché è disponibile uno strumento che le rende facilmente praticabili, più che per uno scopo preciso. Si tratta di strumenti di arricchimento della conoscenza e di reale apertura al mondo, e insieme di sterili status symbol ricercati e utilizzati ossessivamente al di là delle esigenze e dell’utilità.

Le moderne tecnologie dovrebbero facilitare la libera espressione di sé e della propria creatività, non ingabbiarla nella routine e nell’autoreferenzialità improduttiva. Dovrebbero favorire l’incontro – un incontro aperto e sincero –, non la chiusura o un confronto vuoto e mascherato con il mondo esterno. Le tecnologie multimediali potrebbero costituire, anche per i ragazzi, un’enorme risorsa, da sfruttare al meglio. Ma non sempre accade. Anziché essere stimolati a comunicare più agevolmente in tempo reale, disimparano l’italiano con il “codice sms”. Anziché utilizzare i social network per esprimere opinioni, pensieri e passioni, alcuni li banalizzano con la sintesi e la futilità – si pensi al “cosa sto facendo in questo momento” ed al “mi piace/non mi piace più” di Facebook –, mentre la possibilità di incontrare e conoscere altre persone talvolta si riduce alla logica dell’accumulo (avere 400 “amici” virtuali e non sapere cosa farne). In questo senso proprio Facebook, uno dei maggiori fenomeni degli ultimi anni (vi partecipa il 71,1% degli adolescenti), rappresenta un ulteriore esempio emblematico delle potenzialità spesso sprecate dei nuovi media.

I nuovi mezzi di comunicazione troppo spesso amplificano i comportamenti devianti, come denunciato dalle bravate e dagli atti di bullismo ripresi col telefonino e messi on-line o dal cattivo uso che alcuni fanno dei social network e delle chat.

 

La politica

 

L’indagine dimostra come, da un lato, troppi minori vedono il loro futuro negato o compromesso, dall’altro, pur avendo a disposizione grandi opportunità, una parte di esse risulta in diversi modi sprecata o sottoutilizzata. Nello stesso tempo desta preoccupazione il progressivo allontanamento dei giovani dalla politica prima ancora che ne conoscano le dinamiche più complesse, prima che abbiano tempo di svilupparsi in loro uno spirito di partecipazione civile ed orientamenti definiti. Questo senso generale di sfiducia ed estraneità nei confronti dei rappresentanti delle Istituzioni e della politica stessa, che talvolta sfocia chiaramente in disprezzo, blocca in anticipo nei ragazzi ogni desiderio di partecipare attivamente alla vita sociale, e di divenire quindi protagonisti ed attori di una parte del loro futuro.

La maggioranza degli adolescenti (51,7%) pensa che lo Stato non tuteli i cittadini e sono moltissimi quelli che non credono che la legge sia uguale per tutti (41,9%). Gli appartenenti alla classe politica, vengono considerati, quasi indistintamente come persone intente soprattutto ad affermare il proprio interesse piuttosto che quello del Paese e dei cittadini. Tutto ciò è aggravato dalla natura profondamente gerontocratica della società italiana, soprattutto in ambito politico ed amministrativo. Uno stato di cose che tiene lontani i giovani da tutte le “stanze dei bottoni”.

È allora naturale ed inevitabile che i ragazzi di oggi, di fronte alla difficoltà di potersi inserire in ruoli di qualche importanza, perdano la speranza di poter contare davvero, di poter far sentire la propria voce e contribuire allo sviluppo ed al cambiamento.

 

Segnali di speranza

 

Di fronte a questa parziale esclusione, che mina in modo preoccupante la speranza dei giovani nel futuro, è allora auspicabile il recupero di un approccio – quello che ha caratterizzato ad esempio i ragazzi di alcune generazioni precedenti – che spinga, di fronte ad un contesto difficile ed incerto, non alla rassegnazione ma all’impegno per l’affermazione dei propri ideali e dei propri valori.

Fortunatamente, i segnali di speranza in questa direzione non sono del tutto assenti. Li troviamo nella partecipazione attiva nel volontariato, nelle prove di creatività e vivacità di pensiero di quelli che, anche giovanissimi, scrivono racconti, poesie, diari, suonano strumenti, leggono, contribuiscono alla vita di associazioni o ad iniziative in difesa del territorio e dell’ambiente. Anche per questo siamo convinti che se Ennio Flaiano aveva alcune ragioni nell’osservare che: «I giovani hanno quasi tutti il coraggio delle opinioni altrui», non sempre questa critica valga per tutti i ragazzi.

Aiutarli in questa direzione è allora il preciso compito della società adulta.

 

BOYS_1

 

 

SCHEDE IN DETTAGLIO


I bambini


Gli adolescenti

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Newsletter
Marzo 2018

NL marzo 2018

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

Post It

1. Sintesi delle risposte dei vari gruppi linguistici della RIUNIONE PRE-SINODALE e TANTO TANTO ALTRO

2. In allestimento finale il numero di aprile-maggio di NPG

3. On line tutta l'annata 2013 (come promesso, fino a 5 anni fa)

Il numero di NPG 
in corso
Marzo 2018

NPG cover marzo 2018

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2018 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2018 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

NPG segnala

  il BLOG di
Francesco Macrì

blog

 *****

il SITO di
Margherita Pirri
(autrice della ns colonna sonora)

pirri

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
navigare con una bussola

mappesito 1

PROGRAMMAZIONE
NPG 2018

programmazione 1

LECTIO DIVINA 
o percorsi biblici

lectiodivina 1 

DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina 1

LE INTERVISTE: 
PG e...

interviste 1

ENTI CNOS

cospes tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport

SITI AMICI

Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni vis asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi