Stampa
PDF

L’umanità sulla terra: il primo omicidio

 

Pg e Arte / Storia “artistica” della salvezza

Maria Rattà

 

Con l’arrivo di Adamo ed Eva sulla Terra entrano in scena due nuovi personaggi nella Storia della Salvezza: Caino e Abele, i fratelli “rivali” che consentiranno agli artisti di mettere in scena la bontà, la cattiveria, la punizione e il dolore. Il panorama artistico tratteggia quello che diventa un vero e proprio dramma familiare, e Bouguereau in La prima discordia del 1861, così come anche in una tela successiva, mescola la propria esperienza al racconto biblico. Padre di cinque figli e probabilmente avvezzo ai loro litigi, il pittore ambienta i dissapori tra Caino e Abele negli anni della loro infanzia. Caino lo si riconosce inequivocabilmente per l’espressione accigliata e orgogliosa, mentre Abele si presenta di spalle, sorretto da sua madre, e forse piange col viso affondato tra le braccia. La sua debolezza risalta in confronto alla cattiva indole di Caino, ed Eva, quasi consapevole del cattivo presagio che aleggia sui suoi figli, pur cingendoli entrambi, appare profondamente malinconica e pensierosa. Nella facciata del Duomo di Modena, Wiligelmo raffigura invece l’intera storia di Caino e Abele (1099 c.), sintetizzandola in tre momenti: la presentazione dei doni a Dio; l’uccisione di Abele; il richiamo di Dio a Caino. Nella loro essenzialità, le figure servono a Wiligelmo per trasmettere un messaggio spirituale e catechetico: l’uomo deve rendere culto a Dio con cuore puro. Particolarmente drammatica è la scelta stilistica di Antonio Canova, che per il bassorilievo in gesso con Caino e Abele del 1822, opta per una costruzione piramidale, culminante nelle mani di Caino che stringono con forza il bastone con cui, tra pochi istanti, sferrerà il corpo mortale a suo fratello. Abele implora pietà ai piedi di suo fratello, ma non ne otterrà. Il volto del maggiore è infatti carico di rabbia e odio, il petto già gonfiato per lo sforzo fisico che tra poco compirà, i piedi sono saldamente ancorati al suolo. A sinistra della scena appare l’animale sacrificato da Abele al Signore; è il segno “visibile” del risentimento di Caino nei suoi confronti, espressione dell’animosità con cui il fratello maggiore si sente scalzato dal più piccolo agli occhi di Dio. Anche in Rubens è presente il rimando al sacrificio, nella pira infuocata che sta alle spalle dei due personaggi. Più che la dinamicità dell’opera Canoviana, qui si riscontra però una plasticità possente dei corpi presa in prestito da Michelangelo, ma anche dalla statuaria antica. I sapienti giochi chiaroscurali rendono quasi trasfigurato il volto di Abele, colto nell’ultimo tentativo di fermare la furia omicida di Caino. Commesso il delitto, questi tenta la fuga. Ma il malfatto rimane incancellabile e i pittori lo sottolineano spesso attraverso la presenza del corpo senza vita di Abele, già avvolto dal pallore della morte e raffigurato in primo piano sulla scena, mentre Caino scappa. Pietro Novelli inserisce direttamente in questo momento il richiamo divino, mentre l’omicida allarga le braccia, e sembra di sentirlo dire «Sono forse io il custode di mio fratello?» (Gn 4,9). Ma questa fase di ribellione non dura a lungo, ed Henri Vidal traccia impietosamente la fase del pentimento, ritraendo nella sua scultura per il giardino delle Tuileries di Parigi, un Caino curvo, quasi invecchiato di colpo, i cui muscoli diventano quasi la carne avvizzita d’un vecchio, nell’abbruttimento del peccato. Caino non ha più nemmeno il coraggio di mostrare il proprio volto, e nella sua disperazione lo copre con la propria mano. La consapevolezza della propria colpa si fa quasi follia nella tela di Blake, Il corpo di Abele trovato da Adamo ed Eva, del 1826 c. È un’espediente narrativo che, pur non affondando le radici direttamente nel racconto biblico, si presenta come altamente verosimile e accresce la tensione drammatica del racconto. Caino fugge via portandosi le mani sul capo, osservato da un incredulo Adamo, mentre Eva, letteralmente piegata in due dal dolore, piange sul corpo di Abele. La posa completamente innaturale della donna non solo accentua la drammaticità della scena, ma le conferisce una certa grazia: è la compostezza nel dolore, che quasi si fa danza della sofferenza. Ci sono solo sbigottimento e disperazione, invece, nella scultura bronzea di Carl Hohan Bonnesen, che nel 1900 realizza Adamo ed Eva con il corpo di Abele. Padre e madre siedono, quasi come alienati dallo spazio e dal tempo, colti da una pena che non si può esprimere in parole umane. Tutto sembra permeato da un profondo silenzio, rotto solo dai respiri angosciati dei due genitori, e da quella carezza che Adamo sembra voler ancora dare al viso del figlio ormai senza più vita. Il dolore ritorna, in forma ancora una volta autobiografica, in un’altra tela di Bouguereau, Il primo lutto, frutto di quella prima discordia fra Caino e Abele. La composizione richiama alla mente l’iconografia tipica della Pietà, ma con una variante particolare: qui è Abele a tenere sul proprio grembo il figlio morto. Un po’ come già Masaccio aveva fatto nella sua Trinità, in cui è il Padre a sostenere la Croce a cui è inchiodato il Cristo. Ma qui, Bouguereau, che aveva già subito la perdita di alcuni dei suoi figli, sembra anche riallacciarsi al tema dell’amore coniugale, presentando quello che appare come un insolito abbraccio fra Adamo ed Eva, entrambi sconvolti dal dolore, ma entrambi ancora legati l’uno all’altra. Delicata, infine, è la scultura di Luois Ernest Barrias, Il primo funerale, del 1883. Pur nell’imponenza delle sue dimensioni (2,20 metri), l’artista realizza, in una serie di rimandi a Michelangelo e Bernini, quella che venne all’epoca definita «la più alta espressione del sentimento che la scultura può esprimere» . Anche qui, come ne Il primo lutto, la tribolazione personale, viscerale di questi genitori si fonde con l’idea del profondo legame che li unisce. Il loro dolore sembra trasposizione, in fin dei conti, di quello di un Dio che piange un Abele morto e un Caino peccatore. È un Dio tuttavia sempre Padre e per questo pone un segno sulla fronte di Caino, affinché nessuno alzi la mano contro di lui. Ma la storia spesso non insegna, e alla fine Lamech uccide Caino. Non è un dettaglio strettamente biblico, bensì desunto dall’interpretazione del midrash Tanhuma. Tanto Wiligelmo quanto Belbello da Pavia immortalano però questa ultima scena di violenza con una essenzialità che ne fa quasi un fatto fiabesco, ma che tuttavia, proprio per questo, non smette di raccontare, a grandi e piccoli, l’eterna lotta tra la vita e la morte, tra il bene e il male.

Newsletter
Dicembre 2018
NLdic18

Verso Panama 
XXXIV GMG
  

logo panama

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Giovani 
nel digitale
Esercizi di discernimento  

iphone mano

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

LIVE

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

Il numero di NPG 
in corso
Dicembre 2018

400 dic 18

Il numero di NPG 
precedente
Novembre 2018

NPG novembre 2018

Post It

1. In spedizione e on line la Newsletter di dicembre, con il dossier sulla SCUOLA e la Via Amerina come cammino proposto e "commentato"

2. Sul sito, il più completo RAPPORTO SUL SINODO esistente on line

3. In homepage materiali relativi alla prossima GMG di Panama

4. Abbiamo inserito nel sito tutta l'annata NPG del 2014. Ecco la ragione per cui tra gli "ultimi articoli inseriti" compaiono anche scritti di quell'anno

Le ANNATE di NPG 
1967-2019 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2019 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1