«Il Don è su Instagram. Opportunità e rischi da conoscere»

 

Giovani nel digitale

Esercizi di discernimento /9

«Il Don è su Instagram.

Opportunità e rischi

da conoscere»

Giacomo Ruggeri


§ 150: un paragrafo sempre valido. Era il 2004

Era il 2004. Anno in cui la Conferenza Episcopale Italiana, mediante l’Ufficio Comunicazioni Sociali, pubblicava “Comunicazione e Missione. Direttorio sulle Comunicazioni Sociali nella missione della Chiesa”.
Da allora a oggi sono passati 15 anni, un arco di tempo con carsici mutamenti antropologici in merito alle dinamiche digitali, internet, i social e la persona. Un tempo più che maturo, a mio avviso, per donare alla Chiesa italiana un nuovo Direttorio, capace non solo di recepire le molteplici trasformazioni in ambito digitale, ma di saper offrire le mutazioni antropologiche che ne sono derivate come opportunità e occasione ecclesiali e pastorali, forte del motto ignaziano «saper cercare e trovare Dio in tutte le cose» (§ 1 Esercizi spirituali).
Al § 150 del Direttorio del 2004, così si legge in merito alla presenza dei presbiteri nei media:
«Tra i cattolici presenti sui media ci sono spesso persone di speciale consacrazione, presbiteri, religiosi e religiose. Una presenza qualificata e in contesti adeguati può essere valida e da promuovere. Occorre ricordare che “nessuno, tuttavia, ha il diritto di parlare a nome della Chiesa, o se lo fa, deve essere investito di tale incarico” (Cf. Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, Etica nelle comunicazioni sociali, 26). È bene valutare, caso per caso, ciascun invito ad intervenire attraverso i media. Qualora si accetti, è doveroso richiedere le eventuali autorizzazioni e fare in modo che il pubblico non faccia confusione tra insegnamento della Chiesa e opinioni personali (Cf. Codice di diritto canonico, can. 227). Considerati il peso dei media sull’opinione pubblica e il particolare apostolato attuabile loro tramite, gli episcopati nazionali possono stabilire criteri e norme in materia, secondo quanto previsto dal Codice di diritto canonico: “Spetta alla Conferenza episcopale stabilire norme sui requisiti perché ai chierici e ai membri degli istituti religiosi sia lecito partecipare a trasmissioni radiofoniche o televisive che trattino questioni attinenti la dottrina cattolica o la morale” (Cf. Codice di diritto canonico, can. 831, 2)».

Lo smartphone non è il microfono del pulpito

Rileggere, oggi, l’espressione al § 150 riferita ai presbiteri come «una presenza qualificata e (…) a intervenire attraverso i media» pare che siamo in un’altra epoca. E invece sono passati 15 anni. Pochi come cronologia, un’enormità invece per quanto e come è cambiato lo scenario digitale soprattutto nella vita del prete. Se una volta vi era solo il microfono del pulpito in chiesa, quale strumento per annunciare il Vangelo ed evangelizzare le persone, oggi il prete prende in mano lo smartphone, apre una delle molteplici APP e si tuffa nella rete.
Una cosa chiara e decisa, però, è bene dirla: lo smartphone del prete non è equivale al microfono in chiesa. Se dal pulpito, questi, non può dire tutto ciò che pensa e vuole, a maggior ragione oggi nel tempo dei social non può e non deve dire tutto quello che gli passa per la testa. La cronaca nazionale e locale registra frequenti episodi di preti (unitamente a religiosi/e, consacrati/e) che scelgono di commentare fatti e avvenimenti sul proprio profilo Facebook, e altri profili social affini, come se fosse il pianerottolo della canonica.

Il Don nei social: opportunità

1. Se come prete (così dicasi seminarista, religiosa/o, novizio/a, monaca/o, vescovo, abate ecc.) scelgo di aprire un mio profilo su un determinato social è come se tenessi H24 la finestra di casa sempre aperta. Da dentro vedo fuori e da fuori si vede dentro. Tutto a tutti.
2. Ho preso Instagram come un profilo social fra tanti presenti oggi sulla rete. Instagram è il social che mette al centro l’immagine, vive e si nutre di foto (tema che merita una riflessione a sé).
3. Visitando alcune diocesi, su invito del vescovo, per parlare ai preti delle relazioni tra il ministero e il digitale nel mondo di oggi, una delle domande frequenti che mi sento rivolgere è la seguente: “Cosa comporta avere come prete più profili social?”. La prima risposta, tramutata in interrogativo, è semplice quanto impegnativa: perché hai bisogno di avere più profili social? La risposta pare banale, ma non lo è, poiché chiama in causa la vera motivazione del mio essere presente sui social come prete. Dopo un primo abbozzo di risposta, segue la fatica non tanto ad individuare i motivi, quanto a condividerli, ad esternarli, a renderli pubblici. Ed è su questo che come presbiterio e come singoli è bene avviare processi di formazione permanente.
4. Una delle opportunità che i social offrono è la rapidità con la quale posso comunicare. Basta un click e quanto ho scritto, postato, caricato sulla rete arriva nello smartphone del mio contatto, ovunque esso si trovi nel pianeta. La rapidità non conosce fusi orari.
5. Eppure, proprio la rapidità diventa per il prete criterio per fermarsi a riflettere e dirsi: se come prete sono l’immagine della persona seria, posata, saggia, credibile (poi, non sempre è così, perché è la vita che rende vera una persona, non i suoi profili social) che impatto interiore ha la rapidità nella mia vita e nel mio ministero pastorale? Domande come queste, assieme ad altre, non solo è bene farmele come prete, ma è doveroso parteciparle e confrontarle assieme ai miei confratelli, ai laici, alle persone della parrocchia. Il criterio della rapidità nella mia vita di prete, a lungo termine, muta radicalmente il valore intimo del tempo e dell’agire di Dio nella storia e nella vita di ogni persona. Se da un lato mi ritrovo a meditare la Parola e a pregare con la Liturgia, dove il tempo è lo spazio rivelativo di Dio all’uomo e dell’uomo a Dio, dall’altro – come prete – sono rapito e impastato dai criteri del digitali che rispondono a tutt’altre esigenze e bisogni.
6. Un’altra opportunità data dai social è di arrivare a tutti, nel proprio smartphone. In molte parrocchie il bollettino parrocchiale cartaceo ora corre in forma digitale come allegato nei social, creati dalla parrocchia, dal parroco e dal vice. Nel bollettino parrocchiale scelgo di scrivere determinati avvisi e comunicazioni, commenti al Vangelo, ecc. Nel bollettino è il parroco che comunica ai suoi parrocchiani. Nel profilo social, le cose cambiano: non è più (o solo) il parroco che comunica, ma è “don R.”, uno come tanti che sui social scrive, commenta, posta, carica foto e video, ecc. Quelle tre lettere “don” fanno la differenza, perché sui social ciò che dici e fai non è più il tuo parere personale, ma essendo un uomo di Chiesa, rappresenti e parli a nome della Chiesa. Il popolo non si mette a fare sofismi teologici tra la persona e l’istituzione. Il popolo fa 1+1. Non solo: la tua parola di prete vale doppio perché sei un sacerdote e sei parte di una diocesi (chiamando in causa il Vescovo, la Curia e la Congregazione se sei un religioso). Tutto ciò che scrivo e dico come prete ha un peso multiplo e quando scelgo di farlo sui social è sparato nell’etere digitale. Per sempre.
7. Le opportunità che i social mi offrono come prete, le devo saper coniugare con la responsabilità personale (di uomo), la responsabilità istituzionale (devo rispondere sempre e comunque al mio Vescovo, Curia, istituzione), la responsabilità verso il popolo (nei confronti della gente a me affidata e il ruolo pubblico che ricopro.

Il Don nei social: reati da conoscere

Per capire cosa significa arrischiarsi nei social, come prete, senza darmi dei criteri e una logica di comportamento adeguati, scelgo di elencare i reati penali nei quali posso incorrere. Potrà essere utile farmi una foto di questa pagina e tenerla (se non come sfondo nello smartphone) nelle foto principali del mio archivio.
In Internet non si è mai anonimi. Mai. Creando un profilo diverso dal tuo, ti illudi di passare inosservato o di non essere conosciuto, rintracciato in breve tempo. Tutte le volte che ci connettiamo alla Rete di Internet, con qualsiasi dispositivo indistintamente (computer fisso, smartphone, iPad), il nostro Internet Service Provider (ISP) ci assegna un “Indirizzo IP”. È simile ad un numero di telefono personale al quale sono rintracciabile ovunque. L’anonimato, dunque, non c’è e non esiste. Chi dice il contrario afferma il falso.
Se decidi di navigare in Internet, di commentare, rilasciare dichiarazioni e riflessioni ci devi mettere la faccia, sapendo sin dall’inizio dei rischi nei quali puoi incorrere, soprattutto quelli penali. Credo che sia un buon servizio quello che chiamo la correzione fraterna digitale tra preti. Se constato che un mio confratello usa i social media in modo disinibito, facile a commentare, a riversare riflessioni a iosa sulla Rete, a scrivere pareri di fotografie e immagini dei propri parrocchiani senza quei filtri necessari e prudenziali, credo che sia bene incontrarlo, parlarci e renderlo edotto in ciò che può incorrere penalmente. Nella conoscenza delle reti digitali, spesso l’ignoranza regna sovrana. A tal motivo è bene ricordare costantemente nell’incontro mensile del Vescovo con i preti, i reati penali dei quali si dovrà rispondere in prima persona. Ciò che considero come “innocuo” o “senza malizia e nulla di male”, devo sapere che ha conseguenze serie e rilevanti per il Codice Penale (c.p.), perseguibili per Legge (contemplando anche la custodia cautelare) soprattutto in materia di “computer crime” (crimini e reati legati a Internet e ai social media):
• Reato di atti sessuali con minorenne (art. 609-quater c.p. da 3 a 6 anni di carcere); 
• Reato di adescamento di minorenne con lusinghe, minacce, fiducia (art. 609-undecies c.p. da 1 a 3 anni di carcere); 
• Reato di pornografia minorile o sexting (art. 600-ter c.p. da 6 a 12 anni di carcere); 
• Reato di detenzione di materiale pedo-pornografico minorile (art. 600-quater c.p. da 1 a 3 anni di carcere; più sono le foto in possesso nel pc dal reo e più sono gli anni di detenzione inflitti); 
• Reato di estorsione di denaro con minaccia di pubblicazione web o sextorcion (art. 629 c.p. da 5 a 10 anni di carcere); 
• Reato di diffamazione a mezzo web (art. 595 comma 3 del 2017 c.p. da 1 a 2 anni di carcere); 
• Reato di diffamazione in rete con espressioni insinuanti, allusive, sottintese, ambigue suggestionanti (Cassazione P. 2005, da 1 a 2 anni di carcere; 
• Reato di molestie (art. 660 c.p. da 1 a 6 mesi di carcere); 
• Reato di minacce (art. 612 c.p. sino a 1 anno di carcere); 
• Reato di furto o indebito utilizzo dell’identità digitale (art. 640-ter c.p. da 6 mesi a 3 anni di carcere); 
• Reato di manipolazione mentale (art. 613 bis c.p. da 2 a 6 anni di carcere); 
• Reato di sostituzione di persona (art. 494 c.p. sino a 1 anno di carcere); 
• Reato di delitto di stalking (art. 612-bis c.p. da 6 mesi a 5 anni di carcere); 
• Reato di maltrattamenti in famiglia (art. 572 c.p. da 2 a 6 anni di carcere); 
• Reato di istigazione o aiuto al suicidio (art. 580 c.p. da 5 a 12 anni di carcere); 
• Reato di violazione della Privacy (Legge 196/2003, da 6 mesi a 3 anni di carcere); 
• Reato di falsificazione, alterazione o soppressione del contenuto di comunicazioni informatiche o telematiche (art. 617-sexies c.p. da 1 a 4 anni di carcere); 
• Reato di frode informatica (art. 640-ter c.p. da 6 mesi a 3 anni di carcere). 
Il comportamento che uso in Internet non ha gli stessi effetti a quello comune-relazionale faccia a faccia, de vi- su. Ricorda sempre: la mia parola di sacerdote (seminarista, vescovo, religiosa) è stravolta, manipolata, strumentalizzata, orientata e dirottata dal web verso fini e obiettivi completamente opposti dalle mie originarie intenzioni. Ciò che in me nasce come originato nel bene, e poi lanciato nel web, può trasformarsi – nel giro di un nano secondo – in male, nuocendo alla mia personalità, al ministero di prete, alla chiesa diocesana, al mio Istituto/Congregazione e comunità di appartenenza. Una nuova educazione e una matura responsabilità nell’utilizzo di Internet da parte del presbitero (giovane e anziano) non può (e non deve) avvenire per decreto vescovile, ma mediante un sano buon senso basilare e una correlazionalità presbiterale da far crescere e irrobustire sempre più nel tempo attuale.