Obbedienza e pace

Fratel Guido - Bose

11 ottobre 2017


In quel tempo 15 Gesù disse a Simon Pietro: "Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?". Gli rispose: "Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene". Gli disse: "Pasci i miei agnelli". 16 Gli disse di nuovo, per la seconda volta: "Simone, figlio di Giovanni, mi ami?". Gli rispose: "Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene". Gli disse: "Pascola le mie pecore". 17 Gli disse per la terza volta: "Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?". Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli domandasse: "Mi vuoi bene?", e gli disse: "Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene". Gli rispose Gesù: "Pasci le mie pecore. 18 In verità, in verità io ti dico: quando eri più giovane ti vestivi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio tenderai le tue mani, e un altro ti vestirà e ti porterà dove tu non vuoi". 19 Questo disse per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio. E, detto questo, aggiunse: "Seguimi".
20 Pietro si voltò e vide che li seguiva quel discepolo che Gesù amava, colui che nella cena si era chinato sul suo petto e gli aveva domandato: "Signore, chi è che ti tradisce?". 21 Pietro dunque, come lo vide, disse a Gesù: "Signore, che cosa sarà di lui?". 22 Gesù gli rispose: "Se voglio che egli rimanga finché io venga, a te che importa? Tu seguimi".
Gv 21,15-22


Viene spontaneo pensare che questo brano evangelico riguardi essenzialmente solo chi ha un ministero pastorale all’interno della chiesa e che, di conseguenza, chi pastore non è ne sia toccato solo indirettamente. In realtà il vangelo odierno parla di amore e di sequela e, quindi, si rivolge a ogni discepolo del Signore, a ciascuno di noi. Parla di amore e di sequela ponendo accanto a Gesù Pietro e il discepolo amato, la roccia chiamata a riconfermare i fratelli e quel discepolo che ciascuno di noi è chiamato a divenire. Pietro è invitato a riaffermare il suo amore per Gesù – un amore con tutto il cuore, con tutta l’anima, con tutte le forze – e a rinnovare la sua sequela, quella sequela iniziata sulle rive del lago, ripresa dopo lo scandalo dell’annuncio della passione, e qui risanata dopo la triplice ferita del rinnegamento. Testimone e compagno di questo cammino di amore e di sequela è il discepolo amato, colui che è chiamato a sua volta a “rimanere”, a dimorare nell’amore e nella sequela.
Papa Giovanni XXIII – di cui oggi facciamo memoria, nell’anniversario dell’apertura del concilio Vaticano II da lui voluto – ha dato corpo a questo vangelo di amore e di sequela, lui che per ministero era Pietro e per nome assunto era il discepolo amato. Lui che in un certo senso ha capovolto la profezia indirizzata da Gesù a Pietro: giovane, è sempre andato dove gli altri lo mandavano. Fianchi cinti, bastone in mano, calzari ai piedi, Angelo Giuseppe Roncalli andava in “obbedienza e pace” (questo il suo motto episcopale) dove altri lo mandava, sempre annunciando il vangelo dell’amore e chiedendo sequela all’amore. Divenuto vecchio nell’obbedienza, ha condotto la chiesa là dove il Signore voleva che andasse, anche se alcuni – forse molti – non volevano seguirlo. Solo in giorni recenti vi è chi ha voluto di nuovo condurlo là dove egli non avrebbe voluto andare: patrono disarmato di uomini in armi, proprio lui che aveva annunciato e costruito una “pacem in terris” rivolta a tutte le persone di buona volontà e non a una singola nazione tra le altre.
Quel semplice prete bergamasco – “nato povero, ma da onorata ed umile gente”, “particolarmente lieto di morire povero” – ha saputo conquistare i cuori e ottenere sequela perché il suo cuore era stato conquistato e tutta la sua vita era divenuta sequela: “Signore, tu sai tutto, tu sai che ti amo!”. Questa confessione di fede e di amore Angelo Roncalli non ha atteso di divenire papa per professarla; se mai, il suo ministero petrino l’ha dilatata, effusa su ogni essere umano: “Sappiate che Dio vi ama, e un piccolo segno di questo amore è che anch’io vi amo!”. Sequela e amore, obbedienza e pace sono stati il magistero di quell’uomo mandato da Dio il cui nome era Giovanni, ma era anche Giuseppe “vostro fratello”, quel fratello che i lontani non sapevano più di avere. Sequela e amore fino alla fine, perché così ha chiesto il Signore: “Tu seguimi!”, il discepolo amato rimane. Se tu mi segui, l’amore rimane fino al mio ritorno; se tu mi segui, la sequela finirà con il mio ritorno, l’amore no, perché l’amore non avrà mai fine.

Newsletter
Dicembre 2017

NL-novembre17

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Temi 
«generatori»
Pastorale e spiritualità giovanile

inprimopiano

invetrina2

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini
Un'esperienza di pellegrinaggio 
per i giovani

via-francigena

Per accompagnare
i cammini
Lo zaino del pellegrino giovane

vie

Percorsi geografici
culturali e religiosi
Lettere da ogni parte del mondo

percorsiruozi

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

PGNEWS

stampa

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

rubriche

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

Margherita Pirri: Un giorno di maggio

LIVE

webtvpic

Il numero di NPG 
in corso
Dicembre 2017

cop8-2017

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2018 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2018 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

sitica1

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

NPG Twitter

NPG Facebook

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
per navigare con una bussola

mappesito

PROGRAMMAZIONE
NPG 2018

programmazione

La DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina

Le INTERVISTE: 
PG e...

interviste

cospes vis tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport
Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni missionitv asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi