Stampa
PDF

 

Beati perché invitati

Fratel Matthias - Bose

6 novembre 2018


In quel tempo 15Uno dei commensali, avendo udito le parole di Gesù, gli disse: «Beato chi prenderà cibo nel regno di Dio!». 16Gli rispose: «Un uomo diede una grande cena e fece molti inviti. 17All'ora della cena, mandò il suo servo a dire agli invitati: «Venite, è pronto». 18Ma tutti, uno dopo l'altro, cominciarono a scusarsi. Il primo gli disse: «Ho comprato un campo e devo andare a vederlo; ti prego di scusarmi». 19Un altro disse: «Ho comprato cinque paia di buoi e vado a provarli; ti prego di scusarmi». 20Un altro disse: «Mi sono appena sposato e perciò non posso venire». 21Al suo ritorno il servo riferì tutto questo al suo padrone. Allora il padrone di casa, adirato, disse al servo: «Esci subito per le piazze e per le vie della città e conduci qui i poveri, gli storpi, i ciechi e gli zoppi». 22Il servo disse: «Signore, è stato fatto come hai ordinato, ma c'è ancora posto». 23Il padrone allora disse al servo: «Esci per le strade e lungo le siepi e costringili ad entrare, perché la mia casa si riempia. 24Perché io vi dico: nessuno di quelli che erano stati invitati gusterà la mia cena»».
Lc 14,15-24

“Beato chi prenderà cibo nel regno di Dio!” (v. 15): questa beatitudine che apre il brano odierno, pronunciata non da Gesù ma da uno dei suoi uditori, ne è per così dire il titolo. Anche nell’Apocalisse si trova una simile affermazione: “Beati gli invitati al banchetto di nozze dell’Agnello!” (Ap 19,9). Sì, beati sono gli invitati che prestano attenzione all’invito a loro rivolto! La parabola di Gesù traduce questa esclamazione in un racconto.
Siamo nel contesto di un pranzo di festa. A tavola, Gesù aveva evidenziato che l’atteggiamento generoso e gratuito, sia di un invitato, sia di chi invita, anticipa la logica del regno di Dio, costituendone come un segno precursore (cf. Lc 14,7-11). Per questo il suo interlocutore – all’inizio del nostro brano (cf. v. 15) – afferma che è felice chi prenderà parte non più solo al segno, bensì al banchetto stesso nel Regno.
Ma Gesù distoglie la sua attenzione da quell’avvenire per incentrare il suo interesse sul momento specifico dell’invito alla festa. E risponde con una parabola: un invito per una grande cena viene recapitato con largo anticipo; poi, secondo gli usi, all’ultimo momento, un servo va a ricordare ai convitati che l’ora è venuta (cf. v. 16-17). Questa maniera di fare – distante da ogni modo informale o improvvisato – sottolinea il grande valore dell’invito e l’onore fatto a chi vi è chiamato. Ora, in modo piuttosto inverosimile, tutti gli invitati si rifiutano di presenziare (cf. v. 18-20). Ognuno invoca una scusa, ispirata alla vita quotidiana, che tradisce la scelta di un’altra priorità rispetto alla gratuità dell’invito: questioni di commercio, faccende lavorative o obblighi familiari.
Il ritorno infruttuoso del servo provoca la collera del suo padrone (cf. v. 21): non tanto contro gli invitati stessi, quanto piuttosto per l’occasione che hanno mancata, perché non hanno saputo riconoscere il dono per loro predisposto, la grazia a loro offerta. Manda allora il suo servo per la città a raccogliere nuovi invitati, “poveri, storpi, ciechi, zoppi” (v. 22); ma essi non occupano tutti i posti preparati. La ricerca si estende dunque alle campagne circostanti, per trovare chi riempia la casa. L’ingiunzione fatta al domestico di “costringerli a entrare” (v. 23) – anche se è stata interpretata da Agostino come un permesso dato alla chiesa di forzare le anime – deve in realtà solo illustrare narrativamente il paradosso della ricerca sfrenata di commensali da parte del padrone di casa.
Certo, nel vangelo, la parabola si legge come un’allegoria della storia della salvezza: il primo invito – rifiutato – era quello rivolto da Dio a Israele; il secondo – smisurato – quello ai popoli, recapitato a più riprese dal servo, Gesù: “Venite, è pronto” (v. 17).
Ma questo invito si rivolge ancora a noi: il momento presente è infinitamente serio, è quello della decisione; l’invito è alla nostra portata. E l’esclusione non è un destino o una costrizione: è il risultato di una scelta da parte degli invitati stessi, di quei “tutti” (v. 18) sempre tentati da scuse e da rifiuti di fronte alla gratuità incommensurabile della grazia offerta, e che non sanno riconoscersi come “beati” (v. 15).

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Newsletter
Novembre 2018
NL-nov18

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

Il numero di NPG 
in corso
Novembre 2018

NPG novembre 2018

Il numero di NPG 
precedente
Settembre-Ottobre 2018

cop sett-ott2018

Post It

1. In arrivo ai fortunati abbonati il numero NPG di novembre su GIOVANI E AZZARDO. Nella NL la ripresa del tema con approfondimenti e materiali di uso animatori e docenti per gruppi e classi

2. Sul sito, il più completo RAPPORTO SUL SINODO esistente on line

3. In homepage un denso articolo sull'Oratorio e i suoi percorsi educativi

4. In allestimento il numero di dicembre, con il dossier sulla SCUOLA e la Via Amerina come cammino proposto e "commentato"

5. Su Streetlib scaricabile a bassissimo costo il pdf arricchito sul Cammino di Santiago, a cura della nostra collaboratrice Maria Rattà, anticipato nel nostro sito

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2018 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2018 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
navigare con una bussola

mappesito 1

PROGRAMMAZIONE
NPG 2018

programmazione 1

LECTIO DIVINA 
o percorsi biblici

lectiodivina 1 

DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina 1

LE INTERVISTE: 
PG e...

interviste 1

ENTI CNOS

cospes tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport

SITI AMICI

Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
mauxi valdocco missioni vis asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi