Stampa
PDF

 

La vita in abbondanza:

essere ciò che siamo

Sorella Raffaela - Bose

10 gennaio 2018


Prima di passare da questo mondo al Padre Gesù disse ai suoi discepoli: 9 Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvato; entrerà e uscirà e troverà pascolo. 10 Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza.
11 Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore. 12 Il mercenario – che non è pastore e al quale le pecore non appartengono – vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge, e il lupo le rapisce e le disperde; 13 perché è un mercenario e non gli importa delle pecore.
14 Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, 15 così come il Padre conosce me e io conosco il Padre, e do la mia vita per le pecore. 16 E ho altre pecore che non provengono da questo recinto: anche quelle io devo guidare. Ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo pastore.
Gv 10,9-16

Nel calendario liturgico romano e in quello delle chiese ortodosse, il 10 gennaio ricorre la memoria di Gregorio vescovo di Nissa, fratello di Basilio, uno dei grandi padri cappadoci che nel IV secolo hanno contribuito alla lotta contro l’arianesimo e alla formulazione della teologia espressa nel Credo di Nicea-Costantinopoli (381). La chiesa latina ricorda Basilio e Gregorio di Nazianzio il 2 gennaio. Per dare più solennità alla festa di Basilio, pastore e padre della vita monastica, a Bose abbiamo riservato per lui la celebrazione del 2 gennaio e riunito nella data odierna quella degli altri due grandi cappadoci: Gregorio di Nazianzio e Gregorio di Nissa.
Il testo del vangelo parla del pastore: Gesù, il buon Pastore che dà la sua vita per le pecore; Gesù, il cui esempio sono invitati a imitare quanti nella chiesa ricevono un compito di pastore. Il tema del pastore è legato a quello della vita, non solo perché il pastore dà la sua vita, ma anche perché Gesù dice “io sono venuto perché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza” (v. 10). Questa vita è vittoria sulla morte. Tutte le immagini di questa pericope hanno una risonanza pasquale e sono state usate dalla tradizione per rappresentare la vittoria di Gesù sulla morte: il “Pastore grande delle pecore” che il Dio della pace ha ricondotto dai morti (Eb 13,20) è venuto nel mondo per cercare la pecorella smarrita e, non avendola trovata, è sceso agli inferi, ha chiamato per nome Adamo, l’ha fatto uscire dal regno della morte. “Le pecore ascoltano la sua voce: egli chiama le sue pecore, ciascuna per nome, e le conduce fuori” (Gv 10,3). L’ultimo versetto “diventeranno un solo gregge, un solo pastore” (v. 16) riecheggia un testo di Ezechiele (cf. Ez 37,24), che segue immediatamente il ritorno alla vita delle ossa aride tramite la parola e lo Spirito e in cui è promessa l’uscita dalla morte e la riunificazione di tutto Israele.
Nel testo odierno vorrei sottolineare solo un aspetto: le mie pecore conoscono me e ascolteranno la mia voce. Come è possibile questa conoscenza, o meglio, questo riconoscimento della voce del pastore? Tutti desideriamo “la vita”, eppure la nostra esperienza quotidiana ci dice che molte volte diamo ascolto ad altre voci e siamo sordi alle parole che potrebbero guidarci su sentieri di vita. Desiderare “la vita” è anche il frutto di un’ascesi, di un imparare ad ascoltare il nostro desiderio profondo, le nostre possibilità. Nella tradizione biblica le attenzioni del pastore sono diverse in funzione dei bisogni delle diverse pecore (cf. Is 40,11). Ascoltare la voce del pastore significa imparare a capire la propria realtà: il proprio bisogno e il proprio desiderio. I ladri e i briganti che ci seducono e ci disperdono ci propongono spesso delle mete di eccellenza e dei propositi esemplari: il Signore Gesù ci chiede di essere noi stessi. Spesso questo è difficile e forse a volte pare drammatico, perché non sappiamo chi siamo. Il vangelo ci promette che c’è una voce che ci chiama, una parola che ci è stata consegnata, un desiderio che in parte è di Dio e in parte nostro: che abbiano la vita in abbondanza. Proprio poiché il desiderio non è soltanto nostro possiamo aver fiducia che, in un progresso che va da un inizio a un altro inizio, potremo custodire e far crescere quel segreto che il Signore ha posto in ciascuna delle nostre vite, segreto all’interno del quale troviamo la quiete e l’abbondanza di vita.
Chiunque ha un compito di “pastore” dovrebbe trasmettere la Parola ed esortare e consolare perché ciascuno possa entrare nel proprio personale segreto e lasciare che la Parola lo chiami per nome.

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Newsletter
Marzo 2018

NL marzo 2018

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

Post It

1. Sintesi delle risposte dei vari gruppi linguistici della RIUNIONE PRE-SINODALE e TANTO TANTO ALTRO

2. In allestimento finale il numero di aprile-maggio di NPG

3. On line tutta l'annata 2013 (come promesso, fino a 5 anni fa)

Il numero di NPG 
in corso
Marzo 2018

NPG cover marzo 2018

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2018 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2018 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

NPG segnala

  il BLOG di
Francesco Macrì

blog

 *****

il SITO di
Margherita Pirri
(autrice della ns colonna sonora)

pirri

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
navigare con una bussola

mappesito 1

PROGRAMMAZIONE
NPG 2018

programmazione 1

LECTIO DIVINA 
o percorsi biblici

lectiodivina 1 

DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina 1

LE INTERVISTE: 
PG e...

interviste 1

ENTI CNOS

cospes tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport

SITI AMICI

Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni vis asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi