La Pastorale universitaria

di chi fa didattica

e ricerca

Maria Grazia Marciani

Marciani
Il lungo iter che ho percorso nel mondo della conoscenza e del sapere, attraverso i vari livelli formativi, ha rappresentato per me il preludio e lo stimolo all’attività di docente universitario. L’attività universitaria in campo medico, che racchiude la didattica, la ricerca e l’assistenza, è stata da me vissuta per decenni ed è immagazzinata nella mia memoria come una “nuvola” leggera che racchiude in maniera confusa soddisfazioni, ansie, paure, gioie, speranze ecc.
E’ una nuvola rarefatta, monocromatica, a contorni mal definiti nel contesto della quale si intravedono isolati spots luminosi. Cosa sono queste sorgenti di luce che si stagliano nitide da un substrato nebuloso? Sono per lo più “persone” che, con modalità differenti e in contesti diversi, hanno lasciato un segno nel mio percorso formativo e nella mia vita, oltre che per il loro sapere, per quel “quid” che traspariva dal loro essere persona–docente; cioè per il loro carisma.
L’aver dedicato, fin dall’inizio della carriera, molto del mio tempo alla ricerca di base ha appagato e incrementato in me il desiderio di conoscenza non disgiunto dal gusto di progettare e realizzare novità; tutto ciò in un clima di sano spirito competitivo!
Nell’analizzare a ritroso quel periodo mi sono resa conto che, seppur affascinante per molti versi, esso era carente di qualcosa di cui avevo bisogno ma che non ero in grado definire non avendone piena consapevolezza. Percepivo cioè la ricerca sostanzialmente fine a se stessa cioè poco “umanizzata”. Negli anni successivi, pur se proficui sul piano scientifico, sono lentamente sorti in me interrogativi sempre più pressanti quali: chi è l’uomo, quale è il suo destino, quale è il senso della vita, in che cosa consiste la felicità?
Ai giorni nostri la ricerca scientifica, continuando a risentire di una mentalità positivista, tiene scarsamente conto di una visione metafisica e etica dell’uomo nonché di una visione cristiana della vita, “la conseguenza di ciò è che certi scienziati, privi di ogni riferimento etico, rischiano di non avere più al centro del loro interesse la persona e la globalità della sua vita….” (Fides et Ratio, 46 1998 G.P. II).
Porre al centro della mia attività la persona umana nella sua integralità attraverso un cammino di fede, è stata una esperienza particolare perché mi ha permesso di trovare una risposta agli interrogativi che mi ponevo. Il percorrere questa strada ha dato un senso anche alla mia vita di medico-docente. Ho vissuto questo impegno come una “missione” più che come una professione che appaga solo le esigenze intellettuali, la voglia di conoscere e di scoprire. La scelta di operare nell’università, piuttosto che in un istituto di sola ricerca o solamente assistenziale, era proprio nel voler rispondere ad una profonda esigenza: quella di contribuire alla formazione intellettuale, umana e spirituale dei giovani. Gli studenti sono persone “fragili” (nell’accezione di qualcosa di prezioso che deve essere salvaguardato) che vivono un composito periodo della loro vita in cui possiamo trovare alcuni tratti psicologici adolescenziali insieme ad aspetti della piena giovinezza o di una precoce maturità. Essere docenti non significa solo riversare le conoscenze, il sapere su dei “contenitori inanimati”; significa trasmettere ai giovani un “sapere affettivo” che integri l’umano in tutte le sue componenti e la ricerca della verità, Significa anche camminare al loro fianco sebbene con ruoli distinti.
Ciò però che per me rappresenta l’impegno più difficile da realizzare è quello di dare testimonianza di vita. Tale testimonianza, sia in aula che in una corsia di ospedale, non sarà percepita dai giovani come autentica se non è l’espressione di un mio vissuto reale e sincero sul piano razionale, umano e spirituale.
Questo intendo per Pastorale nell’Università: evangelizzare ovvero testimoniare, come persone, Cristo nella quotidianità della propria attività. Il giovane, sia credente che non, non si accontenta delle parole ma ha un essenziale bisogno di esempi che non siano solo espressione di un’alta professionalità, ma anche di umanità che comprende principi e valori. Il giovane, per me, è normalmente un giudice severo e sincero. Il suo comportamento può in parte essere utilizzato dal docente come unità di misura della coerenza del suo operare. L’annuncio cristiano nell’università da parte di chi ha scelto questa missione, deve essere possibilmente un gesto chiaro e deciso, comunicato in modo elementare e realizzato possibilmente in modo comunitario. Pertanto la formazione dei nostri giovani, nel campo intellettuale, umano e spirituale deve, per il docente, essere la “mission” prioritaria del suo operare.

Newsletter
Novembre 2017

NL-novembre17

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

sinodogiovani

Temi 
«generatori»
Pastorale e spiritualità giovanile

inprimopiano

invetrina2

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini
Un'esperienza di pellegrinaggio 
per i giovani

via-francigena

Per accompagnare
i cammini
Lo zaino del pellegrino giovane

vie

Percorsi geografici
culturali e religiosi
Lettere da ogni parte del mondo

percorsiruozi

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

PGNEWS

stampa

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

rubriche

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

Margherita Pirri: Un giorno di maggio

LIVE

webtvpic

Il numero di NPG 
in corso
Novembre 2017

cop-nov2017-400

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2017 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2017 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

sitica1

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

NPG Twitter

NPG Facebook

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
per navigare con una bussola

mappesito

PROGRAMMAZIONE
NPG 2017

programmazione

La DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina

Le INTERVISTE: 
PG e...

interviste

cospes vis tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport
Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni missionitv asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi