Stampa
PDF

 

Vince chi perde

Fratel Lino - Bose

2 giugno 2018


In quei giorni Gesù disse ai suoi discepoli:4«Chi di voi, se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e va in cerca di quella perduta, finché non la trova? 5Quando l'ha trovata, pieno di gioia se la carica sulle spalle, 6va a casa, chiama gli amici e i vicini, e dice loro: «Rallegratevi con me, perché ho trovato la mia pecora, quella che si era perduta». 7Io vi dico: così vi sarà gioia nel cielo per un solo peccatore che si converte, più che per novantanove giusti i quali non hanno bisogno di conversione. 8Oppure, quale donna, se ha dieci monete e ne perde una, non accende la lampada e spazza la casa e cerca accuratamente finché non la trova? 9E dopo averla trovata, chiama le amiche e le vicine, e dice: «Rallegratevi con me, perché ho trovato la moneta che avevo perduto». 10Così, io vi dico, vi è gioia davanti agli angeli di Dio per un solo peccatore che si converte».
Lc 15,4-10

Le parabole evangeliche della pecora perduta e della moneta perduta ci ricordano i passaggi fondamentali della vita. Di che cos’è fatta la nostra vita? Perderci e ritrovarci! Tutto qui, in grande chiarezza e semplicità. Un padre del deserto parafrasava così: “Cadere e rialzarsi!”. Ci illudiamo che l’esistenza sia un piano ascendente o discendente, invece no, non sarebbe umano. Perderci e ritrovarci/essere ritrovati: per sei volte in pochi versetti torna il verbo “perdere”, e, ugualmente, per sei volte torna il verbo “trovare/ritrovare”.
Siamo invitati a comprendere più in profondità questa esperienza fondamentale, da cui nessuno di noi è esente: perdersi. Ci destabilizza, la esorcizziamo e, quando capita, la mascheriamo, la ovattiamo. Invece no: è un evento essenziale, che dobbiamo mettere in conto. La perdita ci fa paura, ma dobbiamo renderla amica, familiare, conviverci, esercitarci. È come una diastole del cuore, un movimento del respiro.
Sarò sempre grato al mio professore di fisiologia umana che ci spiegò – sotto lo sguardo incredulo dei suoi studenti – che a ogni istante migliaia di cellule nervose muoiono in noi. A ogni istante muore, perdiamo qualcosa di noi, è scritto nelle fibre del nostro essere. “Cotidie morior” (1Cor 15,31), ”Ogni giorno muoio” scrive l’Apostolo. Non è un’azione negativa, di distruzione, ma una via, una porta, un’apertura.
Non dimenticherò mai quanto mi disse una sera un anziano (avevo quindici anni): “Sai, Lino, nella vita vince chi perde!”. Dopo tanti anni riconosco che quella frase mi ha lavorato e mi ha cambiato la vita!
L’importante, ricorda sant’Agostino, è perderciper un motivo, una passione, perché amavamo magari in modo eccessivo, sbagliato, qualcuno o qualcosa, ma eravamo come vinti da quello slancio, da quell’entusiasmo.
Perderci ci rende più sensibili, più attenti all’amore, più comprensivi. Più ricettivi e più assetati di ciò che conta: l’essere trovati, o ritrovati. Chi di noi ha dimenticato lo sguardo di chi ci ha cercato e ci ha trovato, chi di noi dimentica di essere stato trovato in alcune specialissime, rare occasioni, e ha sentito che da quel momento la sua vita prendeva un altro corso, si apriva verso orizzonti infiniti, anche di non ritorno? E non è questa l’esperienza unica, indicibile dell’amore? Non parlo di cose ideali o troppo grandi, ma di un incontro, un messaggio, un volto che si presenta davanti a noi, e sentiamo che una storia inizia, ed è la nostra, forse per sempre.
Questa è una gioia immensa, anche se venata della salsedine della sua finitezza. Perciò il vangelo ci parla della gioia del cielo, quando questa sarà finalmente definitiva. La gioia, la festa di cui queste parabole ci parlano, è fatta di povere cose, come noi siamo poveri, ma che ci fanno immensamente ricchi: essere insieme, chiamare accanto a noi amici e conoscenti… C’è qualcosa che eguaglia la gioia d’invitare qualcuno a fare festa con noi? Sono le gioie più grandi delle nostre vite talora difficili, e recano già qui e oggi il gusto dell’eternità, di un’infinita beatitudine.

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Newsletter
Speciale 2018
(Estate-Settembre-Ottobre)
NLspeciale2018

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

Il numero di NPG 
in corso
Estate 2018

cop estate2018

Il numero di NPG 
in corso
Settembre-Ottobre 2018

cop sett-ott2018

Post It

1. Abbiamo spedito agli abbonati, in un unico invio, il numero estivo (con i materiali di approfondimento per la proposta educativo-pastorale salesiana: "Io sono una missione - #perlavitadeglialtri") e quello di settembre-ottobre (sul Sinodo "Nel cuore del Sinodo. Temi generativi, sfide provocatorie, inviti alla conversione")

2. Uno splendido omaggio ai nostri abbonati: il libretto dell'INSTRUMENTUM LABORIS del Sinodo, in allegato alla spedizione dei due NPG di cui sopra

3. On line tutta NPG fino all'annata 2013 (come promesso, fino a 5 anni fa), e pulizia-aggiornamento definitivo dei files delle annate precedenti

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2018 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2018 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
navigare con una bussola

mappesito 1

PROGRAMMAZIONE
NPG 2018

programmazione 1

LECTIO DIVINA 
o percorsi biblici

lectiodivina 1 

DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina 1

LE INTERVISTE: 
PG e...

interviste 1

ENTI CNOS

cospes tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport

SITI AMICI

Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni vis asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi