Stampa
PDF

Le traversate della vita

 

Le traversate della vita

Fratel Matteo - Bose

8 agosto 2017


In quel tempo 22 Gesù costrinse i discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull'altra riva, finché non avesse congedato la folla. 23 Congedata la folla, salì sul monte, in disparte, a pregare. Venuta la sera, egli se ne stava lassù, da solo. 
24 La barca intanto distava già molte miglia da terra ed era agitata dalle onde: il vento infatti era contrario. 25 Sul finire della notte egli andò verso di loro camminando sul mare. 26 Vedendolo camminare sul mare, i discepoli furono sconvolti e dissero: «È un fantasma!» e gridarono dalla paura. 27 Ma subito Gesù parlò loro dicendo: «Coraggio, sono io, non abbiate paura!». 28 Pietro allora gli rispose: «Signore, se sei tu, comandami di venire verso di te sulle acque». 29 Ed egli disse: «Vieni!». Pietro scese dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù. 30 Ma, vedendo che il vento era forte, s'impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: «Signore, salvami!». 31 E subito Gesù tese la mano, lo afferrò e gli disse: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?». 32 Appena saliti sulla barca, il vento cessò. 33 Quelli che erano sulla barca si prostrarono davanti a lui, dicendo: «Davvero tu sei Figlio di Dio!».
34 Compiuta la traversata, approdarono a Gennèsaret. 35 E la gente del luogo, riconosciuto Gesù, diffuse la notizia in tutta la regione; gli portarono tutti i malati 36 e lo pregavano di poter toccare almeno il lembo del suo mantello. E quanti lo toccarono furono guariti.
Mt 14,22-36

Il racconto della “traversata” (v. 34) del lago può essere letto come il racconto della traversata, o meglio, delle traversate della nostra vita; come la metafora di questo nostro viaggio: viaggio che attraversa la solitudine per approdare alla comunione, viaggio che attraversa la paura per approdare alla pace e, soprattutto, viaggio che attraversa l’incredulità per approdare alla fede.
Dalla solitudine alla comunione è la prima metafora che può cogliere in sintesi il significato del noto racconto evangelico di oggi, che segue immediatamente il racconto della prima moltiplicazione dei pani. I discepoli sono quasi messi alla prova da Gesù nella loro capacità o incapacità di stare con lui anche in sua assenza: Gesù, infatti, “costrinse i discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull’altra riva” (v. 22). Sembra quasi che Gesù dica a suoi: “Nutrìti dal pane della mia presenza, siate forti e andate!”. Pane della presenza e pane della Parola, della sua Parola che sempre chiama alla comunione con lui: “Vieni!” (v. 29). Invito forte e salvifico, senza il quale ogni nostro passo è minacciato di scoraggiamento, di affondamento; invito che ci strappa da noi stessi e che risponde al nostro desiderio più profondo: “Comandami di venire verso di te” (v. 28), e io avrò la forza di lasciare la mia solitudine autistica per vivere della tua comunione in una solitudine abitata della tua presenza.
Dalla paura alla pace è la seconda immagine della traversata. La barca è “agitata” (v. 24), i discepoli sono “sconvolti” e hanno “paura” (v. 26), Pietro si impaurisce e va a fondo (cf. v. 30). È l’immagine più quotidiana della nostra vita, situazione in cui solo una mano amica può afferrarci (cf. v. 31) e condurci al luogo della pace. Un luogo che non è un altrove rispetto alla nostra barca; è la stessa barca, nella quale però dobbiamo imparare a vivere altrimenti, con la certezza di una presenza accanto: “Appena saliti sulla barca, il vento cessò” (v. 32). Appena ritorniamo alla barca della nostra vita, in qualsiasi situazione essa si trovi, consapevoli della presenza del Signore accanto a noi e in noi, troveremo pace e gioia, felici di essere approdati al porto desiderato, come afferma il salmo 107: “Al vedere la bonaccia essi gioirono ed egli li condusse al porto sospirato” (Sal 107,30).
Dall’incredulità alla fede è l’ultima e riassuntiva immagine di questo nostro viaggio. Un viaggio, come ogni vero viaggio, che conduce alla scoperta di un inedito: è questo il viaggio di una più approfondita scoperta di colui nel quale riponiamo la nostra fede, di colui che “è la nostra pace” (Ef 2,14). “Uomo di poca fede, perché hai dubitato?” (v. 31). Non è un rimprovero, è un’invocazione di consapevolezza. Tu, uomo, fermati e chiediti con sincerità: nei tuoi fallimenti, nelle tue paure, nei tuoi andare a fondo, che cosa guardi? Guardi te stesso che affondi? Il vento che ti fa sprofondare? O piuttosto sai dire, con semplicità e coraggio: “Signore, sii tu a salvarmi!” (v. 30)? Ti sai affidare a colui che è più grande del tuo cuore impaurito e volgere i tuoi occhi e il tuo cuore verso colui che è lì e ti chiama: “Vieni!” (v. 29), io sto alla porta del tuo cuore, sono già nella tua barca?

 

Newsletter
Dicembre 2017

NL-novembre17

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

sinodogiovani

Temi 
«generatori»
Pastorale e spiritualità giovanile

inprimopiano

invetrina2

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini
Un'esperienza di pellegrinaggio 
per i giovani

via-francigena

Per accompagnare
i cammini
Lo zaino del pellegrino giovane

vie

Percorsi geografici
culturali e religiosi
Lettere da ogni parte del mondo

percorsiruozi

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

PGNEWS

stampa

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

rubriche

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

webtvpic

Il numero di NPG 
in corso
Dicembre 2017

cop8-2017

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2018 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2018 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
per navigare con una bussola

mappesito

PROGRAMMAZIONE
NPG 2018

programmazione

La DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina

Le INTERVISTE: 
PG e...

interviste

cospes vis tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport
Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni missionitv asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi