Stampa
PDF

 

Oratorio

Voce del “Dizionario di Scienze dell’educazione”
LAS 2008

Giancarlo De Nicolò

 

Che l'oratorio in quanto istituzione educativa spe­cifica non sia una realtà omogenea appare evidente quando se ne considerino la sto­ria e i diversi filoni pedagogici e spirituali a cui si ispira e da cui è stato «plasmato».

1. La storia dell’oratorio si può rintracciare ancor prima dei tempi di s. Carlo Borromeo di Milano (sec. XVI) con le varie esperienze di formazione cristiana della gioventù, e a Roma con s. Filippo Neri; ci si può anche richiamare ai Patronati e Opere della Gioventù di derivazione francese (sec. XVIII) o a quelli veneziani. L'Ottocento vede il consolidarsi di tale istituzione attraverso la sua reimpostazione nel clima sociale del tempo contrassegnato dai problemi fin troppo noti della prima industrializzazione e urbanizzazione. Nuove forme di oratorio nascono così attorno a figure come L. Pavoni a Brescia, don G. Cocchi e soprattutto s. Giovanni Bosco a Torino.

2. Ciascuna tradizione, ricollegata alla sua memoria storica, spirituale e pedagogica, ha consolidato nel tempo l'immagine che le è propria, nel continuo tentativo di riproporre l'identità di origine nel confronto con i problemi via via emergenti. Oggi se ne conoscono diversi riferimenti carismatici (specie se legati a Congregazioni religiose, come i Filippini e i Salesiani), diverse tradizioni, diversi modelli di organizzazione, su scala regionale e nazionale. La realtà dell'oratorio, tuttavia, è avvertita ancora come un'importante se non decisiva istituzione, integrata o da integrare ad altre istituzioni, di valida efficacia formativa per le giovani generazioni. Accanto a tale riconoscimento e sottostanti alle differenze, talvolta anche di sostanza, è possibile individuare alcuni punti di riferimento comuni che si sono consolidati nella storia: la caratteristica di essere “per tutti”, soprattutto per ragazzi e giovani dei ceti polari (come tentativo di «ricerca-avvicinamento» dei giovani stessi e non di attesa di un loro avvicinamento alle strutture usuali di educazione-evangelizzazione); la strutturazione di un «ambiente» tipico, aperto e protetto, dove incontrarsi tra generazioni, non solo per il tempo libero; la creazione di un «clima» di familiarità e di «simpatia» per gli interessi e le domande giovanili; la «via educativa» attraverso cui abilitare i giovani a gestire la propria vita; e la speciale «formula» di offerta formativa attorno alle dimensioni del gioco, del catechismo, del lavoro e dell’aggregazione (ricreatorio, oratorio, laboratorio), come momenti espressivi di un globale progetto di educazione integrale, di ispirazione umanistico-cristiana.

3. Nella riscoperta e riattualizzazione del carisma specifico si è mossa la tradizione degli oratori, fino a ottenere espliciti riconoscimenti ecclesiali non meno che di pedagogisti ed educatori. Gli anni del dopo concilio e i fenomeni della contestazione hanno visto una crisi generalizzata dell'oratorio, uno scadimento fino alla sua marginalizzazione sociale, mentre si tentavano nuovi sentieri per il suo rinnovamento: quello catechistico, socio-politico, ludico-sportivo, associazionistico e dell'oratorio come «casa della comunità». Una nuova consapevolezza attuale dell'impegno della Chiesa verso la nuove generazioni, dell'urgenza inderogabile di formazione e prevenzione, la crescita di nuove domande nella stessa condizione giovanile rilanciano oggi l'istituzione dell'oratorio come uno degli ambienti privilegiati dove è possibile abilitare le nuove generazioni alla crescita di sé nella solidarietà, in una parola dove è possibile rinnovare l'educazione per riappassionarsi alla vita, e riattivare i canali comunicativi tra Chiesa e giovani per la loro educazione alla fede e anche per avviare a un certo protagonismo giovanile.

4. Nel rinnovamento e riproposizione dell'oratorio come ambiente e «progetto» educativo globale, nella dinamica di sintesi fede-vita, si intrecciano così la memoria e la tradizione, i «segni dei tempi», le nuove prospettive pedagogiche e le domande dei giovani. In questa direzione si pensano e si coniugano il rilancio dell'animazione come metodo e stile educativo, l'apertura al sociale e civile nel territorio, l'attenzione agli sbocchi e itinerari educativi, la reinterpretazione delle «attività formative» nelle più ampie categorie di «espressione giovanile», «evangelizzazione», «animazione culturale», l'attenzione alla «educazione di rete» nel collegamento più stretto con parrocchie e associazioni che hanno come preoccupazione educativa gli stessi giovani e operatori. Ma anche assumendo una certa dimensione missionaria in un duplice movimento: abbassando la soglia di ingresso (anche nella gradualità delle proposte) e “andando verso i giovani” là dove essi sono: i nuovi luoghi (o “non-luoghi”) giovanili, reali o virtuali: la strada, le discoteche, i bar, le palestre, gli stadi e luoghi dei concerti, internet…

5. L’opera degli oratori è stata recentemente sostenuta a più livelli anche dal legislatore (sia dal Parlamento Italiano con la legge 206/2003, sia da diverse Regioni del nostro Paese) che ne ha riconosciuto “la funzione sociale ed educativa” nell’ottica della sussidiarietà volta a evidenziare e promuovere, in ordine al conseguimento del bene comune, la soggettività peculiare di una realtà tanto efficace e diffusa in Italia.

6. Nel 2001, promosso dalla Conferenza Episcopale Italiana, con la quale agisce in stretto contatto, è nato il Forum degli Oratori Italiani, lo strumento di coordinamento nazionale degli organismi ecclesiali che dedicano speciale cura all’Oratorio, che ha l’intento di: “studiare la realtà delle nuove generazioni in costante cambiamento per mantenere viva l’attenzione sulle loro esigenze educative; sostenere e coordinare l’azione educativa degli oratori; promuovere e finanziare la ricerca pedagogica e metodologica e individuare strutture adeguate; rappresentare gli oratori italiani e favorire il raggiungimento dei loro obiettivi nelle istituzioni locali, nazionali e internazionali” (cfr. lo Statuto del FOI). È formato da oltre 30 membri: Coordinamenti regionali di Pastorale giovanile; Istituti religiosi e Congregazioni che hanno l’Oratorio nel loro carisma (Salesiani, Figlie di Maria Ausiliatrice, Giuseppini, Filippini, Canossiani…); Associazioni (ANSPI, NOI, Azione Cattolica, CSI, PGS, CTG…); Federazioni o Coordinamenti locali di oratori.
Il FOI promuove ogni anno in Italia una Giornata di attenzione pastorale e sociale agli oratori, il 26 maggio, memoria di san Filippo Neri.

Bibliografia: Barzaghi G., Tre secoli di storia e pastorale degli oratori milanesi, Leumann (TO), Elle Di Ci, 1985; Oratorio tra società civile e comunità ecclesiale, Roma, CISI, 1987; Oratorio: storia, attualità, progetti, Torino, Uffi­cio Catechistico e Pastorale, 1988; Progetto oratorio: sto­ria, realtà, profezia, Milano, FOM, 1988; Caimi L., «L'Oratorio salesiano: la specificità di una proposta peda­gogica», in Don Bosco. Ispirazione, proposte, stra­tegie educative, Leumann (TO), Elle Di Ci, 1989; Floris F. - M. Delpiano, L'Oratorio dei giovani, Leu­mann (TO), Elle Di Ci, 1992; L'Oratorio via per educare i giovani al vangelo della carità, Roma, CISI, 1992; L'Oratorio dei giovani: insieme per essere fedeli alla voca­zione giovanile e popolare, Roma, CISI, 1993. Diocesi di Milano, Sinodo 47° - Capitolo 11: Pastorale giovanile e Oratorio, Milano 1995. Sfide e prospettive per l’Oratorio – estratto da l’Eco degli Oratori, Milano, 1995. Progettare ancora – estratto da L’Eco degli Oratori, Milano, 1997. Apeciti E. L’Oratorio ambrosiano da san Carlo ai giorni nostri, Milano, Ancora, 1998. AA.VV., L’Oratorio ponte tra la strada e la chiesa in Orientamenti Pastorali n. 7-8/2001. Sigalini D. Oratorio: uno spazio di aggregazione indispensabile per educare i giovani alla fede, in NOI book n. 1-2002. Ponti tra la strada e la chiesa”. L’Oratorio. salesiano agli inizi del terzo millennio, in Note di Pastorale Giovanile, n. 2-2002. Il volto missionario degli Oratori nei prossimi anni – speciale “Oratorio oggi e domani”, in L’Eco degli Oratori n. 7-8/2003. Sabbadini M. Il “mistero” dell’Oratorio, in NOI book n. 12-2004. Spezzibottiani M. Non c’è Oratorio senza domenica, FOI - Collana Oratorio, Roma, EDB 2005. Gracili R. (a cura di) Funzione educativa e sociale degli Oratori nelle comunità locali, Roma, Istituto poligrafico e Zecca dello Stato, 2005. Cappelli Q., Negli oratori l’oratorio, Brescia, ANSPI 2007

Sito internet: www.oratori.org (con link ai siti di tutte le altre realtà oratoriane).

Periodico: L’Eco degli Oratori. Rivista della Fondazione diocesana per gli Oratori Milanesi - fondata nel 1907 - Ed. In Dialogo.

 

Newsletter
Dicembre 2018
NLdic18

Verso Panama 
XXXIV GMG
  

logo panama

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Giovani 
nel digitale
Esercizi di discernimento  

iphone mano

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

LIVE

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

Il numero di NPG 
in corso
Dicembre 2018

400 dic 18

Il numero di NPG 
precedente
Novembre 2018

NPG novembre 2018

Post It

1. In spedizione e on line la Newsletter di dicembre, con il dossier sulla SCUOLA e la Via Amerina come cammino proposto e "commentato"

2. Sul sito, il più completo RAPPORTO SUL SINODO esistente on line

3. In homepage materiali relativi alla prossima GMG di Panama

4. Abbiamo inserito nel sito tutta l'annata NPG del 2014. Ecco la ragione per cui tra gli "ultimi articoli inseriti" compaiono anche scritti di quell'anno

Le ANNATE di NPG 
1967-2019 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2019 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1