Stampa
PDF

Pastorale giovanile in università. Introduzione al dossier

 

(NPG 1999-03-9)


Abbiamo trattato molte volte nella rivista il tema della scuola, come ambiente educativo di grandissima rilevanza per la vita dei ragazzi e dei giovani: educativo non solo come luogo in cui si socializza e ci si apre alle diversità, ma soprattutto come luogo dell'incontro con ed elaborazione della cultura.
Abbiamo trovato che il tema dell'animazione può davvero essere in grado di rinnovare e migliorare i processi della socializzazione, dell'educazione e anche della di dattica.
Non ci siamo mai sbilanciati... oltre le colonne d'Ercole della maturità, dunque all'interno della «casa della sapienza» che è o dovrebbe essere (almeno nell'immaginario di alcuni nostalgici o... ottimisti) l'università.
Ma non poteva sfuggire alla redazione NPG che oltre un milione di studenti frequentano (o comunque circolano attorno a) l'università. Una riflessione al riguardo non poteva dunque mancare, e abbiamo chiesto ad amici che hanno come impegno quello della presenza all'Università di darci una mano nella riflessione, nel cogliere i problemi e nel valutare le esperienze pastorali vissute dentro l'università o con soggetti gli studenti universitari.
Quello che proponiamo in questo dossier non è un «progetto pastorale» per i giovani universitari. Questo non può che essere elaborato e verificato dall'interno, a partire da esperienze vissute.
Offriamo solo alcuni punti di riferimento, alcune piste per la riflessione pastorale, per un confronto e una piattaforma minima condivisa.
Queste note introduttive esplicitano la logica e il percorso del dossier.
Anzitutto, cosa non può essere una pastorale universitaria.
Non può essere un tentativo (palese o subdolo) di «plantatio ecclesiae», in una logica da baluardo da conquistare; e neppure un tentativo di resistenza all'ultimo sangue per conservare qualche barlume di «cristianità» nel luogo tipico di «cultura alta laica». Né conquista né resistenza, dunque.
Non può neanche essere, pena la riduzione a un minimo di soggetti, la cura personalizzata e particolare di alcuni gruppi ristretti; ma neppure, pena la riduzione del messaggio dell'evangelo ad un suo simulacro, un'offerta di servizi che l'istituzione da sé non riesce a gestire (mense, pensionati, aule di incontro e di discussione, libreria con sconti...).
Per continuare in questa abbastanza facile indicazione di «divieti di transito», segnaliamo anche i due grossi limiti che a volte segnano la ripresa della PGU in alcune realtà diocesani o locali: il pensare l'azione pastorale universitaria prevalentemente nei luoghi ecclesiali, incapace dunque di proporsi e ridirsi nel «mondo» e negli ambienti vitali dove i soggetti (struttura, cultura, docenti, studenti...) vivono; e il pensare alla soluzione di un «delegato» diocesano o locale per l'università che si interessi degli studenti universitari a nome di tutti.
Cosa possa invece significare pastorale in università lo indica l'articolo introduttivo di Tonelli, quando in una logica non «del genitivo» ma ermeneutica, fa interagire la complessa realtà «laica» dell'università con l'annuncio dell'evangelo, non in contrapposizione tra verità laica e verità cristiana, ma come incontro di soggetti che hanno entrambi domande e risposte, desideri e offerte, e in atteggiamento reciproco di accoglienza e ascolto. L'incontro e l'accoglienza avviene dunque in un contesto e con soggetti che vivono un'esperienza anzitutto di maturazione personale e intellettuale, nella ricerca e produzione di cultura, nella preparazione immediata (o quasi) alla futura professionalità, in un ambiente dove si ripropongono e acuiscono i processi sociali generali. Qui dentro quale dialogo attuare, quali risorse attingere, quale salvezza annunciare?
La seconda tornata di articoli cala nel particolare dell'ambiente universitario per conoscerne processi e meccanismi. Gli articoli di Longo e Marangoni vanno in questa direzione, e non nella solita delle lamentazioni, così facili da fare ma anche così disimpegnate. Processi di mutamento vengono evidenziati per coglierne l'ambiguità e le promesse, nella trasformazione del concetto di cultura, nell'esame delle logiche sociali che favoriscono o creano barriere, come anche nei problemi concreti che toccano strutture (università grandi o piccole, nei vari contesti metropolitani e geografici), docenti, studenti (in corso, fuori corso; residenti o pendolari; «intieramente studenti» o anche lavoratori...); luoghi e tempi della frequenza universitaria (con i sempre più frequenti abbandoni o cambi di facoltà). Vengono accennati anche problemi di sociologia e politica universitaria, di mobilità sociale e di democrazia; e alcune piste per ripensare il concetto di cultura e di dialogo.
L'articolo di Nanni entra più specificamente nel soggetto Università per verificarne compiti e responsabilità istituzionali, come luogo di ricerca, insegnamento, formazione dell'opinione pubblica e di formazione dei leaders. Il suo intento è di suggerire in che cosa tali compiti possano essere «informati» e caricati di nuove possibilità dall'incontro con la «fede», evidenziando così la carica di trasformazione culturale che la fede possiede come «punto di vista altro e oltre» sulle cose e sull'uomo.
A questo punto Russotto (fino allo scorso anno Assistente Nazionale della Fuci) pone alcune possibili linee di soluzione. Non le anticipiamo, ma ci sembra che esse prendano veramente sul serio la cultura nella sua laicità e nel suo dialogo aperto con la fede, e i soggetti, soprattutto gli studenti nel loro percorso personale e comunitario di crescita e maturazione.
L'ultima serie di articoli raccontano «segni di presenza» cristiana (di soggetti cristiani) all'università che operano, a volte nella fatica della solitudine quando non dell'abbandono, a volte come avanguardie o pionieri della comunità ecclesiale, e che fanno la pastorale là, in loco. Parliamo delle varie associazioni e movimenti, in particolare della Fuci per lunga tradizione e competenza, e delle Cappelle universitarie (sia come soggetto tipico che come «metafora» delle varie presenze). Ogni discorso su PGU non può che iniziare a valorizzare e valutare cosa stanno facendo soggetti che lì spendono la vita.
Come strumento di valutazione e di proposta offriamo alla fine una scheda, utilizzata in un Convegno a Roma lo scorso anno.

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Newsletter
Speciale 2018
(Estate-Settembre-Ottobre)
NLspeciale2018

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

Il numero di NPG 
in corso
Estate 2018

cop estate2018

Il numero di NPG 
in corso
Settembre-Ottobre 2018

cop sett-ott2018

Post It

1. Abbiamo spedito agli abbonati, in un unico invio, il numero estivo (con i materiali di approfondimento per la proposta educativo-pastorale salesiana: "Io sono una missione - #perlavitadeglialtri") e quello di settembre-ottobre (sul Sinodo "Nel cuore del Sinodo. Temi generativi, sfide provocatorie, inviti alla conversione")

2. Uno splendido omaggio ai nostri abbonati: il libretto dell'INSTRUMENTUM LABORIS del Sinodo, in allegato alla spedizione dei due NPG di cui sopra

3. On line tutta NPG fino all'annata 2013 (come promesso, fino a 5 anni fa), e pulizia-aggiornamento definitivo dei files delle annate precedenti

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2018 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2018 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
navigare con una bussola

mappesito 1

PROGRAMMAZIONE
NPG 2018

programmazione 1

LECTIO DIVINA 
o percorsi biblici

lectiodivina 1 

DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina 1

LE INTERVISTE: 
PG e...

interviste 1

ENTI CNOS

cospes tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport

SITI AMICI

Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni vis asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi