Stampa
PDF

 

Aggirare l'ostacolo

Sorella Maria - Bose

13 febbraio 2018

 

In quel tempo 10si avvicinarono i discepoli a Gesù e gli dissero: «Perché a loro parli con parabole?». 11Egli rispose loro: «Perché a voi è dato conoscere i misteri del regno dei cieli, ma a loro non è dato. 12Infatti a colui che ha, verrà dato e sarà nell'abbondanza; ma a colui che non ha, sarà tolto anche quello che ha. 13Per questo a loro parlo con parabole: perché guardando non vedono, udendo non ascoltano e non comprendono. 14Così si compie per loro la profezia di Isaia che dice:
Udrete, sì, ma non comprenderete,
guarderete, sì, ma non vedrete.
15Perché il cuore di questo popolo è diventato insensibile,
sono diventati duri di orecchi
e hanno chiuso gli occhi,
perché non vedano con gli occhi,
non ascoltino con gli orecchi
e non comprendano con il cuore
e non si convertano e io li guarisca!
16Beati invece i vostri occhi perché vedono e i vostri orecchi perché ascoltano. 17In verità io vi dico: molti profeti e molti giusti hanno desiderato vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono!
Mt 13,10-17

Da ogni pagina dei Vangeli impariamo che Gesù è maestro di adesione alla realtà, e che non fa né dice mai nulla che non sia una risposta, una responsabilità che si prende della realtà che lo circonda. Dunque anche tutta la negatività della vita gli è sempre presente ed è proprio ciò a cui Gesù fa fronte.
In questo Vangelo colpisce il rapporto tra la capacità meravigliosa di Gesù di inventare parabole e la motivazione: “Hanno occhi e non vedono, hanno orecchie e non ascoltano”. Il parlare di Gesù in parabole, questa forma della parola così sapiente e geniale che ancora oggi mantiene intatta la sua eloquenza, ineguagliabile nell’interpellare i pensieri del cuore, e che ci lascia la libertà di accogliere o rifiutare la sua parola, è il tentativo di aggirare l’ostacolo della nostra cecità e sordità, della nostra paura di diventare responsabili di ciò che è alla portata dei nostri occhi e delle nostre orecchie.
Interrogato dai discepoli, Gesù dice: “Perché a voi è dato conoscere i misteri del regno di Dio, ma a loro non è dato”. Questa parola, che qui distingue i discepoli dalla folla, non dice arbitrio nella scelta di Dio, ma che il regno è accolto solo da alcuni: da chi lo accoglie non come un diritto ma come il dono più grande, diventandone discepolo. A ognuno la libertà di accoglierlo o rifiutarlo.
Gesù dice anche: “Come a chi ha sarà dato, a chi non ha sarà tolto anche quello che ha”. Questa parola ci turba se la prendiamo come una decisione sua: ma Gesù non sta affatto dicendo che è giusto così! Gesù, prendendo come sempre lezione dalla realtà, dice ciò che sempre accade: come il denaro fugge da chi ne ha poco e va da chi ne ha già tanto, come la conoscenza produce accrescimento di conoscenza e l’ignoranza di ignoranza, così chi accoglie il mistero del regno dei cieli cresce in questa conoscenza, e chi non ascolta la parola del regno ne resta sempre più lontano.
E Gesù cita il lungo testo di Isaia per interpretare la realtà che si trova davanti, che è la nostra e quella che anche noi abbiamo sempre davanti agli occhi: la cecità di coloro che hanno occhi ma non vedono l’evidenza, la sordità di coloro che hanno orecchi ma non odono il bisogno e il dolore che li attornia, l’invito alla conversione che tutto ci rivolge.
Gesù parla in parabole per tentare di aggirare questa situazione cronica degli umani, non certo per produrla! Dice: “Perché guardando non vedono, udendo non ascoltano e non comprendono” all’indicativo presente: sono una descrizione di ciò che accade, non una minaccia! Gesù interpreta ciò che gli avviene con la Parola di Dio: egli vedrà spesso fallire la parola di Dio e la sua, nel popolo come nei suoi discepoli. Ma continua ad aver fede nella potenza della Parola. Ed è ciò che narra nelle parabole, in quella del seminatore, in quella della zizzania e del buon grano, in quella del seme che germoglia e cresce senza che si sappia come. Perché le parabole ci leggono.
Esemplare nell’Antico Testamento, in 2 Samuele 12,1-8, quella in cui Natan, parlando di un povero derubato della sua unica capretta, rimprovera a David il suo delitto; ognuno può dire come David: “Quell’uomo merita la morte” pensando ad altri che a sé, oppure può arrivare a capire: “Sei tu quell’uomo” e pentirsi.

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Newsletter
Speciale 2018
(Estate-Settembre-Ottobre)
NLspeciale2018

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

Il numero di NPG 
in corso
Novembre 2018

NPG novembre 2018

Il numero di NPG 
precedente
Settembre-Ottobre 2018

cop sett-ott2018

Post It

1. Siamo in fase finale per il numero NPG di novembre su GIOVANI E AZZARDO. Nella NL la ripresa del tema con approfondimenti e materiali di uso animatori e docenti per gruppi e classi

2. Stiamo seguendo il Sinodo con gli eventi giorno per giorno...

3. Nella rubrica sulla Storia della salvezza, abbiamo inserito - per ogni tema artistico - una "guida" come lettura "critica" (a cura dell'autrice della rubrica, Maria Rattà).

4. On line tutta NPG fino all'annata 2013 (come promesso, fino a 5 anni fa), e pulizia-aggiornamento definitivo dei files delle annate precedenti

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2018 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2018 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
navigare con una bussola

mappesito 1

PROGRAMMAZIONE
NPG 2018

programmazione 1

LECTIO DIVINA 
o percorsi biblici

lectiodivina 1 

DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina 1

LE INTERVISTE: 
PG e...

interviste 1

ENTI CNOS

cospes tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport

SITI AMICI

Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni vis asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi