Stampa
PDF

 

La preghiera:

specchio del cristiano

Fratel Matteo - Bose

9 giugno 2018


In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli 9ancora questa parabola per alcuni che avevano l'intima presunzione di essere giusti e disprezzavano gli altri: 10«Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e l'altro pubblicano. 11Il fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: «O Dio, ti ringrazio perché non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano. 12Digiuno due volte alla settimana e pago le decime di tutto quello che possiedo». 13Il pubblicano invece, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: «O Dio, abbi pietà di me peccatore». 14Io vi dico: questi, a differenza dell'altro, tornò a casa sua giustificato, perché chiunque si esalta sarà umiliato, chi invece si umilia sarà esaltato».
Lc 18,9-14

Gesù parla “per alcuni che avevano l’intima presunzione di essere giusti e disprezzavano gli altri”. Gesù dunque, anche qui, parla a noi, parla per noi, che spesso ci illudiamo di essere dei “giusti” e sulla misura della nostra presunta giustizia giudichiamo e disprezziamo gli altri.
La parabola si sviluppa attorno a una tensione tra due poli: la condizione di chi si ritiene “giusto” e quella di chi è “giustificato, reso giusto, dichiarato giusto” benché non lo sia. Questi due poli sono incarnati da due figure emblematiche, ritratte – come in un’istantanea – nel momento della loro preghiera, fatta di posture, atteggiamenti, e parole.
Della prima figura, il fariseo, si dicono due cose: pregava “stando in piedi”, e pregava “tra sé”. Il pregare in piedi, nel contesto della parabola, è espressione della smodata fiducia che il fariseo ha in sé. Sicuro di sé, certo di quella giustizia che gli deriva dalla sua effettiva irreprensibilità morale oltre che dalle sue pratiche religiose, costui prega tra sé, letteralmente “verso se stesso”: prega rivolto a se stesso, dunque il suo pregare non va oltre se stesso. Quella del fariseo è una preghiera ripiegata su di sé. Il fariseo, pregando, nomina Dio all’inizio, ma poi lo perde di vista, annegandolo in mezzo alle altre parole che si affretta a pronunciare, nelle quali pone se stesso, non Dio, come soggetto. Se la preghiera è dialogo, questo, per essere autentico dialogo e non un monologo, ha la necessità di fare silenzio in sé, di svuotarsi di sé, smettendo di ascoltare solo se stessi per accogliere in sé ciò che l’altro è e dice. Chi ha un “io” troppo ingombrante difficilmente riuscirà a pregare veramente.
Diversamente dalla natura verbosa della preghiera del fariseo, quella del pubblicano è una preghiera essenzialmente corporale. Il pubblicano “non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto”, si batteva – più profondamente – il cuore. Poche le sue parole: “O Dio, abbi pietà di me peccatore” o, più propriamente: “Sii riconciliato con me peccatore”. Il verbo usato qui si riferisce, più che alla compassione, all’atto di ristabilimento di una comunione che pone fine a una situazione che contraddice l’alleanza. Qui è Dio che si riconcilia, cioè per sua iniziativa ristabilisce l’alleanza infranta: riconcilia se stesso con noi rinnovando la comunione con lui.
Solo il pubblicano torna a casa “rifatto giusto”, ristabilito in una relazione “giusta” con il Signore. E questo avviene non in virtù di una giustizia che viene dall’uomo, poiché è dono: non è qualcosa che si possa meritare, cui si possa arrivare attraverso le proprie opere, ma è qualcosa che viene da Dio, se si riconosce la propria miseria e ci si lascia rigenerare dalla sua misericordia.
La preghiera è dunque lo specchio che rivela la fisionomia del nostro volto spirituale. Ma attenzione a che questa non diventi specchio in cui noi contempliamo noi stessi! È ciò che fa il fariseo della parabola, che mostra così di vivere ancora sotto il proprio sguardo, e non sotto quello di Dio. Mentre l’altro, il pubblicano, si riconosce peccatore, si lascia guardare in verità, e comincia a vivere, liberato da se stesso, sotto lo sguardo di Dio.

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Newsletter
Speciale 2018
(Estate-Settembre-Ottobre)
NLspeciale2018

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

Il numero di NPG 
in corso
Estate 2018

cop estate2018

Il numero di NPG 
in corso
Settembre-Ottobre 2018

cop sett-ott2018

Post It

1. Abbiamo spedito agli abbonati, in un unico invio, il numero estivo (con i materiali di approfondimento per la proposta educativo-pastorale salesiana: "Io sono una missione - #perlavitadeglialtri") e quello di settembre-ottobre (sul Sinodo "Nel cuore del Sinodo. Temi generativi, sfide provocatorie, inviti alla conversione")

2. Uno splendido omaggio ai nostri abbonati: il libretto dell'INSTRUMENTUM LABORIS del Sinodo, in allegato alla spedizione dei due NPG di cui sopra

3. On line tutta NPG fino all'annata 2013 (come promesso, fino a 5 anni fa), e pulizia-aggiornamento definitivo dei files delle annate precedenti

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2018 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2018 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
navigare con una bussola

mappesito 1

PROGRAMMAZIONE
NPG 2018

programmazione 1

LECTIO DIVINA 
o percorsi biblici

lectiodivina 1 

DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina 1

LE INTERVISTE: 
PG e...

interviste 1

ENTI CNOS

cospes tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport

SITI AMICI

Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni vis asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi