Stampa
PDF

 

La fatica di riconoscere

la sapienza di Gesù

Domenica XIV del T.O. (B)

papa Francesco

a cura di Gianfranco Venturi 

Sinagoga 2

Mc 6,3 La famiglia di Gesù, famiglia di lavoratori

Gesù, una vita d’artigiano (LS 98)
Gesù lavorava con le sue mani, prendendo contatto quotidiano con la materia creata da Dio per darle forma con la sua abilità di artigiano. È degno di nota il fatto che la maggior parte della sua vita è stata dedicata a questo impegno, in un’esistenza semplice che non suscitava alcuna ammirazione: “Non è costui il falegname, il figlio di Maria?” (Mc 6,3). Così ha santificato il lavoro e gli ha conferito un peculiare valore per la nostra maturazione.

 

Gesù conosciuto come falegname [1]
Nel Vangelo, la Santa Famiglia di Nazaret appare come una famiglia di lavoratori, e Gesù stesso viene chiamato “figlio del falegname” (Mt 13,55) o addirittura “il falegname” (Mc 6,3). E san Paolo non mancherà di ammonire i cristiani: “Chi non vuole lavorare, neppure mangi” (2Ts 3,10). - È una bella ricetta per dimagrire questa, non lavori, non mangi! - L’Apostolo si riferisce esplicitamente al falso spiritualismo di alcuni che, di fatto, vivono alle spalle dei loro fratelli e sorelle “senza far nulla” (2Ts 3,11). L’impegno del lavoro e la vita dello spirito, nella concezione cristiana, non sono affatto in contrasto tra loro. È importante capire bene questo! Preghiera e lavoro possono e devono stare insieme in armonia, come insegna san Benedetto. La mancanza di lavoro danneggia anche lo spirito, come la mancanza di preghiera danneggia anche l’attività pratica.

6,2-3 La fatica a riconoscere la sapienza di Gesù (AL 182)

Nessuna famiglia può essere feconda se si concepisce come troppo differente o “separata”. Per evitare questo rischio, ricordiamo che la fa¬miglia di Gesù, piena di grazia e di saggezza, non era vista come una famiglia “strana”, come una casa estranea e distante dal popolo. Proprio per tale ragione la gente faceva fatica a riconoscere la sapienza di Gesù e diceva: “Da dove gli vengono queste cose? [...] Non è costui il falegname, il figlio di Maria?” (Mc 6,2-3). “Non è costui il fi¬glio del falegname?” (Mt 13,55). Questo confer¬ma che era una famiglia semplice, vicina a tutti, inserita in maniera normale nel popolo. Neppure Gesù crebbe in una relazione chiusa ed esclusiva con Maria e Giuseppe, ma si muoveva con piace¬re nella famiglia allargata in cui c’erano parenti e amici. Questo spiega che, quando tornavano da Gerusalemme, i suoi genitori accettassero che il bambino di dodici anni si perdesse nella carovana per un giorno intero, ascoltando i racconti e con¬dividendo le preoccupazioni di tutti: “Credendo che egli fosse nella comitiva, fecero una giorna¬ta di viaggio” (Lc 2,44). Invece a volte succede che certe famiglie cristiane, per il linguaggio che usano, per il modo di dire le cose, per lo stile del loro tratto, per la ripetizione continua di due o tre temi, sono viste come lontane, come separate dalla società, persino i loro stessi parenti si sento¬no disprezzati o giudicati da esse.

6,2 Con la parola Gesù conquisto la gente [2]

Come Gesù il catechista è l’uomo della Parola
Il catechista è l’uomo della Parola. Della Parola con la maiuscola. Fu proprio con la Parola che nostro Signore conquistò il cuore della gente. Venivano ad ascoltarlo da ogni parte (cfr Mc 1,45). Restavano meravigliati ascoltando i suoi insegnamenti (cfr Mc 6,2). Capivano che parlava come chi ha autorità (cfr Mc 1,27). Fu con la Parola che «ne costituì Dodici - che chiamò apostoli -, perché stessero con lui e per mandarli a predicare» (Mc 3,14-15), attraevano al seno della Chiesa di tutti i popoli (cfr Mc 16,15-20).

… accoglie e interiorizza la Parola
Questa relazione della catechesi con la Parola non si muove tanto nell’ordine del “fare” ma piuttosto dell’ “essere”. Non si può avere una autentica catechesi senza una centralità e una referenza reali alla Parola di Dio che anima, sostiene e feconda tutto il suo agire. Il catechista s’impegna di fronte alla comunità a meditare e rimuginare la Parola di Dio affinché sia sua eco. Pertanto, la accoglie con la gioia che dà lo Spirito (cfr 1Ts 1,6), la interiorizza e la fa carne e gesto come Maria (cfr Lc 2,19). Trova nella Parola la saggezza dall’alto che le permetterà di fare il necessario e acuto discernimento, sia personale e sia comunitario.
Infatti la parola di Dio è viva, efficace e più tagliente di ogni spada a doppio taglio; essa penetra fino al punto di divisione dell’anima e dello spirito, fino alle giunture e alle midolla, e discerne i sentimenti e i pensieri del cuore (cfr Eb 4,12).

… è servitore della Parola
Il catechista è un servitore della Parola, si lascia educare da essa, e in essa ha la se¬rena tranquillità di una fecondità che supera le sue forze: «Non ritornerà a me senza effetto, senza aver operato ciò che desidero e senza aver compiuto ciò per cui l’ho mandata» (Is 55,11). Il catechista può far proprio ciò che Giovanni Paolo II scrive sul sacerdote: «Deve essere il primo “credente” alla Parola, nella piena consapevolezza che le parole del suo ministero non sono “sue”, ma di Colui che lo ha mandato. Di questa Parola egli non è padrone: è servo» (Pastores dabo vobis 26).

… è uomo del silenzio
Per rendere possibile questo ascolto della Parola, il catechista deve essere uomo e donna che ama il silenzio. Sì, il catechista, siccome è l’uomo della Parola, deve essere anche l’uomo del silenzio.
Silenzio contemplativo, che gli consenta di liberarsi dell’inflazione delle parole che riducono e impoveriscono il suo ministero riducendolo a una verbosità vuota, come in tanti casi ci offre la società attuale. Silenzio dialogico, che renderà possibile l’ascolto rispettoso dell’altro e renderà possibile abbellire la Chiesa con la diaconia della parola che si offre come risposta. Silenzio straripante di prossimità, che integrerà la parola con gesti creatori che facilitano l’incontro e rendono possibile la «teofania di noi». Quindi vi invito, uomini e donne della Parola: amate il silenzio, cercate il silenzio, rendete fecondo nel vostro ministero il silenzio!

6,2-6 Dalla meraviglia alla perplessità [3]

La parola del giovane Rabbi suscita meraviglia …
Quei fedeli che ascoltavano Gesù nella sua città natale Nazaret erano pieni di speranza. Avevano rispetto e ammirazione per l’autorità che emanava la sua persona e le sue parole sembravano muovere un’aria rinnovatrice nell’anima del popolo. La proposta di quel giovane Rabbino era una cosa attesa da tempo: “La Buona Novella per i poveri”, un nuovo modo di “vedere” la vita e la tanto desiderata libertà. Questa buona novella di Gesù è coinvolgente. Così come libera e sana, si assume l’incarico di liberare e sanare gli altri. Parlando con il suo popolo, Gesù stesso sente la conferma che le parole profetiche si compiono nello stesso momento in cui le pronuncia. Illuminato e unto, parla mosso dallo Spirito. Il racconto evangelico ce lo mostra chiaramente: lì c’era lo Spirito, un nuovo tempo di Dio, un vento sicuro. E la gente sentiva lo stesso: c’erano applausi e gesti di ammirazione.

…. subito perplessità
Tuttavia, la fine della storia ci lascia perplessi. Qualcuno insinuò sottilmente: «Non è questo il figlio di Giuseppe il falegname?» e allora cambiò l’umore dei presen¬ti: lo spinsero fuori e lo condussero a un burrone con l’intenzione di precipitarlo o lapidarlo. Ma «Gesù passò in mezzo a loro e proseguì il suo cammino», andò a Cafàrnào, una cittadina della Galilea, a predicare di nuovo all’aperto, tra la gente semplice del popolo fedele. Ciò che in un primo momento sembrava una grande barca lanciata nei mari alla conquista della libertà, diventa il recupero dell’umile barca di Simone, il pescatore del lago di Genesareth: il Signore si intrufola e si perde come uno dei tanti nella folla. Nemmeno si comporta come un ribelle disposto a essere colpito da pietre sul petto.

NOTE
[1] Udienza, 19 agosto 2015.
[2] Chiamati a servire e annunciare, in J.M. BERGOGLIO, Missione, (= Le parole di papa Francesco, 11), Corriere della sera, Milano 2015, 5-23.
[3] Omelia nel Te Deum, Buenos Aires, 25 maggio 2004, in J.M. BERGOGLIO, Testimonianza, (= Le parole di papa Francesco,7), Corriere della sera, Milano 2014, 205-226; J.M. BERGOGLIO - PAPA FRANCESCO, Riflessioni di un pastore. Misericordia, Missione, testimonianza, vita, LEV 2013, 469-481.

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Newsletter
Speciale 2018
(Estate-Settembre-Ottobre)
NLspeciale2018

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

Il numero di NPG 
in corso
Settembre-Ottobre 2018

cop sett-ott2018

Il numero di NPG 
precedente
Estate 2018

cop estate2018

Post It

1. Abbiamo spedito agli abbonati, in un unico invio, il numero estivo (con i materiali di approfondimento per la proposta educativo-pastorale salesiana: "Io sono una missione - #perlavitadeglialtri") e quello di settembre-ottobre (sul Sinodo "Nel cuore del Sinodo. Temi generativi, sfide provocatorie, inviti alla conversione")

2. Uno splendido omaggio ai nostri abbonati: il libretto dell'INSTRUMENTUM LABORIS del Sinodo, in allegato alla spedizione dei due NPG di cui sopra

3. On line tutta NPG fino all'annata 2013 (come promesso, fino a 5 anni fa), e pulizia-aggiornamento definitivo dei files delle annate precedenti

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2018 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2018 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
navigare con una bussola

mappesito 1

PROGRAMMAZIONE
NPG 2018

programmazione 1

LECTIO DIVINA 
o percorsi biblici

lectiodivina 1 

DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina 1

LE INTERVISTE: 
PG e...

interviste 1

ENTI CNOS

cospes tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport

SITI AMICI

Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni vis asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi